Skoda

Le origini si perdono nella notte dei tempi: nel 1869 Emil Skoda acquista la fabbrica metallurgica per la quale lavora da dieci anni che, sotto la sua guida, diventa tra le più grandi dell'epoca. Nel 1923 nasce la sezione auto delle Industrie Skoda, con lo scopo di riconvertire buona parte della produzione bellica realizzata per l'Impero Austr-Ungarico al mercato civile: l'accordo con la Hispano-Suiza prevede che nella Repubblica cecoslovacca vengano carrozzati i telai provenienti dalla Spagna, ma – pur con l'acquisto del marchio Laurin & Klement nel 1925 – i risultati non sono quelli sperati: le auto, pensate per una clientela facoltosa, sono troppo costose e la concorrenza della Tatra è pressante.
 
La svolta avviene nel 1930, con la decisione di costruire vetture più popolari: la 432 del 1932 prefigura alcuni concetti poi ripresi dalla Volkswagen Maggiolino, e la 420 – ribattezzata poi Popular – di fine 1933 ottiene il tanto sospirato successo, spingendo al contempo le vendite dei superstiti modelli di fascia alta, la Favorit e la Superb. Dalla Popular, ben presto deriva una famiglia di vetture con differenti versioni e allestimenti. La Seconda Guerra Mondiale impone la conversione bellica della fabbrica di Mlada Boleslav; il colpo di Stato del febbraio 1948, con il quale la Cecoslovacchia entra nella sfera d'influenza dell'Unione Sovietica, porta alla nazionalizzazione della Skoda e, giocoforza, a riproporre fino a metà anni Sessanta la Popular ricarrozzata alla bisogna.
 
La Skoda 1000 MB e la sostituta 105/120 rispolverano l'impostazione meccanica “tutto dietro”: sono tra le più avanzate auto d'oltrecortina, ma soffrono contro le concorrenti occidentali. Gli anni Ottanta e la relativa apertura della Cecoslovacchia a capitali stranieri portano a realizzare la Favorit nel 1988, la prima Skoda a motore e trazione anteriore. Negli anni Novanta il Gruppo Volkswagen instaura una collaborazione sempre più stretta con la Skoda, che diviene di proprietà tedesca nel 2000: il primo modello “tutto VW” è la Octavia del 1996. Come accade con la Seat, le Skoda di oggi nascono su pianali del Gruppo, dalla Citigo alla Fabia fino alla Superb, la Skoda più lussuosa, che adotta la meccanica della Passat, passando per la multispazio Roomster o la piccola suv Yeti.

Novità Skoda

Video Skoda

  • Skoda Superb: gli "Adas"
    Ovvero Advanced driver assistance systems, cioè l'insieme di quei dispositivi elettronici che aiutano il guidatore a limitare i potenziali pericoli che potrbbero portare ad un incidente. Ecco quelli di cui è dotata la Superb.
  • Skoda Vision X
    Linee decise, fari spigolosi, luci diurne sottili, marcate nervature nelle fiancate: così si presenta la Skoda Vision X.
  • Skoda Vision X
    Al Salone di Ginevra debutta il prototipo di una piccola crossover lunga 426 cm che anticipa un modello di serie molto simile che sarà sul mercato entro la fine del 2019.
  • Skoda Karoq
    La Skoda Karoq è una suv dalle dimensioni compatte, concreta, che può contare su una linea equilibrata, una vasta gamma di motori e cambi (compresa la trazione integrale) e tecnologie di bordo di primo piano.
  • Skoda Karoq
    Si chiama Karoq la più piccola delle crossover Skoda. Ha un look gradevole, proporzionato, con linee tese e fari spigolosi.
  • Skoda Kodiaq
    La prima grande suv della Skoda si chiama Kodiaq: è lunga 470 centimetri e può ospitare fino a sette persone.

Primi contatti Skoda

Prove Skoda

dagli archivi

  • Skoda Fabia: ecco gli interni

    Un po' di spazio interno in più per i passeggeri e per il carico: la piccola ceca aggiunge varie soluzioni utili per una buona qualità di vita a bordo.
  • La Skoda Citigo si rifà il trucco

    A 5 anni dal lancio sul mercato, la Skoda Citigo viene sottoposta ad una serie di interventi estetici e di sostanza.
  • Skoda Fabia 2015: svelati i motori

    La prossima generazione adotterà motori Euro 6 che consumano fino al 17% in meno rispetto agli attuali.