NEWS

L’Opel Manta diventa elettrica

Pubblicato 19 maggio 2021

La casa tedesca trasforma una delle sue coupé più famose nella Opel Manta GSe ElektroMOD, dotata di un motore elettrico da 147 CV.

L’Opel Manta diventa elettrica

UN CLASSICO MODERNIZZATO - La Opel Manta, che nel 2020 ha compiuto 50 anni, è una famosa coupé degli Anni 70 caratterizzata da uno stile sinuoso e slanciato. La casa tedesca, spinta dalla recente propensione verso la mobilità elettrica e per la “moda” dei restomod (applicazione di tecnologie moderne in un’auto classica), qualche mese fa ha annunciato che avrebbe presentato una versione elettrica di una delle sue coupé più note. A distanza di alcune settimane ecco tutti i dettagli della Opel Manta GSe ElektroMOD.

MOTORE ELETTRICO E CAMBIO MECCANICO - Sotto il cofano della Opel Manta GSe ElektroMOD trova posto un motore elettrico da 147 CV con 255 Nm di coppia che trasmette la coppia alle ruote posteriori, attraverso il cambio della vettura originale, ed è alimentato da una batteria da 31 kWh in grado di garantire fino a 200 km di percorrenza. La batteria può essere ricaricata con il caricatore di bordo da 9 kW in corrente alternata monofase e trifase. Secondo la casa per fare un “pieno” ci vogliono meno di quattro ore.

RICHIAMI AL PRESENTE - La Opel Manta GSe ElektroMOD presenta forti richiami con le attuali vetture del costruttore, come la mascherina Vizor, che si estende a tutta larghezza e ingloba anche i fari anteriori a “L” rovesciata. I passaruota ospitano cerchi in lega di 17 pollici, appositamente disegnati e prodotti dalla Ronal, con pneumatici anteriori 195/40 R17 e posteriori 205/40 R17. Sul cofano posteriore spicca il nome “Manta” scritto con l’attuale lettering della casa.

SCHERMI MODERNI - Gli interni della Opel Manta GSe ElektroMOD sono all’insegna della modernità e la classica strumentazione rotonda cede il passo a due schermi touch da da 12” e 10”, orientati verso il guidatore, dove è possibile visualizzare informazioni sulla vettura come il livello di carica e l’autonomia. I sedili sportivi con la linea decorativa centrale gialla, sviluppati per la Opel Adam S, dovrebbero offrire un buon sostegno laterale. Anche il volante a tre razze è stato rielaborato. Le superfici del posto di guida e dei pannelli delle portiere sono di color grigio opaco, il padiglione dell’abitacolo è invece rivestito di Alcantara.

Opel Manta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
25
10
6
5
5
VOTO MEDIO
3,9
3.882355
51




Aggiungi un commento
Ritratto di Challenger RT
19 maggio 2021 - 02:33
Tantissime mitiche auto come questa Opel Manta potrebbero oggi essere riproposte in versione elettrica da parte delle stesse case costruttrici che un tempo le hanno ideate a benzina. Probabilmente più scomode e spartane per gli impigriti automobilisti di oggi e anche più difficili (ma più divertenti) da guidare per gli utenti medi che non hanno mai messo il sedere sulle auto degli anni '60 e '70, ancora oggi, e ormai per sempre, le migliori della storia dell'automobile. Qualcuno obbietterà che queste elettriche su base classiche non prenderebbero nemmeno una stella nei test euro ecc... "E 'sti cxxxi" si potrebbe rispondere... Sarebbero auto più leggere e anche molto meno costose di un'elettrica moderna se riprodotte nuovamente in serie e non utilizzando le poche originali rimaste. E soprattutto più belle della quasi totalità delle elettriche di oggi. Andrebbe certamente utilizzato il più resistente acciaio moderno e ci si dovrebbe limitare solo ad ABS e airbag. Del resto a chi non sa "domare", o semplicemente controllare, senza elettronica un'auto di almeno 1200 kg (stimati) e 147 cv a trazione posteriore io non darei nemmeno la patente.
Ritratto di Alfiere
19 maggio 2021 - 07:58
ma se la gente prende i pali con le panda, sei troppo ottimista!
Ritratto di Check_mate
19 maggio 2021 - 08:04
1
Sono completamente d'accordo @challenger.
Ritratto di Andre_a
19 maggio 2021 - 10:16
9
Non sono d'accordo: io un'auto degli anni 60 ce l'ho, e se la fai in mano a un guidatore medio ci si ammazza, e non solo perché non ha il minimo dispositivo di sicurezza, neanche le cinture, ma anche perché è sbilanciata, imprevedibile, e può arrivare al limite a velocità di codice. Tutte cose che la rendono molto divertente, ma non certo per tutti.
Ritratto di Miti
19 maggio 2021 - 12:25
1
Challenger RT e Andre_a. In un modo o l'altro avete tutte due ragione. Di sicuro che un motore elettrico che da una copia così importante da subito ma priva totalmente di qualsiasi sistema di aiuto alla guida , oggi potrebbe spaventare. Ma guardiamola come un esercizio di stile semplicemente. Non di più. Poi il piacere di guida ... dipendente di ognuno di noi, di cosa significa per ogniuno di noi.
Ritratto di Challenger RT
21 maggio 2021 - 01:38
Andre_a, la mia vuole essere in parte una provocazione e in parte una riflessione su dove si sta andando fidandoci troppo dell'elettronica. Anch'io ho un'auto cinquantenne piuttosto cattivella che non faccio guidare a nessuno e quindi so bene di quello di cui parlo. Non dico che un ritorno al passato sia la soluzione, ma un po' più di esperienza di una certa guida più "vintage" non farebbe certo male.
Ritratto di Road Runner Superbird
19 maggio 2021 - 12:47
Ma potrebbero benissimo riproporre queste linee su piattaforme nuove, smussando giusto qualche angolo, con tutta la sicurezza e l'efficienza attuali. Dopotutto le odierne muscle hanno lo stile anni '60 e '70 in chiave moderna. Ingegneristicamente la Opel potrebbe tranquillamente fare una coupe compatta, ma è il lato marketing a comandare.
Ritratto di Rav
20 maggio 2021 - 01:49
3
Il lato marketing comanda fino ad un certo punto, il Mercato i coupè non li vuole più a meno che non siano decisamente premium o proprio di lusso, per cui gli investimenti seguono di conseguenza. Un marchio come Mercedes può permettersi di spendere soldi in una variante coupè della Classe C perchè qualcuno la compra e le altre marginano, Opel se investe sulla nuova Calibra e ne vende quattro va in rosso perchè non vende abbastanza vetture del resto della gamma per pareggiare. Poi per carità, io ho ancora nel cuore la Peugeot E-Legende, ma in quanti realmente la comprerebbero? Il punto è che per sviluppare una macchina ci vogliono una marea di soldi e se un segmento cresce del tot% ogni anno mentre gli altri calano, chi deve puntare soldi li metterà lì. Il Marketing ormai deve cercar di vendere quello che gli passano, al limite deciderà un posizionamento del modello rispetto ad una tipologia di cliente.
Ritratto di Road Runner Superbird
20 maggio 2021 - 12:21
Senza dubbio, nel senso che l'ala marketing decide se un modello può essere remunerativo o meno e, purtroppo, in questo periodo storico una coupe ha possibilità di gradimento vicine allo zero, mentre negli anni '90 alla Opel costò poco fare la Tigra su base Corsa e con margini di successo.
Ritratto di Andrea Doria
20 maggio 2021 - 01:11
@Challenger RT. Magari un pelo estremo, ma condivisibile.
Pagine