NEWS

Mazda CX-30: un’iniezione di cavalli e una “special”

Pubblicato 03 marzo 2021

Per la crossover Mazda CX-30 arriva un leggero aggiornamento al motore 2.0 e-Skyactiv X, che guadagna 7 CV. Debutta anche l’edizione limitata 100th Anniversary.

Mazda CX-30: un’iniezione di cavalli e una “special”

VERSIONE CELEBRATIVA - Forme slanciate, oltre a interni accoglienti e ben rifiniti, restano i tratti distintivi anche per questa edizione 2021 della crossover di medie dimensioni (440 cm la lunghezza) Mazda CX-30. In occasione dei cento anni della casa giapponese arriva un inedito allestimento 100th Anniversary (foto qui sotto), riservato alla 2.0-X M Hybrid (monta il due litri e-Skyactiv X appena rinnovato, con 7 CV in più) con cambio manuale a sei marce e trazione anteriore. Si distingue per la tinta bianca della carrozzeria e il rivestimento in pelle bordeaux per i sedili, con logo 100th Anniversary impresso nei poggiatesta. Nei 36.500 euro la Mazda CX-30 2.0 X-Hybrid 100th Anniversary include i cerchi in lega di 18” con logo dedicato, i fari a matrice di led, i sedili anteriori riscaldabili e a regolazione elettrica, oltre all’impianto multimediale con schermo di 8,8” e navigatore. Della completa dotazione di aiuti alla guida fanno parte la frenata automatica d’emergenza attiva anche nelle retromarce e il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori.

HANNO LAVORATO DI FINO - Come accennato, l’altra novità riguarda l’aggiornamento del più potente tra i motori ibridi leggeri a benzina della Mazda CX-30, il 2.0 e-Skyactiv X, che ora ha un rapporto di compressione un po’ più basso, passando da 16,3:1 a 15:1, senza comunque perdere in efficienza a detta della casa giapponese. Non cambia il principio di funzionamento, che sfrutta una miscela magra (ovvero con un più basso rapporto carburante/aria) e un’accensione per compressione (un po’ come nei motori a gasolio), comunque controllata da una candela. Nel dettaglio, il motore e-Skyactiv X funziona attraverso una prima iniezione che invia una miscela “magra” nel cilindro, e solo quando il pistone è quasi al punto morto superiore è emessa una seconda spruzzata di miscela più ricca e la candela scocca la scintilla. Grazie all’elevato rapporto di compressione, questa “palla di fuoco” riscalda e comprime il resto della miscela accendendola completamente. Secondo la Mazda il motore può così raggiungere un’elevata efficienza a vantaggio di consumi ed emissioni inquinanti. Le altre modifiche riguardano il profilo del cielo dei pistoni, i tempi di fasatura delle valvole e la gestione elettronica del motore. Il risultato di tutti questi interventi è l’aumento sia della potenza, che passa da 179 a 186 CV, sia della coppia massima: 240 Nm a 4000 giri, 16 Nm più di prima. Come prima, il motore a benzina è abbinato a un’unità elettrica da 48 volt e 7,9 CV, collegata al 4 cilindri tramite una cinghia, e una piccola batteria agli ioni di litio. Grazie agli affinamenti del motore a benzina, calano i consumi dichiarati per questo sistema mild hybrid: 17,9 km/l la media contro i 15,4 di prima (entrambi in base al ciclo WLTP), nella versione con cambio manuale. 

COME VA - Nella guida i 186 cavalli della Mazda CX-30 2.0-X M Hybrid rispondono con maggiore prontezza ai bassi regimi rispetto alla versione con il motore da 179 CV e, oltrepassati i 4000 giri, l’erogazione diventa quasi sportiva, accompagnata da una gradevole sonorità. L’allestimento della vettura provata è il più ricco Exclusive (34.550 euro con praticamente tutto di serie, interni in pelle compresi), che offre fra gli optional il cambio automatico a 6 marce presente nell’auto del test. Costa 2.000 euro (levette dietro il volante comprese) e si fa apprezzare per la sua fluidità e la giusta rapidità, che accentua l’impressione di una maggiore, e soddisfacente, vivacità dell’auto in ripresa. Per il resto, la Mazda CX-30 2.0-X M Hybrid si conferma una crossover gradevole da guidare, che si presta ad andature vivaci accompagnate da un buon comfort, grazie al valido isolamento acustico dell’abitacolo. Pur con la generosa impronta a terra dei penumatici 215/55 R 18 (di serie) la taratura non eccessivamente dura delle sospensioni garantisce un discreto assorbimento delle sconnessioni dell’asfalto e limita il rollio quel tanto che basta per dare una buona agilità. Nulla da ridire sullo sterzo, preciso e non troppo pesante. Nel corso del test affrontato con brio su strade di montagna e in autostrada, il computer di bordo ha calcolato un consumo intorno a 10 km/l.

Mazda CX-30
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
98
66
32
26
33
VOTO MEDIO
3,7
3.666665
255




Aggiungi un commento
Ritratto di giulio21
3 marzo 2021 - 21:10
brutta è dir poco, tutta quella plastica nera, il frontale tozzo e dietro sembra un'auto di 10 anni fa... a livello motoristico insomma... brava se ne farà 10km/l...
Ritratto di Orgoglio_Italiano
3 marzo 2021 - 21:26
È evidente che non ne hai mai toccata una con mano e, forse, manco vista per strada. Riprova, sarai più fortunato e ti ricrederai!
Ritratto di Flynn
3 marzo 2021 - 21:35
Passaruota orrendi e interni dal design di 10 anni fa. No grazie, decisamente meglio X1 o Q3. E per info, si, sono andato in concessionaria a vederla.
Ritratto di Orgoglio_Italiano
3 marzo 2021 - 21:54
Flynn allora mettiti gli occhiali! E, soprattutto, X1 e 1 Q3 costano un'enormità in più senza offrire chissà cosa in più.
Ritratto di Flynn
3 marzo 2021 - 22:04
Quel qualcosa in più sono dei motori decisamente più performanti. Ma poi il cambio: ma veramente montano un automatico a solo 6 marce? Ma dai, su !
Ritratto di Giuliopedrali
4 marzo 2021 - 16:32
Una delle migliori auto di oggi e dal design che sarebbe da definire perfetto se non fosse per la fascia nera in basso.
Ritratto di opinionista
5 marzo 2021 - 13:09
2
Io aggiungerei passaruota in plastica grezza di dimensioni esagerate che oltre a rimpicciolire il cerchio risultano in pugno in un occhio sopratutto sull’esemplare bianco qui rappresentato.
Ritratto di neuropoli
5 marzo 2021 - 11:35
@Orgoglio_I: Ma tutto quello che piace a te, deve piacere anche agli altri?
Ritratto di Miti
4 marzo 2021 - 10:54
1
@ Orgoglio italiano## Concordo con Flynn. Considero una casa che è al livello motoristico molto indietro rispetto ai tedeschi. La linea del frontale mi ha tenuto lontano nel acquisto della Mazda 3, ad esempio. Forse era bella anni fa ma adesso devono cambiare qualcosa ... Troppo vecchia. E non puoi vantarti solo della qualità costruttiva al infinito. Quel muso pesa. Letteralmente.
Ritratto di giulio21
3 marzo 2021 - 21:43
una volta ero andato a provare la mazda 2, poi mi sono guardato anche le altre, beh gli abitacoli sono claustrofobici e le plance sono ferme a 10 anni fa...
Pagine