NEWS

Negli Usa parte la class action contro la Volkswagen

25 febbraio 2016

In California è stata avviata la causa collettiva contro la VW, che equipara il Dieselgate a una vicenda di criminalità organizzata.

Negli Usa parte la class action contro la Volkswagen
INIZIO DELLE CAUSE DI GRUPPO - Dopo la causa intentata contro la Volkswagen dallo stesso dipartimento di Giustizia americano, negli Stati Uniti si è aperto il previsto capitolo delle class action, cioè le cause legali collettive promosse da gruppi di clienti della casa tedesca che ritengono di essere stati ingannati e chiedono di essere risarciti. Una di queste iniziative è stata avviata in California a nome di 200 proprietari di vetture del gruppo tedesco. 
 
TONI PESANTISSIMI - La cosa potrebbe portare a pesanti costi economici per il gruppo Volkswagen, ma era sostanzialmente prevista e non stupisce. Clamorose appaiono invece le modalità con cui è stato redatto l’atto di accusa che ha dato il via alla causa collettiva. In pratica esse aprono una nuova prospettiva finora non presa in considerazione: quella di aspetti penali molto gravi. L’istanza depositata dagli avvocati chiede ai giudici di affrontare la vicenda come “uno dei più gravi crimini aziendali nella storia, una lezione istruttiva sugli obiettivi di successo a ogni costo”. 
 
AUTORITÀ FEDERALI - Nel sostenere questa richiesta la denuncia sostiene che la magistratura deve affrontare la vicenda sulla base della normativa federale americana che tratta i traffici illegali, cioè lo stesso apparato giudiziario alla base delle inchieste contro la criminalità organizzata. Il ragionamento alla base di questa tesi è che il gruppo Volkswagen avrebbe agito di comune accordo con le società controllate americane, con i marchi VW, Audi e Porsche esattamente come in una autentica associazione a delinquere. E nel sostenere questa accusa gli avvocati patrocinatori della class action hanno coinvolto Martin Winterkorn, ex presidente del gruppo tedesco, e Matthias Muller, attuale capo del gruppo.
 
PUBBLICITÀ INFONDATA - Altro aspetto dell’atto di accusa presentato ai giudici californiani è la messa in relazione diretta del ricorso al software illegittimo per controllare le emissioni di NOx (QUI per saperne di più), con l’impegno della Volkswagen per pubblicizzare e promuovere le sue auto vantandone pregi di rispetto ambientale che in realtà erano immotivati.
Aggiungi un commento
Ritratto di domenicofevi
25 febbraio 2016 - 18:07
http://www.carscoops.com/2016/02/south-korean-authorities-raid.html
25 febbraio 2016 - 18:13
Poracci mamma mia...
Ritratto di Gasswagen
25 febbraio 2016 - 18:29
Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino... e non solo. Chi la fa l'aspetti... in quel posto. Chi troppo vuole nulla stringe... Tanto fece che restò con un pugno di mosche (tse-tse) in mano... ecc. ecc. ecc.
Ritratto di piccolaketty
26 febbraio 2016 - 00:02
Money, visto come ti chiami i soldi potresti anche averli, non saprei, una cosa è sicuro che hai: un quoziente intellettivo inferiore alla misura dei cerchi che monti.
Ritratto di domenicofevi
26 febbraio 2016 - 10:33
la vag è piena di rogne e truffe.......... caro monkoley...
Ritratto di domenicofevi
27 febbraio 2016 - 18:51
;)
Ritratto di VEIIDS
25 febbraio 2016 - 18:30
Fanno prima a ritirarsi dagli USA, tanto già nessuno se le cagava prima dello scandalo figuriamoci adesso: con 35 modelli tra VW, Audi e Porsche (FCA ad esempio ne ha 30 ma ha venduto 5 volte di più) nel 2015 hanno venduto a malapena 500.000 auto su un mercato da 18 milioni.
Ritratto di honda forever
25 febbraio 2016 - 19:06
Sono curioso di vedere se alla fine qualcuno di loro pagherà penalmente,ma ho i miei dubbi.
Ritratto di Storm Sentry
25 febbraio 2016 - 19:17
Io credo di si... Non siamo in Europa e le leggi (e le persone, non dimentichiamolo) sono diverse. Leggevo proprio oggi... Il caso dieselgate è costato un crollo del 25% delle vendite. In Europa invece hanno tenuto, in Italia addirittura aumentato le vendite più della media di mercato.è un dato che fa riflettere....
Ritratto di VEIIDS
25 febbraio 2016 - 19:24
In Italia con le km0 e le auto aziendali non fanno fatica a far risultare numeri superiori a quelli reali. In Germania a gennaio hanno avuto un crollo non da poco e complessivamente in Europa si salva solo Audi: VW -3.8%, Porsche -6.9%, Seat -9.2%, Bentley-Lambo-Bugatti -9.1%. http://www.acea.be/uploads/press_releases_files/20160216-PRPC_1601_FINAL.PDF
Pagine