NEWS

Ancora fiducia nel motore a combustione

14 febbraio 2018

La Mazda annuncia i risultati di una ricerca su scala europea inerente i temi della mobilità futura e della guida autonoma.

Ancora fiducia nel motore a combustione

LA RICERCA DELLA MAZDA - Le automobili del futuro? A benzina o a diesel. Attualmente, è questo il pensiero del 59% degli italiani secondo la ricerca condotta dalla Mazda, insieme all’istituto specializzato Ipsos Mori, ribattezzata “Driver project”. L’indagine ha coinvolto 11.008 persone sparse tra i principali mercati europei. Una media del 58% ritiene che i motori benzina e diesel abbiano ancora ampie possibilità di innovazione e di miglioramento. Questa aspettativa è del 59% in Italia, supera il 60% in Germania, Spagna e Svezia e tocca il 65% in Polonia. Di fatto, la ricerca mette in chiaro come molti automobilisti non abbiano in mente forme di propulsione ibride o alternative per il futuro a medio termine. 

DIESEL OK ANCHE CON LE ELETTRICHE - A confermare questo aspetto, c’è il fatto che il 31% degli automobilisti intervistati si augura che le auto diesel continueranno a esistere anche a fronte della maggiore diffusione delle elettriche. Inoltre, il 33% su scala europea dice di preferire ancora un’auto a benzina o a diesel nei confronti di una vettura elettrica a parità di costi di mantenimento. Questa opinione, in Italia, è espressa dal 54% delle persone coinvolte nella ricerca. Anche la guida autonoma è nel mirino dello studio: solo il 33% di chi guida, tuttavia, aspetta con favore l’avvento delle auto self-driving, valore che scende al 25% in Francia e in Olanda.

EMOZIONE AL VOLANTE - Nella guida, da sempre, c’è tanta emozione per chi vede la macchina non solo come un mezzo di trasporto. Anche questo sentimento emerge dalla studio: una media europea del 69% degli automobilisti spera che le generazioni future possano continuare ad avere la possibilità di guidare le automobili, un valore che si attesta al 74% in Polonia, al 70% e più nel Regno Unito, in Germania, in Francia e in Svezia, e che arriva al 59% in Italia. 

MAZDA E LA GUIDA SOSTENIBILE - Questi risultati arrivano in uno scenario che vede la Mazda, promotrice della ricerca, intensifica il suo progetto Sustainable Zoom-Zoom 2030 che vuole fondere il meglio dei motori a combustione interna insieme a efficaci tecnologie di elettrificazione. Fondamentale per questo progetto ambizioso è SKYACTIV-X, il primo motore a benzina di serie al mondo a utilizzare l’accensione per compressione. Questo nuovo motore combina i vantaggi dei motori a benzina e di quelli diesel per ottenere eccellenti prestazioni ambientali, di potenza e di accelerazione.

Aggiungi un commento
Ritratto di Gianni.ark
14 febbraio 2018 - 22:55
Perché sono visti come uno status-symbol e fanno sentire importanti, per tanta gente sta in questro l'emozione... credo.
Ritratto di Arreis88
14 febbraio 2018 - 23:24
Tristissima verità.
Ritratto di Agl75
17 febbraio 2018 - 14:07
Se è per quello in molti si godono una punto.
Ritratto di Dr.Torque
15 febbraio 2018 - 10:00
Italia patria di appassionati di motori e di guida? Sembra non più a leggere questa statistica. Siamo anzi più disincantati verso questi argomenti di altri paesi in teoria più "freddi" di noi. Effetto delle nuove generazioni cresciute nel digitale? Del traffico che trasforma la guida in un incubo? Delle tasse che martellano il mondo dell'auto da anni? Delle sanzioni per i comportamenti scorretti alla guida?
Ritratto di Mbutu
15 febbraio 2018 - 10:00
Mi pare che questo sondaggio (il termine "ricerca" mi sembra un po' pretenzioso), sia stato presentato in maniera decisamente fuorviante. Il fatto che il 58% degli intervistati ritenga che i motori termici possano avere ancora margini di miglioramento non significa che "vedano il futuro ancora a combustione". Altrimenti non si spiegherebbe perchè il 67%, a parità di costi, preferirebbe un'elettrica. Piuttosto questo dato dovrebbe far pensare il contrario.
Ritratto di v8sound
16 febbraio 2018 - 09:09
E perché? Sono due aspetti slegati tra di loro.
Ritratto di v8sound
16 febbraio 2018 - 09:13
Comunque ad aver fiducia sui motori endotermici, a ragione (considerazione personale), sono i principali costruttori a livello mondiale. Che poi l'elettrico possa nel medio termine aumentare la propria quota è probabile, del resto passare dallo 0,1% anche all' 1% significa comunque decuplicare il numero delle immatricolazioni.
Ritratto di ELAN
15 febbraio 2018 - 10:12
Non solo sky-X... nell'immediato hanno portato a 190cv il 2.2 con aggiornamenti strutturali. Li hanno messi a listino in Giappone.. ed in USA anche hanno lanciato gli Sky-D. Alla faccia che il diesel sia morto!
Ritratto di Spock66
15 febbraio 2018 - 14:21
Mi sembra un bagno di realismo. Oggi le case fanno tutte le "fighette" a dirsi green e self-driving, e i babbioni del politically correct gli vanno dietro, ma poi la realtà, la fisica e l'economia li farà continuare a produrre come oggi per almeno un venti-trentanni..tutto il resto è pubblicità o prodotti di super-nicchia venduti in perdita (ogni rifermento a Tesla è voluto).
Ritratto di Mbutu
15 febbraio 2018 - 18:08
Addirittura la fisica? Oibò, ma quindi le auto elettriche si muovono per magia. Insomma "babbioni" contro "babbani".
Pagine