NEWS

Multe: nel 2017, i comuni incassano 1,67 miliardi

09 aprile 2018

Sanzioni in crescita del 18% rispetto all'anno precedente, ma non sempre è facile riscuotere le somme.

Multe: nel 2017, i comuni incassano 1,67 miliardi

IL NORD PAGAPIÙ DEL SUD - Multe da codice della strada: incassi record per i comuni nel 2017, con 1,67 miliardi di euro di sanzioni. Un’impennata, riporta il Sole 24 Ore, del 18% rispetto al 2016, anno in cui si era registrata una crescita del 4% sul 2015 (a sua volta in salita del 9% sul 2014). Sono i dati del ministero dell’Economia, che evidenziano una forbice nel Paese: l’80,3% degli incassi arriva nei comuni delle regioni centro-settentrionali, dove i pagamenti medi (33,7 euro ad abitante) sono più che doppi rispetto al Sud. In quanto alle città, considerando la media sul numero di abitanti, è in testa Firenze, con 129 euro a cittadino. Segue Bologna a quota 128. Milano è terza a 124 euro, ma con un incasso globale che è il secondo: ben 160 milioni. E Roma? Quindicesima, con 66 euro ad abitante, però con un totale di 179 milioni di euro. 

A PAGARE SONO IN POCHI - Dati tuttavia influenzati da parecchi fattori, come il numero di auto che entrano in città arrivando da fuori, l’età media degli abitanti senza la patente, le dimensioni del comune. Incide anche la capacità di riscuotere i verbali: in particolare, Napoli è riuscita a raccogliere meno di 20 euro ogni 100 euro di sanzioni scritte nello stesso anno, Roma il 25% e Milano il 41%. Infine, pesa la rottamazione delle cartelle esattoriali: i cittadini hanno avuto la possibilità di pagare le vecchie multe senza versare gli interessi.





Aggiungi un commento
Ritratto di Ivan92
9 aprile 2018 - 15:23
8
A Milano vengono incassate soltanto il 41% delle multe, a Roma il 25% e a Napoli il 20%, cos'è una barzelletta? Questi dati sono vergognosi, con una totale mancanza di rispetto da parte delle istituzioni per i pochissimi che pagano.
Ritratto di LOL25
9 aprile 2018 - 17:04
Molti comuni (come il mio) campano soltanto multando continuamente i cittadini con limiti e divieti volutamente ingannevoli, quando poi a due passi nel parco pubblico ci sono a tutte le ore cittadini clandestini che spacciano alla luce del sole. Ben venga chi non paga, tanto dopo 90 giorni se non viene notificato niente va tutto in prescrizione.
Ritratto di otttoz
9 aprile 2018 - 17:11
incassare le multe è facilissimo:equitalia mette il fermo amministrativo al veicolo ed al primo controllo viene sequestrato! piuttosto sono da sanzionare gli amministratori responsabili dell'ammaloramento delle strade e dei danni ai nostri veicoli...ma quelli non li fotografa nessuno!
Ritratto di money82
9 aprile 2018 - 18:20
1
Credo che il motivo sia semplice, al nord se non la paghi ti arriva doppia, puoi starne quasi certo. Al sud probabilmente è diverso...tra i non paganti sarebbe interessante vedere quanti sono cittadini italiani e quanti europei o extraeuropei. Comunque continuano le migliorie del precedente governo Renzi...non si capisce il senso di dare quegli 80 euro se poi fra aumento dell' iva, aumenti del carburante, aumenti di luce acqua e gas, tassa coatta del canone e appunto un incremento (che non sarà certo un caso) delle sanzioni del 18%, praticamente se li riprendono. Ad ogni modo continuando a mandare "l' esercito" per riscuotere i bollini scaduti dei parcheggi, anzichè i delinquenti, vi siete presi una batosta colossale.
Ritratto di gilrabbit
11 aprile 2018 - 13:47
Dobbiamo capire tutti una volta per tutte che il paese è allo sfascio. Le multe così come tutto il resto le pagano solo coloro che hanno da perdere. Poi le leggi sballate fanno il resto. Roma è piena di machine abbandonate ma il ocmune non ha i poteri per rimuoverle o meglio può ma sa che nessuno gli rimborsa i costi. Oggi girano un'alta percentuale di auto senza assicurazione e i controlli street view con le auto della municipale possono colpire solo se il conducente è presente. Occorre semplificazione delel leggi e sequestro immediato dei mezzi non regolari. Il fermo amministrativo per chi non paga nemmeno l'affittro di casa è una barzelletta e preghiamo sempre di non incorrere in un incidente con costoro!!