Smart forease+: prove di restyling per la fortwo?

01 marzo 2019

La forease+ è l'evoluzione della forease e sarà mostrata tra pochi giorni al Salone di Ginevra.

Smart forease+: prove di restyling per la fortwo?

COME LE SPEEDSTER - A distanza di sei mesi la Smart aggiorna il prototipo forease e ne dà una seconda interpretazione, sempre votata alla guida nel tempo libero ma assai meno spartana ed essenziale: al Salone di Ginevra 2019 (7-17 marzo) farà il suo debutto la Smart forease+, una citycar sempre priva dei vetri laterali e di quello posteriore ma che in più rispetto alla forease ha una capote rigida rivestita in tela. È questa la principale novità della forease+, citycar a due posti ispirata alle speedster degli Anni 60, sportive con il parabrezza ribassato e una capote in tessuto molto leggera ed essenziale, da “sfoderare” e fissare in pochi secondi per ripararsi dalle intemperie. Una volta rimossa, la capote si può infilare nel piccolo bagagliaio dietro i sedili.

INTERNI DA “CORSA” - La Smart forease+ è basata sulla Smart fortwo cabrio, ma gli stilisti hanno messo mano ad alcuni dettagli per accentuare l'impressione di sportività: nella mascherina sono presenti due inediti fari a led, le maniglie apri-porta sono più sottili di quelle originali e al posteriore spicca una grossa ala, che si raccorda alla cellula di sicurezza, un elemento tipico di tutte le Smart qui con funzione anche di rollbar (le protezioni per la testa dei passeggeri in caso di ribaltamento). L'interno rispecchia le modifiche per la carrozzeria e trasmette un'atmosfera più “corsaiola”, grazie al volante tagliato nella parte superiore e ai nuovi indicatori sulla plancia, ispirati al manometro del turbo e all'indicatore dell'olio motore presenti su alcune vetture sportive: in questo caso però sono piccoli schermi per vedere le notifiche di alcune app.

ANTICIPA IL RESTYLING? - La Smart forease+ potrebbero anticipare le novità allo stile attese per le rinnovate Smart fortwo a due posti e forfour a quattro, che dovrebbero arrivare entro fine 2019 in previsione della grossa novità attesa il prossimo anno: dal 2020 infatti la casa tedesca venderà in Europa soltanto Smart elettriche (come avviene già negli Stati Uniti).

Smart fortwo coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
47
36
34
56
122
VOTO MEDIO
2,4
2.42373
295


