NEWS

Nissan Leaf: piccole migliorie e la versione 3.Zero

09 gennaio 2019

Novità per la berlina elettrica Leaf, rivista nella parte multimediale e con una batteria maggiorata.

Nissan Leaf: piccole migliorie e la versione 3.Zero

SCHERMO PIÙ GRANDE - È già tempo di novità per la seconda generazione della berlina elettrica Nissan Leaf, che seppur lanciata ad aprile 2018 riceve quest’anno le prime migliorie. Il modello aggiornato, nelle concessionarie da maggio 2019, prende il nome Leaf 3.Zero e guadagna tinte inedite per la carrozzeria, incluso il bicolore, oltre a nuove funzionalità per il sistema multimediale: lo schermo diventa di 8” (era di 7”) e si possono aggiornare da internet le mappe del navigatore. Da maggio sarà scaricabile anche la rinnovata app per smartphone NissanConnect EV, in grado di capire dov’è stata parcheggiata la Nissan Leaf 3.Zero e indicare al guidatore la strada verso l’indirizzo impostato.

NUOVA BATTERIA - La Nissan Leaf 3.Zero è dotata come il vecchio modello di batterie da 40 kW, che alimentano un motore elettrico da 150 CV: l’autonomia, in base al ciclo di omologazione WLTP, è di 270 km. Da agosto però arriva la versione 3.Zero e+ con batteria maggiorata da 62 kW, oltre a un motore da 217 CV (qui sotto), che promette una guida più brillante in città e un’autonomia fino a 385 km, 115 in più della Leaf 3.Zero. La Nissan ha ridisegnato la batteria della Leaf 3.Zero e+, che ora contiene 288 anziché 192 piccoli involucri di batterie, quindi a parità di dimensioni è in grado di “stoccare” una maggiore quantità di energia.

NUMERO LIMITATO - Il prezzo della Nissan Leaf 3.Zero è 42.080 euro, ma all’inizio si può avere solo un ricco allestimento con inclusi lo stereo della Bose, la vernice metallizzata, tessuti di qualità superiore per gli interni e il sistema ProPilot, attivabile dai 30 km/h in su: premendo un tasto, la Nissan Leaf controlla in automatico sterzo e velocità (a patto di restare nella stessa corsia) in base al traffico, e può anche fermarsi e ripartire da sola. La Nissan Leaf 3.Zero e+ costa 49.150 euro e in estate arriva in 5.000 esemplari per l’Europa. 

Nissan Leaf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
84
64
38
22
38
VOTO MEDIO
3,5
3.544715
246




Aggiungi un commento
Ritratto di money82
9 gennaio 2019 - 20:30
1
Per quanto abbia potuto apprezzare la bontà del prodotto in esposizione, 50.000 euro per un segmento C rasentano il ridicolo...Già i 40.000 della prima versione erano tanti e i km di autonomia pochi. Ora a 8/9 mesi dal lancio c’è già un aggiornamento con autonomia maggiore...tradotto : volevamo fare i fighi per primi ma ci siamo accorti che qualcosa poteva essere miglioraro.
Ritratto di Giuliopedrali
9 gennaio 2019 - 20:47
Se pensiamo che un'auto come la Leaf non bella, costosa (e tra l'altro una mediocre Nissan) mediaticamente ha già un rilievo straordinario in Italia perché è una delle poche elettriche per quanto scarsa, solo perché adesso ci sarà qualche incentivetto e si intravede un minimo di futuro elettrico, non voglio pensare quando per quel prezzo a Roma o Milano ti arriva che so, una Byton...
Ritratto di money82
10 gennaio 2019 - 09:34
1
Sono convinto arriverà qualche cinese nel momento in cui tutte le case europee avranno la loro gamma elettrificata...sono anni che si parla dell' invasione cinese ma nel 2019 e alle porte di nuovi blocchi, cambi di strategie aziendali e maggiori restrizioni UE, ancora non si vede e sente nulla. 50.000 euro per una leaf...proprio non lo digerisco...mi sembra di essere preso per fesso.
Ritratto di Comparsa
10 gennaio 2019 - 12:58
Boh, io l'ho guidata per circa 3 giorni (versione 40 Kw) e, sinceramente, non mi è parsa male, anzi. Più silenziosa della mia Ioniq (ovviamente in modalità elettrica), più "settata", digerisce meglio le asperità, e ha tutto il possibile e immaginabile, poi, probabilmente, sono io che con l'età mi accontento più facilmente, vai a sapere. Comunque, Tra incentivi e sconti può iniziare a diventare interessante, almeno per me.
Ritratto di Giuliopedrali
10 gennaio 2019 - 14:15
Il punto è che se arrivano ste cinesi super elettriche anche fosse dopo il 2020 per dire, sono sempre qualche anno avanti.
Ritratto di Comparsa
10 gennaio 2019 - 15:07
Be', se trattasi di buoni prodotti, ben vengano, ma, per esperienza di lavoro, che esula dal campo automobilistico, eviterei marchi cinesi a priori. Magari son sempre stato sfortunato io, vai a sapere.
Ritratto di preoccupato
11 gennaio 2019 - 06:19
Si sono bevuti il cervello 50.000€