NEWS

Polestar: quasi pronta la terza

Pubblicato 03 dicembre 2021

La Polestar 3, terzo modello del costruttore svedese, è una suv elettrica in arrivo nel 2022 con un avanzato sistema di guida semiautonomo.

Polestar: quasi pronta la terza

MADE IN THE USA - La Polestar, marchio di proprietà della Volvo, si è fatta conoscere al pubblico per le sue auto ibride ad elettriche ad alte prestazioni caratterizzate da una linea molto personale. Entro la prima metà del 2022 l’azienda si quoterà al Nasdaq e faraà debuttare un nuovo modello, la Polestar 3. Si tratta di una suv elettrica di fascia premium che verrà costruita presso la fabbrica Volvo di  Charleston nel South Carolina. Potrà contare su una serie di caratteristiche che la differenziano dalla concorrenza come il sofisticato sistema di guida semi autonomo che potrà contare sul sensore Lidar della Luminar e sull’unità di calcolo della Nvidia.

LINEE AFFILATE - La Polestar ha diffuso una prima immagine (qui sopra) dove la 3 è ancora camuffata ma, nonostante questo, è comunque possibile apprezzarne le proporzioni riuscite: bassa e larga la Polestar 3 ha uno stile fatto di superfici levigate e spigoli netti e promette un aspetto sportivo e filante, in perfetto stile suv-coupé.

MOLTIPLICATO PER 10 - Nell’annunciare il nuovo modello, la Polestar conferma che nel 2021 dovrebbe riuscire a consegnare 29.000 auto (i modelli attualmente a listino sono la Plestar 1 e la Polestar 2), con l’obiettivo di lanciare un nuovo modello ogni anno nei prossimi tre anni, a partire proprio dalla Polestar 3. L’azienda prevede di raggiungere 30 mercati globali entro la fine del 2023. Grazie a questa espansione e ai nuovi modelli, secondo le previsioni del costruttore svedese, sarà possibile arrivare a quota 290.000 veicoli l’anno entro il 2025.





Aggiungi un commento
Ritratto di Arreis88
3 dicembre 2021 - 16:42
Venghino signori, venghino, c'è una novità! Un Suv.
Ritratto di Miti
3 dicembre 2021 - 16:45
1
Cavolo ...avrei giurato che è una berlina ... mi sa che devo cambiare lo spacciatore ... ahahahah
Ritratto di MS85
3 dicembre 2021 - 18:06
Va detto che se le proporzioni fossero quelle della 2 non sarebbe male. Non è un vero e proprio suv in fondo.
Ritratto di ziobell0
3 dicembre 2021 - 16:53
belle proporzioni e linee pulite ... da quel che pare
Ritratto di giulio 2021
3 dicembre 2021 - 17:47
Questi qua hanno Geely dietro e quindi credo saranno quelli che alla fine entro il 2030 prenderanno il posto di VW-VAG e Toyota, hanno marchi uno più interessante dell'altro di cui il più scarso è Volvo... E secondo me la scintilla che fa comprendere tutto è l'apparentemente insignificante scontro Proton contro Perodua in Malesia, dove Proton che commercializza Geely sta battendo alla grande Perodua che commercializza Toyota, da quello che vedo lì Toyota pur con tutte le sue forze (cioè commercializzando gli stessi SUV ultimo modello venduti in Giappone ma a prezzo più basso) non riesce davvero a contrastare Geely che ha comunque prodotti più accattivanti, Geely può sembrare un newcomer eppure sta già dando lezioni a Toyota...
Ritratto di Flynn
3 dicembre 2021 - 17:53
Ma in Malesia mettono i paletti come a meste ?
Ritratto di giulio 2021
3 dicembre 2021 - 18:11
Si perchè tra Toyota / Perodua e Geely / Proton, in Malesia hanno ormai auto forse migliori delle nostre e tutto ciò perchè nell'agone è entrato un costruttore cinese che ha sparato subito con l'artiglieria pesante, non i soliti modelli da Secondo mondo, e anche Toyota ha risposto adeguatamente, da noi Stellantis sparirebbe tra sti due dopo poco.
Ritratto di Flynn
3 dicembre 2021 - 18:17
Ah bhe se è così in Malesia, allora ... per un attimo ho pensato che fosse un mercato insignificante, tipo quello statunitense
Ritratto di giulio 2021
3 dicembre 2021 - 19:15
Beh sa ad essere ignoranti, io parlo spesso di Australia mercato australiano e tutti giù a ridere si certi ignoranti, sono usciti i dati in questo momento su Bestsellingcarsblog, e lasciamo stare cosa sta combinando MG, Maxus e Haval ovviamente davanti ai giap e a tutti i tedeschi ma non è quello, sapete quante auto hanno venduto in Australia a novembre: 80.000 auto, in Italia poco più di 100.000, cioè siamo lì eppure chissà perchè non bisogna considerare il mercato australiano (e il nostro si) che a sto punto a parte essere il mercato dove arrivano per primi tutti i marchi che poi saranno comuni nel mondo dagli anni 60 ad oggi, sarà anche il decimo o quindicesimo mercato al mondo, non un mercato secondario, anche se non sarà quello cinese, americano, tedesco o giapponese.
Ritratto di Voltaren
3 dicembre 2021 - 19:45
@Ciullio: al contrario, è lei che batteva sulla dicotomia DR/Skoda proprio nel mercato nostrano. Ad oggi Skoda ha venduto il triplo di DR in Italia e nelle vednite globali è anni luce distante. Al di là di ciò, lei legge sul sito i dati di vendita australiani e... aloora? Chiunque è in grado di farlo. Ritiene di essere un esperto perché accede a dei dati che, cmq, non riesce poi a catalogare perché non conosce le dinamche dei mercati? Un continente, l'Australia, che vende meno della nostra nazione e quasi metà di quella tedesca. A noi interessa il report annuale worldwide car sales. Quanto vende in Congo interessa solo a chi esporta in quel luogo o a chi, come lei, ha tempo da perdere. Il punto è che lo fa per poi immediatamente insozzare i blog con le sue idiozie. Se le tenga per lei!
Pagine