NEWS

Nuova Mini: prime caratteristiche tecniche

30 settembre 2013

Il nuovo modello si vedrà a novembre, ma intanto ne sono state presentate le caratteristiche tecniche.

Nuova Mini: prime caratteristiche tecniche
NUOVA DA CAPO A PIEDI - La presentazione è prevista per novembre ma la Mini (qui sopra le ultime foto spia di Autoblog.com) ha già voluto svelare la sostanza delle caratteristiche tecniche della terza generazione della sua citycar, tra cui molte sono le novità. In primo piano c’è senz’altro la nuova gamma motori, sia a benzina che diesel. Ma non mancano innovazioni, anche notevoli, un po’ per tutte le diverse parti della meccanica.
 
TUTTO IN FAMIGLIA - Debutta una nuova famiglia di motori basata sulla cilindrata di 500 cc per ogni cilindro. Il 3 cilindri turbo di 1500 (500x3), capace di erogare 136 CV, con 220 Nm di coppia a 1.250 giri, con possibilità di ricorrere alla funzione overboost che procura altri 10 Nm in più. Il fratello più grande è il 4 cilindri 2000 (500x4) a benzina da 191 CV e 280 Nm di coppia (300 Nm con l’ausilio dell’overboost). Per entrambi i motori, il regime di rotazione massimo è di 6.500 giri. C’è poi il 3 cilindri diesel 1.5 erogante 116 CV e 270 Nm di coppia. Questa nuova unità permette un risparmio nei consumi pari al 7% rispetto al piccolo diesel precedente.
 
NON SOLO MOTORI - Detto dei motori, c’è poi il lungo elenco delle novità tecniche interessanti gli altri organi della nuova Mini. A partire dalla trasmissione. Sia quello manuale che l’automatico sono nuovi e integrati con sistemi volti a migliorarne l’efficienza. Il cambio manuale è dotato di un sensore che interviene sul motore per avere il regime di rotazione ottimale quando si è iniziata la manovra di cambio marcia. Quanto all’automatico sarà possibile aver lo abbinato al dispositivo Stop&Start. Sarà anche disponibile il sistema che acquisendo dal sistema di navigazione le informazioni sulla strada che si va a percorrere, interviene sul cambio predisponendo la marcia ritenuta più adatta alla situazione di marcia. 
 
 
UNA NUOVA OSSATURA - Elemento tecnico di rilievo nella nuova Mini 2014 è la nuova piattaforma, che verrà impiegata anche per la monovolume BMW a trazione anteriore prevista il prossimo anno. La casa fa grande affidamento su questa inedita soluzione. Le aspettative riguardano gli aspetti industriali - la modularità della piattaforma consentirà di ridurre i costi di produzione - ma anche l’efficienza su strada, con miglioramento del comportamento e del divertimento di guida. La piattaforma ha permesso anche una rivisitazione delle sospensioni, multilink anche all’asse posteriore. 
 
AMMORTIZZATORI REGOLABILI - Notevoli sviluppi hanno subito i componenti delle sospensioni. La struttura di molle e ammortizzatori è stata rinnovata, con parti in alluminio, mentre gli ammortizzatori sono dotati di un sistema elettrico che consente di regolare l’azione di smorzamento a seconda del tipo di guida che si preferisce: sportiva o confortevole. 
 
