NEWS

Peugeot: un nuovo logo per segnalare il cambiamento

Pubblicato 26 febbraio 2021

La Peugeot vuole suggellare la crescita del posizionamento del brand, operata negli ultimi anni, con una nuova immagine coordinata.

Peugeot: un nuovo logo per segnalare il cambiamento

SUGGELLA UN PERCORSO - Negli ultimi dieci anni la Peugeot ha intrapreso un  lavoro di crescita di posizionamento realizzando modelli sempre più curati in termini di design e ricchi di tecnologia. Il risultato sono stati modelli di grande successo come le ultime 308, 3008 e 2008. 

NUOVA IMMAGINE A 360° - Per completare questa transizione verso la parte più alta del mercato dei cosiddetti marchi generalisti, la Peugeot inaugura un nuovo logo che si accompagna ad un’inedita immagine coordinata. Infatti, congiuntamente al nuovo marchio, la casa francese ha rivisto il suo sito web, lo stile della comunicazione, le brochure e ha previsto un restyling delle sue concessionarie.

TRA PASSATO E FUTURO - Il nuovo stemma disegnato dal Peugeot Design Lab propone un lettering scritto per esteso posizionato sopra la testa di un leone e inserito all’interno di uno scudo. Di esso la Peugeot dice che rappresenta “una forma identitaria, senza tempo, universale e multiculturale. È un segno distintivo, un simbolo di appartenenza, di riconoscimento. È sinonimo di prestigio, fiducia, longevità, lignaggio. Con esso e la sua nuova identità visiva, Peugeot unisce la storia all’ultra-modernità”. Il primo modello ad adottarlo sarà la nuova Peugeot 308, che verrà svelata ufficialmente il prossimo 18 marzo.





Aggiungi un commento
Ritratto di alphia
26 febbraio 2021 - 16:17
Perché l'utente mediamente schierato si eccita per 400 macchine vendute in 6 mesi se si parla di una marchio che gli piace mentre 40-50 mila o 200-250 mila o 500-600 mila macchine fatte in condivisione di progetto con altri 3-4 brand, quindi non di certo a perderci, li vede come un insuccesso se il gruppo non gli sta simpatico ?
Ritratto di Giuliopedrali
26 febbraio 2021 - 17:00
alphia: un altro fan boy, se prendi ad esempio VW VAG mi pare che di vincenti ci siano quasi tutti i suoi marchi e anche Renault ha fatto fare a Dacia cose inennarrabili, qui siamo alla media del 5 o del 4.
Ritratto di Voltaren
26 febbraio 2021 - 21:13
La stessa Vw che lei ha definito un marchio vecchio per vecchi? Un esempio di coerenza.
Ritratto di Giuliopedrali
27 febbraio 2021 - 08:29
VW purtroppo ogni volta che vado dal concessionario mi pare di andare dal dentidta o in qualche studio medico, troppo pulitino, precisino, prima lì c'era l'Alfa Romeo e si sentiva la passione, un pò di politicamente scorretto, Alfa chissà se andava i mani VW spero che evitando quell'effetto di anestetizzazione lì sarebbe stata davvero in buone mani però.
Ritratto di Biondi stefano
26 febbraio 2021 - 16:20
@ Giulio, lo zero, in Peugeot esiste da quando costruiscono auto, nell'occhiello dello zero,c'era il foro per metterci la manovella.
Ritratto di Giuliopedrali
26 febbraio 2021 - 17:15
In realtà la prima la 201 è del 1929 quando credo avessero già l'accensione elettrica, comunque che Peugeot sia ancora oggi vincente solo in Francia e poco più e sarebbe la grande vincente di Stellantis, vallo a spiegare a chi fa le cose sul serio.
Ritratto di Ale94
26 febbraio 2021 - 19:08
Doveva debuttare sulla nuova 208 auto dell’anno e la vera rottura con le altre auto del gruppo.
Ritratto di Road Runner Superbird
26 febbraio 2021 - 19:09
Mi piace, è accattivante e importante anche se in generale i loghi moderni mi sembrano sempre meno automobilistici, sarà che sono più stilizzati e meno cromati.
Ritratto di Giuliopedrali
26 febbraio 2021 - 19:27
Comunque è molto positivo questo richiamo al passato di Peugeot che ha una grande tradizione: retrofuturismo, però per quanto riguarda il marketing possibile che Peugeot debba essere l'unico marchio che funziona di un coacervo di almeno una decina di marchi?
Ritratto di Giulio Ossini
27 febbraio 2021 - 01:50
Passi per la testa del leone, ma lo scudetto che la "contiene" sa di vecchio che più vecchio e anonimo non si può... Potrebbe appartenere a qualsiasi marchio! Mille volte meglio lasciare il distintivo logo attuale del leone rampante o, se proprio si voleva cambiare, mettere solo la testa del leone del nuovo logo (bella e ben disegnata) ma senza integrarla nel banale scudetto. I marchi "seri" (i soliti 3 della triade) il logo non lo cambiano manco sotto tortura!!!
Pagine