NEWS

Mercedes Classe C: già su strada la nuova generazione

25 aprile 2019

Arriverà tra il 2020 e il 2021 la quinta edizione della Mercedes Classe C, più tecnologica, leggera e "green".

Mercedes Classe C: già su strada la nuova generazione

MULETTI SU STRADA - Mancano meno di due anni al debutto della quinta generazione della Mercedes Classe C che dovrebbe arrivare tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021. Gli esemplari di prova (nella foto eccone uno nei pressi del Nürburgring) sono già su strada, infatti le case tedesche sperimentano per circa due anni i muletti prima dell’inizio della produzione. Le camuffature sono ancora pesanti, dunque è presto per fare commenti sul design; quello che possiamo constatare è che la classica forma a “tre volumi” della berlina Mercedes sarà preservata. Anche la lunghezza non dovrebbe differire troppo dai 469 cm della Classe C attuale, anche perché la nuova generazione dovrebbe utilizzare un’evoluzione del pianale odierno, denominato MRA, alleggerito con l’uso di alluminio in varie parti: il peso di conseguenza sarà inferiore, a vantaggio dei consumi e delle emissioni.

SOLO A 4 CILINDRI? - Per quel che riguarda gli interni è probabile che la Mercedes Classe C del 2020 segua l’esempio della sorella maggiore Classe S, anch'essa in procinto di essere sostituita, adottando un nuovo maxi schermo verticale, in stile Tesla, posto nella console centrale, attraverso il quale visualizzare tutte le funzioni del rinnovato sistema multimediale MBUX. Altro passo avanti verrà fatto nei sistemi di assistenza alla guida, che potrebbero raggiungere il livello 3 di guida autonoma e nella disponibilità di spazio per le batterie delle versioni ibride plug-in, che avranno un’autonomia ancora maggiore rispetto a oggi. Proprio i motori ibridi, costituiti da 4 cilindri termici coadiuvati da motori elettrici, potrebbero decretare la fine dei 6 cilindri della generazione attuale. Non dovrebbe mancare anche una versione elettrica pura della Mercedes Classe C, che potrebbe rientrare nella famiglia di auto a zero emissioni Mercedes EQ.



