NEWS

Mercedes: operazione diesel “puliti”

09 maggio 2018

I nuovi propulsori a gasolio della Mercedes rispettano le più recenti e severe normative in materia di emissioni di ossidi di azoto grazie al sistema SCR con AdBlue.

Mercedes: operazione diesel “puliti”

FIDUCIA NELLA RICERCA - Mercedes in controtendenza. Nelle ultime settimane le notizie riguardanti i motori diesel hanno parlato di cessazioni della produzione da parte di diverse case costruttrici, la casa della Stella sfida gli orientamenti più recenti sottolineando come la sua nuova famiglia di motori a gasolio emettano una quantità di NOx al di sotto dei limiti consentiti. Non senza orgoglio, il quadro della sua nuova proposta diesel la Mercedes l’ha delineato nel corso della presentazione della nuova Classe A e ha il sapore di una affermazione di fiducia nel lavoro di ricerca e sviluppo. Tutto ciò con lo scopo di poter offrire all’automobilista le più ampie possibilità di scelta.

A 4 E 6 CILINDRI - Si tratta delle unità a 4 cilindri con le sigle OM 654 (il 2.0 della Classe E, nella foto qui sopra) e OM 608 (il 1.5 nato dalla collaborazione con la Renault) e il 6 cilindri in linea 3.0 siglato OM 656. Sulla neonata Mercedes Classe A è impiegato il 4 cilindri OM 608, mentre l’altra unità con questo frazionamento è utilizzata sulla Classe E. Infine il 6 cilindri OM 656 è sotto il cofano della Classe S. I nuovi propulsori offrono risultati molto importanti in materia di emissioni di ossido di azoto. Nei rilevamenti compiuti su strada con il metodo RDE (Real Driving Emission), effettuati per migliaia di chilometri, sono stati registrati valori di NOx per chilometro inferiori tra 40 e 60 milligrammi. La Mercedes Classe A 180 ha fatto segnare un consumo medio di 4,5-4,1 litri ogni 100 km, con emissioni di CO2 pari a 118-108 g/km. Questo a fronte di un limite stabilito dalla normativa (per i test RDE) pari a 168 milligrammi a chilometro.

POTERE DELL'SCR - I tecnici della Mercedes hanno spiegato che il risultato è stato raggiunto combinando il lavoro nella progettazione del motore con quello relativo a tutto quanto concerne il trattamento dei gas di scarico. In particolare il lavoro ha riguardato la collocazione della valvola EGR (posta vicino al propulsore) e all’adozione del sistema SCR, che grazie al liquido AdBlue utilizzato nel ciclo di trattamento degli scarichi, consente di abbassare drasticamente gli ossidi di azoto nelle emissioni finali. Una tecnologia che ora è presente su tutti i modelli della gamma Mercedes. Il catalizzatore SCR (nel disegno qui sotto) funziona addizionando ai gas di scarico che vi transitano un additivo nebulizzato denominato AdBlue, una soluzione a base di urea. Tale soluzione ad alta temperatura si scompone creando il componente che serve come reagente per l'ossido di azoto, cioè l'ammoniaca. Questa si deposita nel catalizzatore e al passaggio dei gas di scarico si combina con gli NOx attraverso una reazione che genera azoto (N) e acqua (H2O), del tutto innocui. Il vantaggio principale del catalizzatore SCR è la maggiore efficienza, per cui fino al 95% degli ossidi di azoto sono convertiti.

OFFERTA MOLTO AMPIA - I nuovi diesel permetteranno alla Mercedes di poter offrire già nel prossimo settembre ben 30 modelli (con 200  varianti) in piena regola con le nuove normative in tema di emissioni, quelle indicate con la sigla Euro 6d-TEMP, che appunto si basano sui rilevamenti fatti con il nuovo ciclo di omologazione europeo che si basa su procedure che simulano più da vicino la guida reale.





Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
9 maggio 2018 - 19:34
I deutsch possono inventarsi ormai qualunque cosa pur di "pulire" i loro diesel, tanto tra due anni saranno disintegrati dalle elettriche cinesi. Gli americani ricordo che sono almeno 40 anni che non si sono ancora ripresi dall'invasione della qualità giapponese...
Ritratto di alex_rm
9 maggio 2018 - 20:37
In un intervista un dirigente Mercedes era preoccupato che con l’arrivo dell elettrico per tutti i valori motoristi si sarebbero equivalsi per tutti,per questo loro puntano molto su finiture,ssistenza alla guida e confort
Ritratto di Giuliopedrali
9 maggio 2018 - 21:07
Be si non dico delle finiture delle Mercedes, ma semplicemente l'elettrico al momento non sanno farlo, in poche parole sono indietro di anni... Tra l'altro in quanto a finiture ecc ecc i cinesi ormai stanno migliorando alla velocità della luce, quindi...
Ritratto di Alfiere
10 maggio 2018 - 08:52
1
Ma cosa significa non sanno farlo? Sai quanto ci vuole ad uscire qualche milione di bonus e raccattare ingegneri qui e li con esperienza nel settore? Sempre che non lo abbiano già fatto, e se la stiano prendendo comoda nell'attesa che i tempi siano maturi in europa e cina(che a quanto pare ci supererà presto in diffusione della rete)
Ritratto di Giuliopedrali
10 maggio 2018 - 09:23
Cioè sarà sempre un elettrico con metà prestazioni a parità di prezzo, o al doppio del prezzo, facciamo due più due...
Ritratto di Alfiere
10 maggio 2018 - 10:01
1
Si ok, poi magari un giorno me la presti la sfera di cristallo che mi può tornare utile.
Ritratto di Giuliopedrali
10 maggio 2018 - 10:11
Guarda il Beijing auto show appena conclusosi in questi giorni, non c'era una sola novità che avesse la sua versione elettrica, o nuove auto elettriche veramente fantastiche, (tutto di serie non prototipi)
Ritratto di Giuliopedrali
10 maggio 2018 - 10:17
I tedeschi puntano ancora sul diesel... Che tra l'altro i cinesi come gli americani o i giap in parte almeno per il mercato interno non hanno mai avuto. Ho paura che come gli americani non si sono più ripresi dalla sfida giapponese in termini di qualità costruttiva, anche per i tedeschi (o in generale occidentali) non sarà facile offrire full electric a prezzi veramente vantaggiosi. Del resto appunto anche il diesel è una specialità europea da 50 anni e gli orientali non ci hanno mai eguagliato, o no?
Ritratto di Stefanino780
10 maggio 2018 - 10:34
bhè dai le orientali con un occhio puntato sull'europa, vedi HONDA con il suo DIESEL montato su HONDA CIVIC...ha sfornato un bel motorino.... o sbaglio?
Ritratto di Giuliopedrali
10 maggio 2018 - 11:12
Si magari sarà un buon motore, ma Honda e diesel non è un binomio di successo da noi.
Pagine