Una nuova DS4 solo per la Cina

25 aprile 2016

Al Salone di Pechino il gruppo PSA ha presentato la DS4S, basata sulla DS4 ma più lunga di 16 cm. Tre i motori, da 130, 160 e 200 CV.

Una nuova DS4 solo per la Cina
QUARTO MODELLO DS “CINESE” - Con l’apertura del Salone di Pechino, il gruppo PSA ha svelato il quarto modello DS proposto sul mercato cinese. Dopo le DS6, la DS5LS e la DS5 “Gold Mat”, alla rassegna espositiva della capitale cinese la casa costruttrice francese ha portato la nuova proposta DS4S, che estende al settore delle berline dalle dimensioni compatte la gamma della marca “chic” del gruppo. La novità DS4S, a quanto se ne sa, nasce come produzione specifica per il mercato cinese, ma in questo genere di cose vale il classico “mai dire mai”. La produzione avverrà nello stabilimento PSA di Shenzhen. Le caratteristiche della vettura saranno quelle tipiche delle berline compatte alto di gamma, con dotazione e finiture tali da rendere accattivante la vettura. 
 
IN CONTROTENDENZA - Rispetto alla DS4 europea, la configurazione però non muta: si tratta sempre di una berlina a cinque porta con la “coda tagliata”. Una scelta insolita se si pensa che in Cina sono le berline con la coda ad andare per la maggiore. Nell'abitacolo si impone la plancia rivestita in pelle, così come i rivestimenti delle porte. La DS4S è lunga 4,44 metri, cioè 16 cm in più rispetto alla DS4. La larghezza è di 184 cm e l’altezza 151 cm. Tre sono i propulsori previsti, tutti a benzina. C’è il piccolo 1.2 Pure Tech da 136 CV, e i due 1.6 THP da 160 CV THP 200 CV. Tutte tre le versioni sono dotate di cambio automatico EAT6 a sei marce.
DS 4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
24
20
55
51
62
VOTO MEDIO
2,5
2.495285
212
Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
25 aprile 2016 - 18:11
La DS4 tutto sommato non mi dispiace, così come non mi spiaceva lo stesso modello sotto il marchio Citroën. Questa versione per il mercato cinese rimane pertanto gradevole e non diciamo buona solo perché i motori sono un filo sottotono per essere l'unica linea proposta, e sappiamo bene che si tratta di una Citroën ricarrozzata sotto un marchio neonato che non si è fatto neancora nessuna reputazione, nulla a che vedere con il "premium" vero. Inoltre il posteriore è simile (...solo un po'?) a quello della serie 1 pre-restyling, forse in Europa partirebbe la denuncia ahah.
Ritratto di EasterRuben
25 aprile 2016 - 23:31
Sono d'accordo su tutto, ma il posteriore lo trovo identico a quello della Classe A, veramente copiato spudoratamente
Ritratto di P206xs
26 aprile 2016 - 11:43
Io invece penso che il posteriore si rifaccia alla ds3 più che alla serie 1
Ritratto di Ercole1994
25 aprile 2016 - 19:28
Sembra una 308 con stilemi DS, quindi non particolarmente originale come la "nostra" DS4.
Ritratto di fiattaro
25 aprile 2016 - 21:29
che miseria di macchina.
Ritratto di Blade Runner
28 aprile 2016 - 00:54
Con la Duna e la Palio la Fiat ha fatto peggio èer non parlare della Dacia Logan.
Ritratto di luperk
26 aprile 2016 - 02:00
possono farcirla di pelle a più non posso, ma le plastiche restano quelle scadenti delle auto francesi
Ritratto di Pellich
26 aprile 2016 - 10:24
La DS abbandoni la presunzione di ritenere di poter confrontarsi coi ben più affermati brand premium. Per tale posizionamento servono ANNI di consensi che, fortunatamente, non otterranno mai, in particolare con questa mal riuscita C4 rivestita. Forse solo i francesi, che sono i più grandi autoreferenziati d'Europa, potrebbero preferirla alle varie Serie 1, A3, Classe A (anche se quest'ultima non è all'altezza delle prime due).
Ritratto di Gianni.ark
26 aprile 2016 - 10:38
Io le preferirei eccome! Trovo stupenda soprattutto la DS5.
Ritratto di MAXTONE
26 aprile 2016 - 12:52
Tra quelle che hai citato solo la BMW Serie 1 e' quella realmente pregevole per via della meccanica, i motori e il piacere di guida, le altre due sono generaliste nella meccanica e rispetto alle auto da cui derivano (golf e megane) possono vantare solo finiture più curate, neanche poi tanto, ma l'esperienza di guida, a mio avviso, rimane la stessa.
Pagine