NEWS

Skoda: le cinture di sicurezza hanno la fibbia illuminata

Pubblicato 07 novembre 2020

La Skoda brevetta l'utile accessorio che favorisce l’individuazione anche al buio della fibbia della cintura di sicurezza e quindi aiuta a non dimenticare di indossarla.

Skoda: le cinture di sicurezza hanno la fibbia illuminata

SIMPLY CLEVER - L’auto è spesso un luogo dove passiamo tante ore della giornata. I costruttori ovviamente ne sono a conoscenza e tendono a rendere questo ambiente il più piacevole possibile, attraverso l’adozione di soluzioni intelligenti. La Skoda, per esempio, ha ormai una buona tradizione nell’inventare di soluzioni semplici ma intelligenti (Simply Clever, come le chiamano loro) che facilitano la vita degli utilizzatori dell’auto. Una di queste è sicuramente la nuova fibbia della cintura di sicurezza con sistema di illuminazione brevettata dall’azienda ceca. 

CAMBIA COLORE - Il funzionamento di questo nuovo brevetto della Skoda è tanto semplice quanto efficace; il tasto di sblocco della fibbia della cintura di sicurezza è trasparente e al suo interno ospita luci a led. Per questo la fibbia può cambiare colore a seconda della situazione: bianco quando nessuno è seduto sui sedili, rosso quando il guidatore o il passeggero si siedono (facilitando così l’individuazione della fibbia e ricordando agli occupanti di mettere la cintura) e, infine, verde quando la cintura è regolarmente indossata.

QUANDO ARRIVA? - Inoltre, secondo la Skoda il sistema di illuminazione della fibbia sarà particolarmente utile per i genitori che possono così immediatamente controllare se i figli non hanno indossato correttamente la cintura. È inoltre possibile modificare le impostazioni d’illuminazione, avendo la facoltà di passare da una luce statica a una dinamica con lampeggio. Attualmente la cintura con fibbia illiminata è ancora in fase di sviluppo e la Skoda non ha comunicato quando sarà disponibile sulle auto di serie. 





Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
8 novembre 2020 - 16:57
Idee intelligenti come altre di Skoda (ombrello dentro la portiera come Rolls Royce...), Skoda è la marca ideale per prezzo e razionalità, solo che ormai mi fanno impazzire le auto d'epoca: anche la Skoda 105 a motore posteriore prima serie cromata del 1976 però era molto carina, ma sapete cosa mi impressiona di questa idea del cicalino sulle cinture, che in realtà sono piccole cose ma che fanno capire che VW sta iniziando a concedere una certa indipendenza progettuale a Skoda, ha capito che brand con una diversa identità funzionano, non può essere solo uno più economico, uno più premium e basta. Geely li ha tutti nella stessa categoria sub premium eppure funzionano fin da subito proprio per questo: Geely, Volvo, Polestar, Lynk&Co (a parte Lotus che farà la "sportiva") cioè per pubblici diversi: più maturi, più giovanili, più ecologisti, più tradizionalisti etc, Geely ha fatto quadrare il cerchio.
Ritratto di garrincha76
8 novembre 2020 - 17:03
Che palle, pedrali, sei monomaniaco. Prima ci smontavi le bombe con l'Alfa 33, ora con le Rolls Royce. Non se ne può più, dai.
Ritratto di Giuliopedrali
8 novembre 2020 - 17:10
In realtà ho confrontato Skoda a Rolls e ho detto che offrono la stessa cosa (una costa 20.000 Euro l'altra 400.000....), il discorso era sull'identità di marca che sta raggiungendo Skoda e che secondo me la farà diventare una delle marche più interessanti e non più solo sotto il profilo razionale.
Ritratto di BioHazard
8 novembre 2020 - 17:44
Ma sticazzi dell'ombrello... Se sono le uniche case al mondo a proporlo vuol dire che non serve a una beata mazza a nessuno...
Ritratto di luperk
10 novembre 2020 - 07:57
anche aston martin lo offre. non sapete nulla lol
Ritratto di katayama
8 novembre 2020 - 17:54
Vero, è il marchio che tutti dovrebbero prendere ad esempio per quanto s'è "reinventato". Un po' come Audi. Ma quello è un caso di un'eclatanza irripetibile. Dalla 50 alla RS6... E noi abbiamo Maserati a presidiare penosamente e costosamente il seg. E e poco più. Maserati ha meno identità di Skoda, ammettiamolo una volta per tutte. Il re è nudo! Se chiudessero tutto domani nessuno se ne accorgerebbe e FCA avrebbe più soldi per gli altri marchi e modelli.
Ritratto di katayama
8 novembre 2020 - 18:01
Magari avrebbero i soldi per allargare, proprio come sulla RS6, i parafanghi posteriori della Giulia GTA (e non solo quelli anteriori, meno costosi), invece di metterci dei codolini in carbonio che li trovi anche da Norauto... Non si va lontano così. Per 180KE queste cose non s'accettano, non possono passare. Sorry.
Ritratto di Giuliopedrali
8 novembre 2020 - 18:13
In realtà un marchio più reinventato di Audi non esiste, mentre Skoda e anche prima del 1925 col nome Laurin&Klement e altri nomi esportava già in tutta l'Europa dell'Est dall'ex impero austroungarico alla Russia degli zar e perfino in Giappone, però dicevo solo che VAG coi suoi marchi molto validi si sta ispirando a Geely e suoi marchi ex novo, appunto lo facesse anche FCA che ha fatto sembrare Alfa Romeo una Fiat un pò più tamarra, Maserati la parente povera di Ferrari, Lancia bè lasciamo stare, ha trovato l'identità solo dell'italianissima Jeep...
Ritratto di katayama
8 novembre 2020 - 18:26
Giusta rettifica. Un unico appunto. Maserati non è la parente povera di Ferrari. Ferrari è la parente povera, storicamente parlando, di Alfa. Maserati, lo abbiamo ribadito a sfinimento, dovrebbe essere il "trim" lussuoso di Alfa. Un'Alfa seg. E coprirebbe il "fabbisogno nazionale", razionalmente e levando di mezzo milioni e milioni dati in "beneficenza". Tutta questa ridondanza tra Torino, Modena e Maranello è di stampo ministeriale. Roba da apparato comunista. Quella non è industria. Non fa nemmeno utili... Ma è giusto che sia così. Sarebbe sorprendente il contrario.
Ritratto di Giuliopedrali
8 novembre 2020 - 18:36
Magari un apparato comunista, guarda i comunisti cosa stanno facendo: auto anni avanti alle nostre... Va bè a parte questo, un esempio di brand per un pubblico quasi tifoso di esso a parte le italiane o svedesi che avevo citato, era VW col Maggiolino, in USA si potevano comprare negli anni 60 berlinone un pochettino più moderne e comode magari e ad un prezzo non poi così superiore, eppure VW riusci a conquistare quel pubblico hippies chiamiamolo così di pacisfisti, alternativi etc anche se era stata progettata da un certo Adolf... Oggi forse ci potrebbe riuscire la Sono Motors Sion bavarese disegnata apposta pooc appariscente tanto da sembrare quasi un antimacchina, ma interesserà a 25.000 Euro sempre che entri in produzione, a tutti quelli che delle auto non gliene frega niente come una volta certe signore che poi compravano le 2CV.
Pagine