STERZO E FRENI - Progressi e affinamenti sono stati apportati anche al servosterzo. È stato adottato un originale  sistema capace di compensare la coppia sterzante: lo scopo, secondo la casa, è quello di assicurare alla Mini grande agilità, sicurezza e comfort. Novità ci sono anche nei freni, con un sensibile alleggerimento delle varie componenti e contemporaneo miglioramento dell’azione frenante. Per concludere, nonostante la nuova Mini appaia nelle immagini un po’ più grande di quella attuale, il peso complessivo è inferiore a quello del modello precedente.
Aggiungi un commento
Ritratto di giuggio
30 settembre 2013 - 16:12
2000 su una mini? ma non ce l'hanno menata per anni con il downsizing? boh
Ritratto di Erdadda
30 settembre 2013 - 17:02
1
Ok che ha motori nuovi ( ottima cosa ) ma mi sembra poco intelligente passare dal1.5 al 2.0 per avere la s. Quanto si spenderà di manutenzione e assicurazione in più rispetto al 1.6? Per il resto sembra molto avanzata. Dalle sospensioni al cambio.
Ritratto di Deleof
30 settembre 2013 - 17:19
Tre cilindri? Bha. ...
Ritratto di MatteFonta92
30 settembre 2013 - 17:35
3
I motori nuovi by BMW sono sicuramente ottimi, moderni ed efficienti, così come anche il nuovo telaio. Però è il design di questa nuova Mini a non convincermi... sembra troppo "giocattoloso" e... ora che ci guardo bene, il frontale è praticamente identico alla Dahiatsu Trevis!
Ritratto di federix-5
1 ottobre 2013 - 13:02
hai troppo ragione, è lei!!! hahahahahahaha
Ritratto di cris25
30 settembre 2013 - 18:06
1
a livello di motorizzazioni sarà sicuramente migliorata, ma per quanto riguarda l'estetica di nuovo non ci vedo proprio niente, sembra ul restyling del modello attuale... un restyling che la peggiora però!
Ritratto di fabri99
30 settembre 2013 - 18:56
4
Ho paura che BMW non sappia più come spremere questa Mini. Gli anni di gloria sono finiti, tutto per colpa di quella piccola 500, che tanto è piaciuta. Prima erano soli e la Mini era una novità molto molto apprezzata, ma ora altri costruttori sono arrivati e, con la Mini invecchiata, si sono presi un po' di torta. Che fare per ricacciare indietro questi novellini?? Beh, BMW ha deciso di spremere a fondo il marchio, deludendo molte persone e ampliando con orridi e costosissimi modelli la gamma... E ora la nuova Mini... Sarebbe dovuto essere qualcosa di nuovo, per riconquistare un po' di clienti, invece rimane uguale alla vecchia, o poco diversa esteticamente: è sicuramente peggiorata, montando quegli orribili fari da auto giocattolo, per non parlare delle caratteristiche che rendevano la Mini piacevole perse per strada... Il tachimetro al centro della plancia, ad esempio. Inoltre, non capisco perchè mettere un 3 cilindri su questa Mini, non mi convince, un po' come non mi convince il grosso duemila... Della JCW non si sa niente?? Comunque, credo proprio che gli anni d'oro Mini siano finiti, la concorrenza li ha superati e con i prezzi esorbitanti che si ritrovano, difficilmente troveranno acquirenti che preferiranno queste gradevoli utilitarie a delle Hot Hatch di segmento superiore. Ovvero, il limone non ha più succo secondo me, ci vorrebbe qualcosa di innovativo... Qualcosa presentato tempo fa con il nome di Rocketman... Chissà... Saluti!
Ritratto di evilwithin
30 settembre 2013 - 20:03
Che "faccia"... La Mito è stata sempre criticata, non del tutto a torto, per l'espressione un po' da pesce del muso, non abbastanza cattivo. Ma dopo aver visto questa... ammazza, sembra un pesce spaventato a morte disegnato in un manga...!! In effetti la Trevis al confronto ha un'espressione intelligente...
Ritratto di BBruno85
30 settembre 2013 - 20:25
Mettetevi daccordo!!! Ho letto su AUTO che invece il telaio della nuova MINI sarà un passo indietro rispetto a quello attuale, non tanto per la struttura formata da acciai ad alta resistenza ed elementi in alluminio ma per il reparto sospensivo che vuole all avantreno un singolo braccio all'anteriore e delle mcpherson al posteriore,: a questo punto mi chiedo: se la mini ha dalla sua il plus della guidabilità, il tanto considerato gokart-feeling, come si potra migliorare il so ottimo comportamento con sospensioni sulla carta inferiori? basteranno gli ammortizzatori regolabili? Per il resto aumentando passo e dimiensioni, crescera si spera anche l abitabilità e soprattuto quel bagagliaio che è fin troppo striminzito. Ottima scelta le motorizzazioni 3 cilindri diesel e quella twin power turbo 1.5 destinata alla COOPEr che ho sempre trovato grintosa con quel 1.6 ma le mancava quella marcia in più che adesso chi non vuole acquistare una S ritroverà in questo nuovo motore dalla intrigante coppia (già a 1250 è una soglia davvero davvero basso) e sufficiente cavalleria una scelta non piu di ripiego. Opinabile invece la scelta del 2.0 per la cooper S
Ritratto di simopente
30 settembre 2013 - 20:34
3
al 2.0 ma perchè??Per 7 cavalli in più? E chi se la compra più? Mentre il 1.5 mi sembra buono sulla carta..più o meno...frontale un pò troppo appesantito.. Meno male che ho avuto la prima serie va..
Pagine