NEWS

Ai dipendenti pubblici cinesi, auto cinesi

27 febbraio 2012

Stop ai veicoli di produzione straniera per le amministrazioni statali: sono ammesse soltanto quelle totalmente “made in China”.

ORGOGLIO NAZIONALE - Si può dire che la decisione del ministero dell’Industria e delle tecnologie dell’informazione della Repubblica Popolare Cinese sia di quelle epocali: gli enti pubblici dovranno fare a meno delle auto estere e circolare soltanto con quelle di produzione nazionale. Secondo l’elenco preliminare in corso di elaborazione presso il ministero, sarebbero ben 412 le vetture ammesse ma, fra queste, dovrebbero essere escluse quelle con marchio europeo, ma costruite in Cina da aziende la cui proprietà è equamente divisa fra società cinesi e straniere. Per esempio, nell’elenco potrebbero rimanere fuori le Volkswagen prodotte nel paese asiatico e dove riscuotono un notevole successo (nella foto in alto la Phaeton).

byd_s6dm.jpg
La Byd S6DM, è una crossover ibrida di grandi dimensioni (è lunga 480 cm).


FORSE QUALCHE ECCEZIONE
- Non è ancora chiaro se questo divieto valga anche per i più alti dirigenti dello stato, che potrebbero continuare a utilizzare lussuose auto estere (soprattutto Audi, BMW e Mercedes). Comunque, nell’elenco del ministero, a farla da padrona sono le più importanti case al 100% cinesi, come la Byd e la Geely, che in Cina hanno volumi di vendita più bassi rispetto ai costruttori connazionali alleati con marchi stranieri (leggi qui la news).

Geely emgrand ec7 euroncap 3
La berlina EC7 della Emgrand, marchio di lusso della Geely. Ha ottenuto le 4 stelle EuroNCAP e arriverà anche in Italia (leggi qui la news).


ECONOMICHE E POCO INQUINANTI
- Degno di nota il fatto che, in un paese dove l’inquinamento è un problema molto serio, il ministero voglia inserire nell’elenco anche vetture elettriche e ibride. Inoltre, per contenere i costi, è obbligatorio l’acquisto di modelli con cilindrata massima di 1800 cm3 e che non costino più di 180.000 yuan (poco più di 20.000 euro) per i funzionari dello stato che si occupano della riscossione delle imposte e delle indagini penali.



Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
27 febbraio 2012 - 17:27
4
...le amministrazioni pubbliche dovrebbero acquistare beni prodotti esclusivamente in UE...i cinesi si sono montati la testa!!! Però, ad esempio, i computer sono tutti prodotti in Cina...come facciamo?
Ritratto di Fr4ncesco
27 febbraio 2012 - 19:00
Non solo i computer, è prodotta qualsiasi cosa in Cina...
Ritratto di Bmw Xdrive
27 febbraio 2012 - 20:15
hai ragione è tutto prodotto in cina ma assemblato in altri paesi tipo la Nokia che fa i pezzi in cina e li assembla in finlandia.
Ritratto di Bmw Xdrive
27 febbraio 2012 - 19:29
.
Ritratto di elioss
27 febbraio 2012 - 17:42
4
anche le dr... ;D
Ritratto di Montreal70
27 febbraio 2012 - 17:53
E' intollerabile un simile atteggiamento da parte della Cina, ma lo è ancora di più quello dell'Europa, le cui aziende vanno in crisi proprio perchè non si pone un freno alle scadenti importazioni cinesi. Sarebbe ora di ricambiare. Fa bene Monti ad usare solo auto nazionali: possiede una dedra, una kappa, e sua moglie una musa del 2009. Seguissimo tutti il suo esempio, la nostra economia sarebbe in uno stato migliore.
Ritratto di Cinque porte
27 febbraio 2012 - 19:55
Mustang! :)
Ritratto di fabri99
27 febbraio 2012 - 20:31
4
Va beh, ben venuto Montreal70!!! Ciao
Ritratto di Montreal70
28 febbraio 2012 - 16:14
Mi hai smascherato furbacchione! Bravissimo, da cosa l'hai capito?
Ritratto di Cinque porte
29 febbraio 2012 - 07:38
E inoltre nell'imagine hai un Alfetta! :)
Pagine