Renault Ez-Go: la monovolume per il trasporto condiviso

6 marzo 2018

Il prototipo Renault Ez-Go ha un abitacolo con 6 posti e guida da solo per caricare i passeggeri in luoghi diversi della città.

Renault Ez-Go: la monovolume per il trasporto condiviso

RIDE HAILING - Le tecnologie di guida automatizzata per servizi di trasporto condiviso (in inglese ride hailing), secondo alcune stime potrebbero diventare un’alternativa al possesso di una vettura: i clienti dovranno prenotare una corsa dallo smartphone e salire poi a bordo di un’auto che effettua il percorso migliore in base alle destinazioni scelte dai vari passeggeri. La Renault crede in questa formula e presenta qui, al Salone dell’automobile di Ginevra, un prototipo messo a punto per i servizi di trasporto condiviso. Si tratta della Renault Ez-Go, una sorta di multispazio elettrica studiata per rivelarsi molto pratica e abitabile.

NON DEVI PIEGARTI - Sulla Renault Ez-Go i vetri sono molto ampi (quelli laterali ricordano la losanga, come il logo della casa) per garantire la massima visuale e, come ci ha detto il responsabile del design Laurence Van den Acker, anche per mostrare all'esterno chi c'è a bordo: un modo per "comunicare" visivamente con il mondo esterno. Sulla concept car tutto è funzionale alla massima praticità, e per garantire spostamenti tranquilli e gradevoli: l’ingresso avviene da una grande porta anteriore, così che i passeggeri (fino a sei) possono evitare di chinarsi; una pedana facilita l’accesso alle persone anziane o disabili, e al posto dei sedili ci sono delle panchette posto lungo le fiancate, una di fronte all'altra, per rendere l'ambiente più conviviale. Gli stilisti hanno scelto di ispirarsi a un bozzolo, “tagliando” la carrozzeria in modo netto per ampliare la zoan di azione dei sensori, dei radar e delle telecamere e migliorare così l’efficacia del sistema di guida automatizzata, che è del livello 4 e quindi può funzionare senza una persona a controllarlo (ma non in condizioni di brutto tempo).

NON SUPERA I 50 KM/H - La Renault Ez-Go ha le ruote posteriori sterzanti, per migliorarne l’agilità nel traffico (nonostante la lunghezza di 520 cm). La spinge un motore elettrico, e la velocità è limitata a 50 km/h: in città di più non serve, e in questo modo Renault pensa che si possa fare a meno della scomodità delle cinture di sicurezza. La Renault Ez-Go pesa 1.700 chili (300 sono di batteria) ed è studiata per arrivare o ripartire da piccole stazioni di ricarica dedicata, lunghe in tutto 750 cm; dei “capolinea” con un sistema sotto l’asfalto per la ricarica senza fili. Il pavimento di queste stazioni è a filo con la soglia d’accesso dell’auto.



Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
6 marzo 2018 - 13:14
Già qui il senso di automobile tradizionale è ribaltato... Molto più simile ad un mini autobus che ad altro ai miei occhi. Ad ogni modo sinceramente interessanti le soluzioni e la forma. Davvero.
Ritratto di Gordo88
6 marzo 2018 - 13:59
Guida autonoma e mobilità condivisa.. se questo é quello che ci aspetta per il mondo dell auto del futuro allora sarà certamente funzionale ma anche molto molto meno interessante e passionale
Ritratto di faxenberg
6 marzo 2018 - 22:55
Più che le auto private questa soluzione andrà a sostituire il car sharing nelle grandi città, dove guidare e' tutto fuorché interessante e passionale. La mobilita' privata come la intendiamo oggi sopravviverà per molto ancora nel trasporto extraurbano