NEWS

Prezzi delle auto nuove: più contenuto l’aumento di ottobre 2020

Pubblicato 24 novembre 2020

I prezzi aumentano "solo" del 2,6%, segno che in questa fase dell’emergenza sanitaria gli operatori del settore evitano di forzare sui prezzi.

Prezzi delle auto nuove: più contenuto l’aumento di ottobre 2020

SI PAGA DI PIÙ - Dopo il crollo subito nella fase più acuta dell’emergenza sanitaria, il mercato italiano delle auto nuove non si è ancora del tutto ripreso. Tuttavia, se le immatricolazioni faticano a raggiungere i livelli pre-crisi, come dimostra il calo dello 0,2% ad ottobre 2020, sono tornati a crescere i prezzi pagati dai clienti per le auto nuove. Secondo una ricerca effettuata dall’Osservatorio Autopromotec, sulla base dei dati Istat, a ottobre 2020 i clienti hanno pagato la nuova auto mediamente il 2,6% in più rispetto allo stesso mese dell'anno scorso.  

IL PICCO AD AGOSTO - Nel 2020, l’andamento dei prezzi delle auto nuove è stato influenzato dalla pandemia e dagli effetti che ha avuto sull’economia: a gennaio si registrava una crescita del 2,4% rispetto a dodici mesi prima, ma poi da febbraio è emerso il Covid-19 ed i prezzi sono aumentati in modo più contenuto rispetto al 2019, fino a crescere dell’1,7% a giugno. In estate, quando la situazione era in miglioramento, e l’economia ha dato i primi segnali di ripresa, si è registrato un incremento più marcato: più 2,4% a luglio, seguito dal 2,7% in più di agosto. 

LE AUTO USATE COSTANO DI PIÙ - L’Osservatorio Autopromotec ha preso in considerazione anche l’andamento dei prezzi delle auto usate: se a gennaio si registrava un calo dell’1,7% rispetto a gennaio 2019, dunque le vetture erano più convenienti rispetto a dodici mesi prima, il risparmio si è affievolito dall’estate ed è stato dello 0,6% ad agosto e dello 0,8% ad ottobre. Nessuna significativa variazione per i prezzi di manutenzione e riparazioni: l’aumento è stato dell’1,2% ad ottobre, leggermente superiore rispetto ai mesi precedenti.





Aggiungi un commento
Ritratto di Horizon2020
24 novembre 2020 - 19:18
Non han capito che gli stipendi non aumentano???? Facile fare i listini con gli svizzeri dove il più morto di fame ha una auto da 60mila euro
Ritratto di BigDeals
24 novembre 2020 - 20:26
In Svizzera i morti di fame vanno a piedi. I prezzi seguono le logiche di mercato, altrimenti non venderebbero.
Ritratto di Horizon2020
25 novembre 2020 - 06:58
Difatti mi sembra che il mercato auto sia rose e fiori
Ritratto di MS85
25 novembre 2020 - 12:37
Quindi il tuo sospetto quale è? Che nessuno in tutto il settore capisca nulla di auto, a differenza di chi commenta su social e forum?
Ritratto di Horizon2020
25 novembre 2020 - 13:23
No che si forzi la mano verso il Consumismo fino a che qualcuno si incavolera di brutto. Se non è successo fin ora è colpa dei risvoltinati che si fan comprare l auto dal papà con i soldi risparmiati dal nonno
Ritratto di MS85
25 novembre 2020 - 13:57
E questa incavolatura come si manifesterà? Assalti armati delle concessionarie?
Ritratto di BigDeals
25 novembre 2020 - 15:21
Siamo da 10 anni nel consumismo che predica l'acquisto dell'inutile. L'auto, fra tutte le cose da acquistare, è una delle più utili.
Ritratto di domila
24 novembre 2020 - 19:51
Dieci anni fa un segmento B lo si poteva portare a casa con appena 10.000, e qualche caso costava anche meno. Oggi, partono da 14.000 se va bene....
Ritratto di otttoz
24 novembre 2020 - 20:44
ma l'inflazione acquisita per il 2020 è pari a -0,2% per l'indice generale
Ritratto di Boys
24 novembre 2020 - 21:14
1
Inflazione a meno 0 virgola e aumentano le auto del 2,6%??? Poi si lamentano del non venduto??? Che se le tengano!!!! Gli auguro piazzali pieni!!! Gli stipendi sono fermi da 20 anni!!!
Pagine