NEWS

Software République: Renault si allea con quattro aziende per plasmare la mobilità di domani

Pubblicato 09 aprile 2021

Cinque colossi danno vita a un progetto per definire soluzioni “smart”, software specifici, sicurezza digitale e altro ancora.

Software République: Renault si allea con quattro aziende per plasmare la mobilità di domani

TRE AREE DI COOPERAZIONE - Secondo il Boston Consulting Group, entro il 2035 il mercato mondiale della mobilità crescerà del 60%, raggiungendo gli 11.000 miliardi di euro. E il Gruppo Renault, assieme a quattro partner, vuole essere della partita grazie al Software République. Sotto questo nome sono raggruppati svariati progetti, inquadrati in tre aree: i sistemi di connettività fra veicolo e ambiente, quelli di simulazione e gestione dei dati (compresa la sicurezza informatica) e la gestione dell’energia elettrica, finalizzata a semplificare le fasi di ricarica dei veicoli a batteria.

APERTO AD ALTRI - I fondatori di Software République sono Atos (un colosso dei servizi informatici con 105.000 dipendenti e 11 miliardi di fatturato), Dassault Systèmes (specialista della progettazione 3D), il gruppo Renault, STMicroelectronics (produttore di componenti elettronici) e Thales (gruppo specializzato nell'aerospaziale, nella difesa, nella sicurezza e nel trasporto terrestre), ma la speranza è che si aggiungano in futuro altri attori.

INCUBATORE DI START-UP - Due i progetti già partiti: il primo riguarda il “plug & charge”, ovvero la possibilità di ricaricare l’auto elettrica semplicemente attaccandola alla colonnina, senza doversi preoccupare del pagamento tramite app o tessere: avverrà in maniera automatica, grazie all’auto che “dialoga” con la rete. Il secondo riguarda gli scambi di informazioni fra vari soggetti (cittadini, vetture, autorità pubbliche e altri) per creare una mappa in tempo reale dei flussi di traffico e di persone, al fine di gestire al meglio la mobilità. Per esempio, un’apposita app potrebbe suggerire quale è il mezzo più rapido o più “ecologico” per raggiungere una certa destinazione, scegliendo fra auto privata, condivisa, mezzi pubblici e altro. Per promuovere l’innovazione, infine, Software République si incaricherà di finanziare delle start-up meritevoli.





Aggiungi un commento
Ritratto di marcoluga
9 aprile 2021 - 19:35
2
L’italiano è quello con il nodo della cravatta a mo’ di fighetta.
Ritratto di Jimgoose
9 aprile 2021 - 19:58
ovviamente non si parla di meccanica tutte supercazzole inutili,start up acchiappa e scappa,e servizi x lobotomizzati..."occhio al futuro!", direbbe la ricciolona di striscia
Ritratto di studio75
10 aprile 2021 - 10:28
5
Pro: in futuro gli incidenti stradali saranno praticamente azzerati e anche l'inquinamento (se riescono anche ad eliminare quello delle pastiglie dei freni magari utilizzando freno motore elettrico). Contro: costo autovetture private esorbitante e quindi si useranno auto o trasporti condivisi oppure noleggiate per l'uso. Addio cura della propria auto, piacere di guida (guida sarà autonoma). credo che delle auto termiche, solo le auto d'epoca (di almeno 30 anni?) potranno circolare su strada (con chissà che limitazioni, sicuramente a velocità ridicole per non mettere in pericolo le vetture autonome). Comunque in questo futuro esisteranno anche dei simulatori di guida molto realistici, più degli attuali Assetto Corsa &co. :)