Aggiungi un commento
Ritratto di Gwent
25 aprile 2019 - 19:08
2
Il fatto di fare la versione elettrica non aiuta verso un immagine più high tech del modello: O la fai nascere come normale auto a motore termico oltre alle versioni ibride, o la fai solo elettrica e basta per farne una vera e propria anti-Model 3, a tal proposito leggevo che forse Lexus potrebbe far nascere la prossima IS solo elettrica deviando così la rivalità verso Tesla e spostandola definitivamente da mercedes e bmw, ma in un altro post leggevo e spero non accada mai, che la prossima IS potrebbe adottare motori bmw, non perché i bmw non siano bei motori, e ci mancherebbe, ma farebbe la fine dell'Infiniti coi diesel Mercedes. A quel punto sarebbe molto meglio, come terza via, abbandonare del tutto le motorizzazioni tradizionali e puntare solo a quelle ibride declinate in vari step ed evitando il phev come la peste e sfruttare moduli ibridi a elevate prestazioni per dare un boost di potenza supplementare alle versioni F. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Fr4ncesco
25 aprile 2019 - 19:24
2
Così fosse anche la Lexus abbandonerebbe un'altra berlina, almeno convenzionale, per prodotti con margini più elevati. D'altronde leggevo che anche le sedan best sellers giapponesi hanno avuto un drastico calo, in particolare la Accord che già non è stata riproposta in un suo mercato fondamentale come quello australiano. La Camry tiene solo perché ha sempre venduto molto e il calo dovuto ai SUV è più contenuto rispetto ai numeri alti. Non sono sicuro invece del futuro della Avalon, il ché sarebbe un peccato perché è l'ultima fullsize sedan a trazione anteriore dai costi irrisori.
Ritratto di Gwent
25 aprile 2019 - 19:56
2
Una cosa è certa: Proporre la versione elettrica in mezzo a quelle tradizionali, sarebbe per Mercedes una mossa davvero poco efficace, una versione "Me too" come a dire "hey ci sono anche io, non solo la Model 3" facendo il gioco di Musk, e accadrebbe di certo che tale versione passi inosservata, anche se ti chiami Mercedes perché l' elettrico resetta e mette tutti i costruttori sullo stesso piano ecco perché non mi piace, anni e anni di storia e prestigio guadagnati anche in pista cancellati con un colpo di spugna, già oggi parlare con un fanatico Teslaro ti fa venir3 la pelle d'oca per il disprezzo che nutre verso tutti gli altri marchi. I tedeschi non avrebbero mai dovuto accettare questa sfida, se lo avessero ignorato la Tesla non sarebbe stato che un altro tentativo, l'ennesimo, di far passare l'auto elettrica come la panacea a tutti i mali del mondo. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando.
Ritratto di Agl75
25 aprile 2019 - 22:57
@gwent interessante analisi che condivido solo in parte. L’elettrico non è una opzione trascurabile che si può accettare o meno. L’Europa ha già fatto scelte chiare e c’è ne stiamo accorgendo ora con l’esplosione di nuovi modelli sempre più elettrificati. I teslari sono come gli appartenenti del primo minuto di una setta: Tesla è la verità assoluta. Non è ovviamente così. Di vero c'è che con l’elettrico si “stronzifica” il concetto di auto: oltre al design (interni ed esterni), entertainment, cosa rimane? La capacità di una pila... Spostarsi sulle premium è obbligatorio per tutti quelli che vogliono far soldi nell’immediato e sopravvivere in prospettiva. Che senso avrà comprare, che so, una BMW solo per il brand quando i motori/batterie saranno fabbricati per tutti da due o tre produttori a livello mondiale e tutto il resto non richiede chissà che tipo di costose competenze? Immaginiamo una qualunque sedane, “motorizzata” con elettrico Made in china, firmata da una futura Viktoria Beckham: per me è l’equivalente dell’apocalisse ma è una visione così assurda?
Ritratto di Fr4ncesco
25 aprile 2019 - 23:35
2
Ottima riflessione. Così fosse credo che i petrolhead (gli appassionati di auto ci saranno sempre, come ce ne sono di cavalli, orologi) si "rifugeranno" nelle auto d'epoca/youngtimer/qualche prodotto di nicchia. Già io e altri petrolheads che conosco acquistiamo riviste dedicate alle auto "di una volta", una comunità sempre più crescente anche tra i giovanissimi, visto che con poche migliaia di euro si possono prendere già modelli storicamente interessanti.
Ritratto di The_Duke
25 aprile 2019 - 23:07
Tesla: 1º Trim. 2019 buco di oltre 700milioni di dollari, bruscolini. Spero fallisca e quei poveretti che l’hanno comprata dovrebbero per contrappasso dantesco comprare la FIAT Panda 1.2.
Ritratto di Claus90
25 aprile 2019 - 20:43
Ci vorrebbe solo in versione ibrida ed elettrica magari con vari step di potenza basta con i dieselloni.
Ritratto di Thunder1
25 aprile 2019 - 21:23
1
E perché mai dovrebbero eliminare il diesel? L'esistenza di una versione elettrica e di una versione ibrida non influenza l'esistenza di una o più versioni diesel e benzina.
Ritratto di Thunder1
25 aprile 2019 - 21:27
1
A parte le totali scemenze che hai scritto la Mercedes Classe C è l'unica ad avere esclusivi motori V8 nella gamma ma poi quando mai hai visto un motore Renault sulla Classe C?
Ritratto di Boss-600
25 aprile 2019 - 21:31
2
Lascialo perdere, Marcolino non è altro che quel troll multinick di Unknown chiamato anche Mariastella (per gli amici V6_Busso). Si diverte a diffamare le VW spacciandosi per tifoso esaltato di VW. Non ha niente di meglio da fare nella sua misera vita da fallito, poveraccio...
Pagine