NEWS

Opel Astra: con il restyling arrivano i nuovi motori

Pubblicato 04 luglio 2019

La Opel annuncia il restyling della Astra, che introduce piccole novità estetiche, ma tanti nuovi contenuti sotto il cofano.

Opel Astra: con il restyling arrivano i nuovi motori

ARRIVA A SETTEMBRE - La Opel Astra si rinnova con un restyling tutto sommato leggero, che interessa alcuni dettagli della mascherina e del paraurti anteriori. Più consistenti le novità sotto il cofano. Sarà ordinabile a settembre 2019 nella versione a cinque porte o Sports Tourer (station wagon).

NUOVI MOTORI - Tra le novità principali della Opel Astra 2019 ci sono i motori, tutti turbo, che non provengono dal gruppo PSA, come per altri modelli del costruttore, ma sono stati sviluppati dalla Opel stessa. Arrivano i benzina di 1.2 e 1.4 ed il 1.5 diesel. Il benzina 1.2 è un 3 cilindri disponibile negli step di potenza 110, 130 o 145 cavalli, abbinabili esclusivamente alla trasmissione manuale a 6 rapporti; il 1.4 a benzina (abbinabile al cambio automatico CVT a 7 rapporti), è anch'esso un 3 cilindri e ha una potenza di 145 cavalli. Sul fronte del diesel, arriva un nuovo 3 cilindri 1.5 disponibile con 105 o 122 cavalli, quest’ultimo abbinabile anche al nuovo automatico a 9 rapporti; rispetto al precedente modello la casa dichiara una riduzione dei consumi rispettivamente dal 17 al 10 per cento. Secondo la Opel, i nuovi motori consentono una riduzione media dei consumi e delle emissioni di CO2, nell’ordine del 19%, e migliorano anche il comfort di marcia (il contralbero nel monoblocco dei motori tre cilindri riduce le vibrazioni).

AERODINAMICA AFFINATA - Contribuisce a ridurre i consumi della Opel Astra anche il lavoro di affinamento nella galleria del vento, che ha consentito alla vettura di raggiungere un coefficiente aerodinamico, Cx, pari a 0,25 per la versione Sports Tourer e di 0,26 per la cinque porte. Risultati che sono stati raggiunti grazie ad alcuni interventi come il rivestimento del vano motore, i bracci dell’asse posteriore a forma di deflettore, all’apertura automatica della parte superiore e inferiore della griglia del radiatore e all’ottimizzazione del sottoscocca.

RIVISTE LE SOSPENSIONI - Cambiano anche le sospensioni della Opel Astra, che dovrebbero garantire un maggiore comfort. Rivista anche l’opzione del telaio sportivo, dotato di ammortizzatori più rigidi, di uno sterzo più diretto e dell’asse posteriore con parallelogramma di Watts.

ASSISTENZA ALLA GUIDA - Per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida, il sistema di frenata automatica della Opel Astra beneficia di una nuova telecamera anteriore, più piccola ma più potente che, grazie a un processore più veloce, è in grado di riconoscere, oltre i veicoli, anche i pedoni. Potenziata anche la telecamera posteriore (disponibile insieme al nuovo sistema di Multimedia Navi Pro). Questi sistemi si vanno ad aggiungere al cruise control adattativo, al riconoscimento dei cartelli stradali e al sistema di mantenimento della corsia di marcia, completando così un pacchetto di assistenza alla guida molto completo. Confermati anche i fari intelligenti IntelliLux Led Matrix. Per quanto riguarda gli interni, da segnalare la presenza del tachimetro digitale e della chiamata d’emergenza, eCall, disponibile come optional.

Opel Astra
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
90
104
117
70
70
VOTO MEDIO
3,2
3.16408
451


Aggiungi un commento
Ritratto di tramsi
4 luglio 2019 - 19:52
Design filante e armonioso, pratica e funzionale, plancia rigorosa, fin troppo semplice e senza alcuna fantasia già al suo debutto, a maggior ragione oggi (imparagonabili con quelli della migliore concorrenza), purtroppo non ha avuto il successo sperato. Riserva sugli interni a parte, a me è sempre piaciuta.
Ritratto di Demon_v8
4 luglio 2019 - 21:27
1
È una buona auto, ma personalmente l' ho sempre trovata piuttosto anonima, senza carattere. Poi conta sempre la questione prezzi.. C'è chi vuole spendere poco e si prende una tipo e chi é disposto a sborsare di più si compra golf, a3 o classe a..
Ritratto di Gwent
5 luglio 2019 - 01:57
2
Ma perché, la Tipo, la Golf e l'a3 c'hanno carattere? Me stessi a parla' de na serie 1 (quella appena uscita de produzione) pure pure. Ma quelle che hai menzionato per carità. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Er Gwent.
Ritratto di Livio1952
5 luglio 2019 - 19:50
Credo che l' amico demon volesse sostenere che non ha feeling con i consumatori, la gente si butta su Tipo ( gli economi) e sulle altre che vuole spendere di più. Un mio amico ha la serie attuale wagon td su cui sono salito una volta e non mi ha dato una brutta impressione, è andato a sostituire una versione precedente,sempre wagon td. L' altra mi pareva più carente e so che gli ha dato anche diversi problemi. Un difetto che ho trovato in entrambi i modelli, risiede nel poco posto per le gambe dei viaggiatori posteriori, ( pure davanti non è che si esageri), la cosa è davvero strana per un auto di quella lunghezza, in specie wagon.
Ritratto di Demon_v8
5 luglio 2019 - 20:05
1
Grazie livio 1952, hai tradotto perfettamente il mio pensiero.
Ritratto di 82BOB
4 luglio 2019 - 19:55
Peccato per la rinuncia al metano... Era veramente una delle medie più interessanti, ora rimane solo VAG!
Ritratto di FRANCESCO31
4 luglio 2019 - 21:45
io voglio l' ETANOLO ! ! !
Ritratto di 82BOB
4 luglio 2019 - 22:49
Per autotrazione o per sollazzo? ;-))) Scherzi a parte, il bioetanolo ha molti risvolti interessanti!
Ritratto di Livio1952
5 luglio 2019 - 12:04
Il bioetanolo è una sconcezza in fatto ambientale. Produzioni agricole di nessuna qualità per avere alcool da trazione. Uno scempio ambientale.Utilizzo massiccio di pesticidi e deforestazione per avere più terreni agricoli, aberrante.
Ritratto di 82BOB
5 luglio 2019 - 12:39
Credo il tutto dipenda dalla coltura... Tempo fa vidi un interessantissimo servizio a riguardo che diceva l'esatto opposto... Siccome è passato diverso tempo non ricordo di preciso la coltura, ma, riassumendo, era un po' come il maiale: non se butta via niè! Infatti lì il combustibile era ricavato da un sottoprodotto e a sua volta il sottoprodotto della farmentazione veniva riutilizzato: impatto 0! A ricordarsi dove l'avevo visto il servizio...
Pagine