NEWS

Stellantis e TheF Charging insieme per la ricarica

Pubblicato 10 maggio 2022

Grazie a questo nuovo accordo verranno installati 600 punti di ricarica in 50 parcheggi Metropark situati presso le stazioni ferroviarie italiane.

Stellantis e TheF Charging insieme per la ricarica

SI RICARICA MENTRE VIAGGI - Stellantis e TheF Charging, società italiana specializzata nei servizi di ricarica, attraverso un accordo con il Gruppo FS italiane che controlla Metropark, società che gestisce i parcheggi nelle principali stazioni ferroviarie, si impegnano a estendere il network di ricarica. L’accordo, andando a sfruttare la connessione fra il trasporto su rotaia e il tradizionale su gomma, prevede l’installazione di 600 punti di ricarica per veicoli elettrici in 50 parcheggi Metropark presso le stazioni diffuse sul territorio italiano. In questo modo i possessori di auto elettrica hanno la certezza di trovare un punto di ricarica presso la stazione ferroviaria del centro cittadino in cui si trova. Il network  di ricarica, alimentato da energia 100% rinnovabile, sarà disponibile per tutti i veicoli elettrici con vantaggi per i possessori di veicoli Stellantis.

SERVIZI MIRATI - Il nuovo accordo, che include anche Metropark, ha l’obiettivo di facilitare l’esperienza di ricarica dei possessori di veicoli elettrici, grazie alla capillarità del network garantita dalla distribuzione delle stazioni ferroviarie sul territorio italiano. La condivisione e analisi dei dati relativi alle abitudini di ricarica e spostamento dei clienti renderanno poi possibile la creazione di servizi in grado di rispondere al meglio alle esigenze di questi ultimi.

LA RETE SI ESPANDE - L’accordo va a confermare la partnership siglata tra Stellantis e TheF Charging per la realizzazione in Europa di un network di ricarica pubblico, come annunciato a ottobre 2021. Nello specifico, le due società hanno identificato oltre 1.000 gestori di località in grado di offrire soluzioni di ricarica pubblica ai possessori di veicoli elettrici. Le stazioni di ricarica vengono localizzate dando priorità ai centri città, alle strutture dedicate ai bisogni primari come ospedali e scuole, ai trasporti -aeroporti, stazioni ferroviarie, porti-, al tempo libero (shopping center, centri sportivi, hotel, ristoranti) e alla grande distribuzione, per un totale potenziale di oltre 15.000 sedi in Europa e due milioni di posti auto



Aggiungi un commento
Ritratto di alvola2023
10 maggio 2022 - 11:02
Speriamo facciano da traino per una migliore vivibilità di quelle zone, spesso i dintorni delle stazioni sono fra i luoghi peggiori delle città.
Ritratto di Volpe bianca
10 maggio 2022 - 11:11
Basterebbe far infilare due dita nella presa di corrente a tutti i delinquenti che frequentano quelle zone e il problema è risolto. In questo caso, sono favorevolissimo all'elettrico.
Ritratto di Rush
10 maggio 2022 - 11:32
Io porto la ciabatta così se ne possono elettrificare più di uno alla volta…:))))
Ritratto di Volpe bianca
10 maggio 2022 - 11:52
@Rush ahahaha, ottima idea. Go electric!
Ritratto di Giuliano Della Rovere
10 maggio 2022 - 12:52
Avete trovato un altro effetto positivo dal passaggio all'elettrico! L'approccio critico è sempre quello più stimolante. Chapeau. ;)
Ritratto di Rush
10 maggio 2022 - 23:35
:))))))
Ritratto di giulio 2021
11 maggio 2022 - 16:02
TheF o Thief...
Ritratto di Luccichio
12 maggio 2022 - 14:31
La macchina alla stazione non la lascio più. In 6 anni che ho lasciato l'auto alla stazione ogni anno mi sono ritrovato la macchina bollata, rigata visto che parcheggiano in modo frettoloso per non perdere il treno.
Ritratto di Er sentenza
10 maggio 2022 - 12:38
Ottima idea! Colonnine davanti alle stazioni, così uno che va al lavoro in treno lascia la macchina attaccata per tutto il giorno. Ancora meglio davanti alle scuole, dove sara' la gente del vicinato a piazzarci la propria auto aumentando il blocco del traffico che si crea all'entrata/uscita (non credo che un prof abbia lo stipendio per comprarsi una Stallaticus elettrica o una Tesla). Quando al 100% rinnovabili, siamo alla solita propaganda da finto ecologista. Altro pseudo-progetto per papparsi qualche fondo/incentivo pubblico con un pizzico di speculazione in borsa in aggiunta.
Ritratto di Trattoretto
10 maggio 2022 - 14:41
Pian piano tutti i parcheggi cittadini, pubblici e privati, diventeranno aree di ricarica. Si pagherà il parcheggio e contemporaneamente anche la ricarica, paghi un servizio ne e prendi due. Le termiche invece resteranno fuori, ma proprio fuori città. Al massimo si riserverà loro qualche lontano parcheggio scambiatore.
Ritratto di Gratto Da Vinci
10 maggio 2022 - 15:12
Se c'è un posto dove è praticamente impossibile trovare un parcheggio è, per definizione, vicino a qualsiasi stazione ferroviaria. E questi continuano a vivere nel metaverso delle autosupercazzole...