Aggiungi un commento
Ritratto di Rikolas
1 marzo 2019 - 10:02
Se fosse a benzina e a prezzi onesti (non più di 10000€) sarebbe l'auto perfetta per la città. Ma elettrica MAI, piuttosto prendo i mezzi pubblici. Già prima costava un botto, figurarsi quanto costerà adesso, follia pura. E anche Smart ci saluta, un latro marchio sul viale del fallimento. Di questo passo tra 20 anni non rimarrà più niente del settore automotive, torneremo alle biciclette. Dico ma questa è evoluzione?
Ritratto di RS
1 marzo 2019 - 10:28
L'auto 100% elettrica sarebbe la soluzione perfetta per girare in città. Se costasse come una controparte a benzina non vedo perché non valutarla. Tra qualche anno comunque ci arriveremo; tutto inizialmente era solo per i ricchi, poi il progresso ha fatto abbassare i prezzi. Anche se ha poca autonomia (circa come il metano monofuel di una eco Up! per esempio) per chi non ha necessità di fare molti km al giorno potrebbe essere l'auto ideale... chiaro che bisognerebbe produrre più elettricità da fonti pulite e rinnovabili ma questo è un altro discorso.
Ritratto di Rikolas
1 marzo 2019 - 10:44
Non ha senso neanche in città, tanto vale utilizzare i mezzi pubblici con un notevole risparmio economico. Un auto elettrica costa esageratamente troppo in relazione a ciò che offre, è scomoda e non consente grande autonomia, per di più è provato e riprovato che inquina molto di più rispetto a un veicolo tradizionale di ultima generazione. Non c'è solo il problema della fonte di energia per le ricariche, che come noto proviene per la maggiore dai combustibili fossili (ricordo che l'Italia ha incautamente detto "NO" al nucleare di 5 generazione), le cosiddette fonti rinnovabili sono del tutto insufficienti a garantire il nostro fabbisogno energetico già oggi, in più spesso ha notevoli impatti ambientali come ad esempio le pale eoliche che deturpano in maniera indiscrimanta molti paesaggi costieri. Poi c'è la produzione di batterie su vasta scala, è impensabile una diffusione di massa capillare perchè già oggi scarseggia il Litio e all'interno di ogni cella ci sono elementi inquinanto altamente cancerogeni. Rimane poi l'annoso problema tutt'ora irrisolto dello smaltimento delle batterie stesse, in Italia abbiamo già enormi problemi per la costruzione degli inceneritori (che anche qui incautamente nessuno vuole!), figurarsi se dovessimo avere anche il problema dello smaltimento di milioni di batterie. In ultimo i costi: un modello elettrico costa mediamente dalle 3 alle 5 volte un omologo veicolo a combustione, prima di ammortizzare i costi ci vorrebbero decenni di utilizzo vettura, dunque per noi uteti è sconveniente anche dal punto di vista economico. L'elettrico è una tecnolgia che non funziona, non lo dico per preconcetto ma per dati reali alla mano, pochi sanno realmente come funziona, ci si lascia trasportare troppo facilmente dall'entusiasmo e dalla moda del momento, ma la realtà è molto diversa. Temo che molte aziende non abbiano fatto bene i loro calcoli, molti manager neglu ultimi anni si sono dimostrati sono totalmente incompententi nel gestire le aziende (vedi lo scandalo Dieselgate), FCA fa bene a non investire troppe risporse in questa tecnologia, ma altre aziende rischiano il tracollo finanaziario se dopo ingenti investimenti non ci sarà un ritorno economico adeguato. Che ci pensino bene prima di proseguire su questa strada.
Ritratto di RS
1 marzo 2019 - 11:28
Siccome al 95% della popolazione non importa niente dell'inquinamento, a parità di prezzi benzina contro elettrico (tra una decina di anni potremmo avvicinarci forse) per chi fa 30 km al giorno potrebbe essere anche utile un'auto elettrica. La ricarichi una volta alla settimana e fa il lavoro di una con motore termico e se ci aggiungi le agevolazioni fiscali la benzina diventa sconveniente (anche qui servirebbero investimenti adeguati al volume di auto che si creerebbe, come parcheggi riservati ad auto elettriche con relativa colonnina di ricarica ad esempio). Chiaramente a chi ha i mezzi che funzionano conviene utilizzarli, ma nelle mie zone non funzionano proprio... Per il resto condivido il tuo pensiero.
Ritratto di Clementina Milingo
1 marzo 2019 - 12:05
ecco, usa i mezzi pubblici che tanto tra pochissimi anni saranno tutti elettrici anche quelli. e saranno elettrici perché il vantaggio è che non si usurano, un'auto a benzina dopo tot km la butti, un'auto elettrica può durare 10 volte di più, percorrenze 10 volte maggiori, minor spreco di materie prime, la batterie al litio SI RICICLANO, svegliati!!!!!!!!!!!
Ritratto di Rikolas
1 marzo 2019 - 12:32
Sei completamente disinformato sull'argomento, un auto elettrica "dura 10 volte di più"? Scusa ma dove le leggi certe notizie? Ecco il web cos'è diventato, un insieme di fake news a cui la gente abbocca puntualmente. Prima di scrivere certe cose prova a indirizzare i tuoi studi verso l'ingengeria meccancia come ha fatto il sottoscritto, e poi semmai ne riaparliamo. Finchè questo paese sarà governato da gente che non studia, non si informa e non legge, saremo sempre in balia di chi ci vende a peso d'oro l'aria che respiriamo. Comprati un veicolo elettrico se te lo puoi permettere, te ne accorgerai da solo.
Ritratto di Clementina Milingo
1 marzo 2019 - 12:56
Rinkolas credo che i tuoi studi di ingegneria meccanica non ti permettano di fare altro che il fabbro, e forse è fin troppo!
Ritratto di Andrea 01
1 marzo 2019 - 13:38
3
Per le cavolate che scrivi, potevi evitare di dire che ingegnere meccanico, forse facevi più bella figura. In una auto a combustione, hai diverse parti soggette ad usura, su una elettrica hai un motore, un pacco batterie e freni (tra l'altro poco sollecitati).
Ritratto di Pac80
2 marzo 2019 - 23:11
Rikolas l'auto elettrica è "scomoda"? tu hai un benzinaio dentro casa? chi ha colonnina in garage è come se lo avesse... hai mai provato cosa significa guidare nel silenzio e senza vibrazioni? relax puro. Le energie rinnovabili non bastano ma aumentano ogni anno, il tempo è galantuomo. Le pale eoliche al mare sono rarissime, di solito sono in campagna in cima alle colline ma poi ci sono i pannelli solari. il geotermico, l'idroelettrico, non ti piacciono nemmeno questi? Il litio cancerogeno? Viene anche usato in medicina per curare il disturbo bipolare... ma poi scusa tu tocchi il litio della batterie? No, ma respiri tutti i giorni il diesel degli autobus e di tutte le auto, quello si che è considerato cancerogeno dall'OMS Le batterie una volta perse le performance giuste per l'auto, verrano riutilizzate per alimentare lampioni dove non c'è rete elettrica o per sistemi di back up per i pannelli fotovoltaici nelle case. Tesla già lo fa con successo. Modello elettrico costa dalle 3 alle 5 volte rispetto al corrispettivo a benzina?? Prendiamo la smart dell'articolo: a benzina 15.000 circa, elettrica 25.000, con incentivi attuali 19.000. Secondo quello che dici (da 3 a 5 volte?!) dovrebbe costare dai 45 ai 75.000 euro. Boh L'elettrico è la moda del momento... allora sono tutti pazzi tranne FCA. La Model 3 in america vende più di TUTTE le altre berline medie premium messe insieme e ha problemi di produzione. Il futuro della mobilità privata e pubblica è elettrico e con guida autonoma, impossibile non capirlo anche per i più fanatici del petrolio. Il finale catastrofista per cui tutti i brand mondiali che hanno investito nell'elettrico rischiano il "tracollo finanziario" si commenta da solo...
Ritratto di magic_One
4 marzo 2019 - 13:57
ma infatti la strategia di tutte la case automotive è farti prendere i mezzi pubblici Rikolas... ;-)
Pagine