NEWS

Stefano Accorsi: “Mi piace guidare, ma rispettando le regole”

03 maggio 2017

In occasione del suo debutto nel campionato TCT con una Peugeot 308 Racing Cup, quattro chiacchiere con l’attore-pilota Stefano Accorsi.

Stefano Accorsi: “Mi piace guidare, ma rispettando le regole”

Stefano Accorsi è nato nel 1971 a Bologna, storicamente terra di passione per i motori. Niente di strano, quindi, che sia sempre stato appassionato di auto, anche se all’atto pratico ha cominciato a "respirare sul campo" l'atmosfera delle corse solo quando ha girato il film "Veloce come il vento", che gli è valso il David di Donatello come miglior attore. Per le riprese, ha girato a lungo in pista con Massimo Arduini, plurititolato pilota-team manager, e, stregato dal mondo del motorsport, ha deciso di fare sul serio, iscrivendosi al campionato TCT come pilota. Nei box del circuito Tazio Nuvolari di Cervesina lo abbiamo incontrato in occasione della presentazione della Peugeot 308 Racing Cup che parteciperà al campionato 2017 (qui per saperne di più). Ecco le sue parole.

Ti muovi spesso in auto? Nella guida di tutti giorni, come ti comporti? 
Mi muovo molto in macchina, e spesso guido io anche in occasione delle tournée. In strada prediligo la guida prudente e sicura: non concepisco che ci si possa mettere al volante senza rispettare le regole, mettendo a repentaglio la vita degli altri. Meglio, per sfogarsi, prenotare ogni tanto una sessione in pista. 

Nel film "Veloce come il vento” guidi un'auto-icona, la Peugeot 205 Turbo 16. Quali sono le tue personali auto-icona?
Anzitutto l'auto che mio padre vendette quando nacqui io: l'Alfa Romeo GT Junior 1.3. Mi sarebbe piaciuto che l'avesse conservata. Ma, lasciando da parte le emozioni che riguardano la mia vita privata, direi la Jaguar E-Type. 

Hai vissuto in Francia per nove anni: hai notato differenze tra gli autombilisti di casa nostra e quelli d'oltralpe?
In Italia abbiamo un rapporto più viscerale con l'auto, che si riflette anche nel comportamento, spesso più indisciplinato. In Francia, ho notato che si guida in modo più ordinato, rispettando i limiti. 

Quali aspetti valuti dell’auto che stai per acquistare?
Per il tipo di vita che faccio, deve essere funzionale, a cinque porte (ho tre figli), ma non troppo ingombrante. Senza, però, sacrificare il piacere di guida. Altro aspetto molto importante per me, è l'impianto hi-fi, che deve essere di qualità. Oggi guido una Peugeot 308 GT, con il cambio automatico. 



Aggiungi un commento
Ritratto di 52armando
3 maggio 2017 - 17:14
1
Per forza che guida una 308. Con tutti i soldi che gli hanno dato per fare la loro pubblicità. Sai quante gliene regalano. Era meglio non fargli tale domanda, per conflitto di interesse. SALUTI
Ritratto di money82
3 maggio 2017 - 18:09
1
L' attuale 308 gt è veramente ben riuscita esteticamente, anche a livello di prestazioni si difende bene, anche se da un attore tra i più famosi del paese ci si potrebbe aspettare un' auto diversa...ovviamente il fatto che sia testimonial potrebbe incidere abbastanza.
Ritratto di studio75
4 maggio 2017 - 08:41
5
contento lui di guidare la 308gt...però, potendo veramente scegliere, le caratteristiche da lui elencate mi fanno pensare ad altre autovetture.
Ritratto di Sevisca
4 maggio 2017 - 16:03
Mi pare di ricordare che, nella seconda metà degli anni '70, ci fosse un Accorsi che partecipa a, con discreti risultati alle gare in salita. Non è che, per caso, sia il padre o, comunque, un parente stretto? Nel caso fosse, evidentemente, buon sangue non mente.....
Ritratto di ELAN
5 maggio 2017 - 16:49
1
"Guidare rispettando le regole", cioè i limiti. Lo voglio proprio vedere in strada in sorpasso con una 308 GTI o di meglio a staccare il piede a 90km/h o 70km/h per essere coerente con le proprie affermazioni.
Ritratto di Fr4ncesco
6 maggio 2017 - 12:12
2
Il film è stato fighissimo, che guidi una 308 GT mi sembra normale visto che è diventato un testimonial a tutto tondo della Peugeot, che abbia iniziato a correre beato lui che ha colto le occasioni per farlo, aggiungendosi alla lista di attori-piloti da McQueen a Newman a Dempsey o anche al cantante nostrano Gazzè ecc. Però fossi stato in lui avrei scelto il manuale.