NEWS

Obbligo di scatola nera per le auto: l'UE dice che…

Pubblicato 13 gennaio 2022

Un Regolamento dell’Unione Europea impone un obbligo preciso: da luglio 2022, i costruttori potranno omologare solo auto dotate di scatola nera per registrare gli incidenti.

Obbligo di scatola nera per le auto: l'UE dice che…

È LA VOLTA BUONA? - Ormai da un ventennio, a cadenza regolare, si parla di obbligo di scatola nera sulle auto: un apparecchio che registra la dinamica degli incidenti, per prevenire le truffe assicurative e migliorare la sicurezza stradale. Adesso, pare che l’Unione Europea faccia più sul serio, col Regolamento UE 2019/2144, molto tecnico e articolato: lo abbiamo interpretato con l’aiuto dell’avvocato Laura Biarella e di Diego Brambilla (ispettore addetto alla revisione ministeriale e segretario di FederIspettori). Anzitutto, dal 6 luglio 2022, le case costruttrici potranno omologare i nuovi modelli (passo necessario per poterli poi mettere in vendita) solo se provvisti di black box. Dal 7 luglio 2024, poi, la scatola nera dovrà essere presente su tutte le vetture di nuova immatricolazione. Per il momento non è prevista nessuna novità per le auto circolanti, ma non si esclude che ogni singolo Paese in futuro estenda l’obbligo anche a quelle già immatricolate da un pezzo.

PRIVACY TUTELATA - Massima l’attenzione che Bruxelles dedica alla privacy. La scatola nera si limiterà a memorizzare i dati in un breve arco di tempo, prima, durante e dopo la collisione. Il dispositivo registrerà velocità, frenata, posizione e inclinazione dell’auto, ma anche stato e frequenza di attivazione di tutti i suoi sistemi di sicurezza, incluso il sistema eCall di bordo che chiama in automatico i soccorsi. Questi dati, spiega l’avvocato Biarella, verranno registrati e memorizzati in modo da funzionare su un sistema a circuito chiuso. E protetti da manipolazioni e abusi. Potranno essere messi a disposizione delle autorità nazionali, tramite un’interfaccia standardizzata.

ALTRI OBBLIGHI - Ricordiamo poi che il Regolamento UE introduce altre importanti novità: con le stesse date previste per la scatola nera (ovvero dal 6 luglio 2022 per i nuovi modelli e dal 7 luglio 2024 per tutte le auto di prima immatricolazione) dovranno essere montati di serie molti aiuti elettronici alla guida: adattamento “intelligente" della velocità basato sui limiti, interfaccia per installare dispositivi di tipo alcolock (impediscono di avviare il motore se il guidatore non è sobrio), avviso anti-colpo di sonno, frenata automatica d’emergenza e mantenimento in corsia.





Aggiungi un commento
Ritratto di Alvolantino
13 gennaio 2022 - 13:02
Non ha alcun senso, in questo modo non ci sarà più privacy e potranno sempre sapere dove siamo! Tra l'altro con l'arrivo della guida autonoma perfetta by Tesla, non ci saranno più incidenti!
Ritratto di RubenC
13 gennaio 2022 - 13:49
1
Con un'auto moderna si può già sapere dove siamo anche senza scatola nera (a maggior ragione con una Tesla).
Ritratto di Strige
13 gennaio 2022 - 14:16
vai in giro con uno smartphone e ti preoccupi della scatola nera? ma siamo seri?
Ritratto di Tu_Turbo48
13 gennaio 2022 - 14:34
Alvo questa volta fattelo dire, hai dei disturbi cognitivi gravi...
Ritratto di Er sentenza
13 gennaio 2022 - 15:04
Le Tesla a "guida autonoma perfetta" si schiantano perfino contro le ambulanze ferme a caricare i feriti di incedenti precedenti ahahahah.....auto a guida kamikaze perfetta ahahah
Ritratto di RubenC
13 gennaio 2022 - 15:13
1
Ci sono molti più umani, in proporzione, che si schiantano contro mezzi fermi a bordo strada, Er Sentenza.
Ritratto di Meandro78
13 gennaio 2022 - 20:21
E, esattamente, caso di malfunzionamento della guida autonoma chi risponderebbe in caso di incidente? Tesla? Il conduttore che deve vigilare?
Ritratto di RubenC
13 gennaio 2022 - 20:23
1
Il conducente, ovviamente. Se la macchina non ha frenato o sterzato doveva sterzare o frenare lui. In generale uno può anche stare rilassato quando la macchina è in Autopilot, pur tenendo le mani sul volante e gli occhi sulla strada, ma quando siamo in prossimità di una situazione di pericolo mi sembra ragionevole che uno debba essere pronto a intervenire.
Ritratto di Meandro78
13 gennaio 2022 - 20:26
Ah sì? Già è pieno di intelligentoni negli USA che si mettono alla guida non in condizione (per stanchezza, malattie o abusi di sostanze). Non penso proprio ci sarà maggiore responsabilità in futuro.
Ritratto di RubenC
13 gennaio 2022 - 20:37
1
Pensa se lo facessero con auto senza ADAS...
Pagine