NEWS

Mercato in calo in Europa, ma non per l'Alfa Romeo

17 maggio 2011

In aprile le immatricolazioni nel vecchio continente sono scese del 4,1%. Tra i mercati più importanti, cresce soltanto quello tedesco: +2,6%. Continua la corsa dell'Alfa (+63,2%) ma Fiat e Lancia sono sempre giù.

BENE LA SOLA GERMANIA - Anche in aprile c’è stato un calo delle immatricolazioni in Europa: le 1.089.118 auto registrate rappresentano il 4,1% in meno rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. E il bilancio dei primi quattro mesi del 2011 parla di 4.674.457 auto immatricolate, ossia il 2,7% in meno rispetto allo stesso periodo del 2010. In controtendenza la Germania, primo paese per volume di vendite, dove le immatricolazioni sono cresciute del 2,6% (+4,1% da inizio anno). Un risultato ben diverso da quello degli altri principali mercati europei: ad esempio, in aprile in Italia si è registrato un calo del 2,2% (leggi qui per saperne di più), seguito dal -7,4% dell'Inghilterra, dal -11,1% della Francia e il -23,3% della Spagna.

L'ALFA VA A GONFIE VELE - Spostando l'attenzione ai costruttori, anche in aprile continua il periodo d'oro dell'Alfa Romeo: grazie al successo della Giulietta, in Europa sono state immatricolate 12.238 auto, il 63,2% in più rispetto allo scorso anno. Dall’inizio dell’anno il conto sale a 51.007 unità (+52,8%). Se l'Alfa Romeo continua a registrare progressioni, sempre in calo le vendite degli altri due principali marchi del gruppo torinese: -14,5% la Fiat, e -11,6% la Lancia.

FRANCESI IN CRISI - Tutti gli altri cosiddetti costruttori generalisti (quelli, cioè, che producono soprattutto auto di grande diffusione) appaiono in crisi, se si escludono le forti crescite di Mitsubishi (+47,2%), Hyundai (+28,4%) e Nissan (+14,5%), quelle meno marcate di Volkswagen (+3,5%), Skoda (+1,5%), Opel (+1,3%), e il sostanziale pareggio di Seat e Kia (entrambe mettono a segno un -0,2%). Peggio di tutti fanno le giapponesi Honda (-34,3%) e Mazda (-25,2%), seguite dalle francesi Peugeot (-19,1%), Citroën (-17,3%) e Renault (-16,1%); ma perdono clienti anche Suzuki (-7,7%), Toyota (-3,7%), Ford (-3,4%) e Chevrolet (-2,9%).

IL LUSSO TIRA (QUASI) SEMPRE - Come nei mesi precedenti, i costruttori di auto “di prestigio” continuano a registrare incrementi nelle immatricolazioni. In aprile, su tutti, svetta la Lexus che registra un +101,5%. Il suo exploit, dovuto in larga misura alle consegne della nuova berlina a cinque porte CT 200h, è seguito da quello di Mini (+13,8%), Audi (+4,5%), BMW (+2,6%) e Volvo (+1,9%). In leggero calo la Mercedes (-1,2%), mentre crollano le immatricolazioni della Jaguar (-45,1%) e sono in flessione quella della Land Rover (-7,6%).
 



Aggiungi un commento
Ritratto di Maik147
17 maggio 2011 - 12:46
facile dire l'Alfa in crescita:era in perenne declino ma bisogna ricordarsi che per quanto la Giulietta stia avendo un buon successo bisognerà aspettare ancora!!Appena uscite pure 159,Brera e Spyder vendevano di brutto per poi finire in clamorosi flop tanto che Brera e Spyder sono dopo soli 4 anni fuori produzione!!Sicuramente la Giulietta(con un ottima qualità) non farà questa fine ma da sola non basta e serve molto altro per far tornare l'Alfa quella di un tempo!!Una Vera Alfa Romeo...................
Ritratto di Gabryxxx
17 maggio 2011 - 13:05
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di cooper
17 maggio 2011 - 12:50
Sarà crisi, ma provate a contattare le reti di vendita di auto. Tempi di attesa modelli in aumento, auto in pronta consegna pochissime, per avere informazioni è peggio che recarsi in Vaticano. Oggi dove tutto si compra con un paio di clic, questi fanno scappare la voglia. E configurazioni, accessori, combinazioni, disponibilità, varianti, permute, burocrazia.......
Ritratto di Ejdur
17 maggio 2011 - 13:10
Per fare un esempio nel 2003 l'alfa vendeva ben 93.000 147 e 59.000 156 in Europa. Praticamente era come ora cioè vendeva 2 modelli che sommati alla 166, alla spider e alla GTV, che avevano vendite risicate, davano un totale totale 160.000 unità! L'alfa in 4 mesi vende 50.000 auto, facendo una proiezione annuale si raggiungono le 150.000 unità! Come nel 2003! 2011 2 modelli, 2003 2 modelli! Spiegatemi cosa c'è di eccezionale? O l'eccezione che conferma la regola? L'anno scorso alfa campava di sole mito dato che la 147 era obsoleta per il mercato ormai, si introduce la sostituta della 147 e tò miracolo si raddoppiano le vendite! Poi non so come ma è una mia convinzione che la giulietta, ruba si qualche cliente alla golf, ma per me in maggior parte a chi aveva intenzione di prendere bravo, mito o delta! Poi e nuova, si trova di fronte un golf 6 a più di metà vita e serie 1 e a3 sul viale del tramonto! E stata un'ottima di marketing l'idea introdurla in questo periodo!
Ritratto di carlo1967
17 maggio 2011 - 13:32
Nulla da aggiungere. Saluti.
Ritratto di Falco
17 maggio 2011 - 13:22
2
Non dimentichiamoci della 159 Super che con il suo allestimento completo da ben 31000€ viene venduta a 23700,manovra che ha fatto preferire la berlina del biscione alle sue concorrenti ben più costose. Complimenti all'Alfa che con i suoi 3 modelli sta facendo registrare vendite positive
Ritratto di mix1977
19 maggio 2011 - 10:45
fà tanto presa per i fondelli a chi come me ha preso la 159 (progression) a marzo pagandola la bellezza di 26500.... per avere un'allestimento più scarno della super.... (i concessionari ti dicevano che il prezzo era risicato e di più non si riusciva....)
Ritratto di Paliddu
29 novembre 2011 - 10:06
D'accordo su tutto,ma non mi rendo conto del perchè della diminuizioni dei cv da 150 a 136.Forse per motivi fiscali? Se poi pensiamo che la vettura pesa quasi 1.500 chili...Dopo l'eventuale acquisto mi chiedo quanti rimapperanno la centralina o metteranno il modulo aggiuntivo.
Ritratto di evoluzione80
17 maggio 2011 - 14:22
allibito da questi commenti. Se l'Alfa fosse stata in perdita ci sarebbero stati commenti tipo questo..."ecco, il gruppo Fiat non si smentisce, l'alfa e' morta"...Marchionne qua....Marchionne la e boiate del genere...ora che si vede una ripresa indipendentemente dal numero di auto vendute (voglio far notare che e' sempre e comunque un dato positivo), i commenti sono altrettanto negativi...certa gente (anti-fiat) non la capisco!...e poi magari per un +1.5% di vendite di un gruppo tedesco esultano a suon di brindisi...blah!!!
Ritratto di sagittario32
17 maggio 2011 - 15:13
Quoto in pieno evoluzione80!!
Pagine