NEWS

La nuova Astra del 2021 sarà made in Germany

Pubblicato 15 gennaio 2020

La Opel annuncia il ricollocamento della futura Astra prevista nel 2021, che sarà prodotta a Ruesselsheim sul pianale EMP2 della PSA.

La nuova Astra del 2021 sarà made in Germany

TORNA IN PATRIA - La prossima generazione della berlina compatta Opel Astra tornerà ad essere prodotta in Germania dopo una parentesi all’estero: il modello odierno è costruito a Ellesmere Port, nel Regno Unito, e a Gliwice, in Polonia. Con l’arrivo della sesta generazione, attesa nel 2021, l’Astra sarà fabbricata nello stabilimento di Ruesselsheim, città in cui ha sede la Opel: è lo stesso impianto che già ospita la produzione della più grande Opel Insignia e dove dal 2022 sarà prodotta anche l’Astra station wagon. La fabbrica di Ruesselsheim riceverà gli opportuni aggiornamenti, perché l’Astra del 2021 sarà anche ibrida e verrà costruita sul pianale EMP2 della PSA, il gruppo che possiede la Opel dal 2017, condiviso con la prossima Peugeot 308.

TAGLI IN VISTA - Per i dipendenti tedeschi della Opel non arrivano però buone notizie, perché la casa ha rivelato che taglierà 2.100 posti entro il 2025 attraverso un programma di uscita volontaria dal lavoro: a farne le spese saranno i lavoratori degli stabilimenti tedeschi di Eisenach, Kaiserslautern e Ruesselsheim. Questo non è tutto, perché secondo indiscrezioni la Opel avrebbe messo le basi per ulteriori tagli al personale: c’è la possibilità che il costruttore tedesco possa eliminare altri 2.000 posti di lavoro in due tranche entro il 2029. La Opel ha 30.000 dipendenti in tutto il mondo, dei quali 16.000 in Germania.

Opel Astra
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
97
111
120
75
71
VOTO MEDIO
3,2
3.185655
474




Aggiungi un commento
Ritratto di remor
15 gennaio 2020 - 16:31
Non li si può biasimare. Se già i marchi premium coi loro relativi alti margini portano fuori la produzione anche delle auto di alto livello è normale che una generalista poi non potrà che seguire l'esempio e se c'è da tagliare farlo prima lì che il costo della manodopera è più alto. Almeno comunque l'Opel Astra torna in madrepatria
Ritratto di Luke_66
15 gennaio 2020 - 16:39
4
e figuriamoci quando si fara' la fusione con FCA quanti altri tagli ci saranno...
Ritratto di remor
15 gennaio 2020 - 16:43
Chissà che (un po' come successo per l'americana Jeep Renegade) qualche modello Opel non venga poi prodotto in Italia. La mano d'opera tedesca penso costi alquanto di più, e quella francese pure non è detto sia più risparmiosa dell'italiana
Ritratto di alex_rm
15 gennaio 2020 - 17:02
Il costo del lavoro in Italia é secondo solo al Belgio,è uguale a quello tedesco,superiore a quello francese e di molto superiore a Spagna Portogallo e paesi dell est.
Ritratto di remor
15 gennaio 2020 - 17:05
Link?
Ritratto di remor
15 gennaio 2020 - 17:07
Perché io in verità sapevo tipo questo: https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php?title=Wages_and_labour_costs/it
Ritratto di BioHazard
15 gennaio 2020 - 18:25
Il costo del lavoro in Italia è infinitamente più basso che in Francia e Germania. E per i lavoratori non è una cosa positiva visto che percepiscono stipendi bassi...
Ritratto di alex_rm
15 gennaio 2020 - 18:42
Gli stipendi in Italia sono bassi ma il costo del lavoro é alto per l’alto carico previdenziale e fiscale che rende il costo del lavoro italiano tra i più alti in Europa.
Ritratto di Blueyes
16 gennaio 2020 - 12:04
1
L'Italia ha un alto costo del lavoro senza dubbio, soprattutto in relazione alla produttività, ma non c'è paragone con quello francese e tedesco, suvvia. Vista la storica capacità di Fiat di fare auto compatte/utilitarie magari qui si vedranno le piccole Peugeot e Opel, quelle del segmento A.
Ritratto di Andrea Zorzan
15 gennaio 2020 - 17:11
Mi dispiace per i licenziamenti. L'Astra è sempre stata un'ottima auto, spero rimanga tale o migliori con PSA.
Pagine