NEWS

Roma, strisce blu più care? Il comune ci riprova

19 ottobre 2015

L’aumento della tariffa oraria da 1 a 1,5 euro era già stata varata a settembre 2014. Ma il Tar l’aveva bocciata.

Roma, strisce blu più care? Il comune ci riprova
SECONDO TENTATIVO - E due. Il comune di Roma vuole varare un aumento della tariffa oraria per il parcheggio nelle strisce blu: da 1 a 1,5 euro. La nuova delibera prevede anche l’eliminazione di spazi di sosta gratuiti nel centro storico e l’abolizione dei mini-abbonamenti (4 euro per 8 ore, 70 per un intero mese). E tutte le strisce bianche tra il confine della Fascia 1 e le zone a traffico limitato verrebbero ridipinte di blu. L’idea, dell’assessore ai trasporti Stefano Esposito, ricalca quella che era stata già approvata quando assessore era Guido Improta: l’amministrazione capitolina ci aveva già provato nel settembre del 2014, ma nel marzo 2015 il Tar aveva ristabilito la situazione precedente, motivando la sentenza con le scarse alternative in termini di trasporto pubblico. Il nuovo provvedimento è modellato su quanto puntualizzato dal Tar nella sentenza che annullò il precedente provvedimento: per controllare l’invasione dei bus turistici in occasione del Giubileo della Misericordia del 2015, l’idea è di utilizzare le norme contenute nel nuovo Pgtu (il Piano generale del traffico urbano). Tra queste, anche l’installazione di 21 telecamere in altrettanti punti d’accesso all’anello ferroviario della capitale, per regolare l’ingresso dei bus turistici nell’area del Vaticano attraverso ticket in stile Ecopass di Milano (oggi Area C).
 
QUALI SVILUPPI - Per il momento, comunque, non c’è niente di concreto: occorrerà anche vedere se si riuscirà a mettere al voto questo provvedimento prima dell’uscita di scena del sindaco dimissionario Ignazio Marino. Anche questa volta gli ostacoli all’idea della giunta sono di tre ordini: l’opposizione interna; un altro eventuale ricorso al Tar; la conclamata inadeguatezza dei servizi pubblici a Roma, con la municipalizzata dei trasporti a rischio commissariamento. 




Aggiungi un commento
Ritratto di axorazor
19 ottobre 2015 - 18:43
Io a Napoli pago di norma 1.50 euro per la prima ora e 2 euro per le successive, in alcune zone la prima ora costa 2 euro e le successive 3. stà diventando uno stillicidio prendere l'auto, si deve pagare per tutto; e le strisce bianche sono introvabili e in paragone un decimo di quelle blu.
Ritratto di freaklondon
20 ottobre 2015 - 13:28
La signora del sindaco ha chiesto una pelliccia nuova?
Ritratto di OhneZeit
20 ottobre 2015 - 19:01
Roma è l'unica città in Italia - e al mondo- dove parcheggiare su suolo pubblico costa così poco... Non è un mistero che abbia anche dei servizi pubblici di trasporto indegni di un Paese civile, ma da qualche parte bisogna pur cominciare a disincentivare l'uso del mezzo privato. Una volta ridotto il volume di traffico si può pensare di migliorare la rete di servizi pubblici.E' evidente che la tariffazione andrà graduata in base alla zona ( ad es. 3 euro/ora al centro, 1,5 in zone semicentrali e gratis in periferia).Mi rendo conto che dire queste cose qui può suonare come un'eresia, ma i costi sociali del traffico soffocante e paralizzante di Roma hanno raggiunto un livello tale da rendere urgenti provvedimenti correttivi. D'altronde, anche in Paesi ritenuti avanzati come il Giappone ci sono numerosi vincoli alla mobilità privata ( ad esempio, se non si possiede un ricovero notturno per le vetture, non se ne possono acquistare di esageratamente grandi, mentre a Roma si fa gara a chi parcheggia -o meglio, tenta di parcheggiare- il SUV più grosso)...