NEWS

Le sette sorelle della Giulietta

16 febbraio 2010

Ieri con questo titolo abbiamo pubblicato un pezzo dedicato agli sviluppi del pianale Compact, che debutta con l’Alfa Romeo Giulietta. Nella fretta erano state omesse le fonti: rimediamo riproponendo l’articolo nella sua completezza.

Le sette sorelle della Giulietta

UN MILIONE DI VETTURE - Secondo Automotive News, il Gruppo Fiat sta lavorando a una versione ingrandita del pianale Compact (foto qui sopra) usato per l'Alfa Romeo Giulietta: denominata Wide, questa piattaforma dovrebbe essere utilizzata per arrivare a produrre fino a un milione di auto all’anno entro il 2014. Si parla di 700.000 fra Chrysler, Dodge e Jeep da costruire negli Usa su base Compact Wide, e di 300.000 automobili dei marchi Fiat da realizzare in Europa sul pianale Compact.

RISPARMI NOTEVOLI - Un’operazione che consentirà grossi risparmi (di tempo e di denaro) considerando che l'architettura di base di un'auto rappresenta dal 30 al 35% del costo di progettazione. Sarebbero almeno sette le nuove vetture del Gruppo di Detroit che nasceranno sul pianale Compact Wide; le prime ad arrivare dovrebbero essere le eredi di Chrysler PT Cruiser e Dodge Caliber, entrambe attese per il 2012.

A TORINO, INVECE… - Dopo la Giulietta, utilizzeranno la piattaforma Compact anche per la futura Bravo (ne sapremo di più il 21 aprile, quando Marchionne svelerà il piano industriale Fiat da qui al 2014). Secondo altre indiscrezioni pubblicate ieri dal Corriere della Sera, la versione Wide di questa piattaforma verrà impiegata per modelli di dimensioni "importanti" come le eredi delle Alfa Romeo 159 e 166, Fiat Croma, Lancia Thesis e persino della Jeep Grand Cherokee.



Aggiungi un commento
Ritratto di Gipo
16 febbraio 2010 - 14:54
Finalmente si compone il quadro d'insieme e si comprende il significato del tutto. Marchionne è riuscito ad ottimizzare le sinergie senza penalizzare alcun marchio, per la soddisfazione degli afecionados e dei nuovi potenziali clienti. Di grande soddisfazione, in particolare, vedere nella futura gamma ben due berline Alfa Romeo, una Fiat ed una Lancia. Eppoi credo che agli italiani piaceranno pure le americane...
Ritratto di Francesco T
16 febbraio 2010 - 14:50
CI SARANNO DUE NUOVE ALFA COME GIUSTO CHE SIA..........
Ritratto di Gianluigi74
16 febbraio 2010 - 15:30
Alla faccia di tutti i detrattori del gruppo FIAT. Saranno i fatti a smentire le Cassandre di sventura. A cominciare dalla nuova Giulietta, che diventerà il punto diriferimento per l'intero segmento. L'unico dubbio, fino a che nn parlerà Marchionne, è rappresentato dal pianale della 300C, che fino a ieri veniva presentato come quello delle future ammiraglie italiane (con tanto di rendering GIULIA e THESIS). In bocca al lupo FIAT, ma mi raccomando per prima cosa pensate ai lavoratori italiani !!!!!!
Ritratto di Montanelli
16 febbraio 2010 - 16:26
Speriamo che per fare "numeri" non venga dimenticata la sportività del marchio. Certo che pensare che la nuova pt cruiser e un'alfa romeo hanno lo stesso "scheletro" suona strano.
Ritratto di Alfonso_
16 febbraio 2010 - 17:51
Il commento è stato rimosso per l'uso di un linguaggio non appropriato. La redazione.
Ritratto di Al86
16 febbraio 2010 - 17:52
Condividere pianali tra i vari brand di un gruppo automobilistico è prassi comune, l'unico dubbio che mo sorge è: utilizzare un pianale automobilistico su un fuoristrada qual'è il Grand Cherokee è corretto? Nel senso, hanno almeno previsto di rinforzarlo o ridurranno anche il Grand Cherokee ad uno stupido ed inutile SUV(cosa che temo invece faranno)?
Ritratto di Gipo
17 febbraio 2010 - 08:06
A quanto pare i pianali in valutazione per le vetture di segmento E sono due: l'upgrade del Compact a Wide e l'evoluzione dell'LX a LY. Il primo potrebbe essere più leggero e resistente, perchè di nuova concezione. Il Grand Cherokee, mmh... fossimo proprio a corto di pianali, abbiamo sempre quello del Dodge RAM (Truck of the Year 2010), quindi penso non si debba fare nessun rinforzo, semmai il contrario... Have a look at these coil springs rear suspensions RAMs (leaf ones on heavy duty) outperforming a couple of BMWs (questionable, right, but still...): http://www.youtube.com/watch?v=JesA7-foDFU http://www.youtube.com/watch?v=EQhySBOKS3w Alfa Romeos outflanked by RAMs? ...not a single post.
Ritratto di Al86
17 febbraio 2010 - 15:21
ma il mio dubbio sorgeva su altro, cioè qui si parla di utilizzare il pianale di una berlina medio-grande per un fuoristrada, le sollecitazioni che deve sopportare un telaio per un utilizzo offroad sono molto maggiori rispetto a quelle che deve sopportare un veicolo prettamente stradale e questo richiede una maggiore rigidità del telaio stesso, il mio dubbio era se hanno previsto di irrigidirlo nel caso del Cherokee rispetto alla variante utilizzata per le altre 4 berline, o se invece trasformeranno il Cherokee da un fuoristrada ad un SUV privandolo di ridotte e mantenendo il pianale tale e quale?
Ritratto di Gipo
17 febbraio 2010 - 16:09
Condivido le tue perplessità ed infatti ti ho risposto formulando un'ipotesi per assurdo (anzi, assurda proprio). Tieni conto che l'articolo riporta, bene in evidenza, la fonte, perchè la notizia è frutto di indiscrezioni, per giunta "filtrate" dalla redazione del Corriere della Sera. Siamo, dunque, nell'incertezza al quadrato (anche se la notizia nella sostanza c'è ed è molto confortante). Come giustamente qualcuno suggerisce, attendiamo il piano industriale; c'è chi addirittura, più sotto, arriva fino alla terza potenza dell'incertezza, gettando ombre sul distretto dei veicoli commerciali della Val di Sangro...
Ritratto di marpionne
16 febbraio 2010 - 18:38
Vorrei ricordare che il pianale c-evo della nuova giulietta è lo steso della bravo leggermente modificato, che a sua volta è quello della stilo leggermente modificato. Passi farci le nuove compatte di tutti i marchi, ma farci addirittura le ammiraglie ed i suv e sperare di far concorrenza ai tedeschi....beh. Marchionne si conferma un ottimo finanziere, ma credo che di tecnica non ci azzecchi per niente.
Pagine