La Subaru punta sulla piattaforma SGP

27 febbraio 2017

Ha esordito sulla nuova Impreza e la Subaru Global Platform farà da base a tutti i futuri modelli della casa giapponese.

La Subaru punta sulla piattaforma SGP

PER PRIMA SULLA IMPREZA - Puntare su sicurezza e piacere di guida: queste sono le due pietre miliari su cui la Subaru basa la propria strategia per migliorare l’immagine del brand. Particolari, in realtà, mai trascurati dalla casa ma che trovano, ora, un nuovo punto di svolta grazie alla nuova piattaforma SGP (nelle foto). L’acronimo sta appunto per Subaru Global Platform, ed è la base di partenza, la piattaforma appunto, su cui poggiano le strutture e i pannelli della scocca, la paratia tra motore e abitacolo, le sospensioni e altre parti come l’impianto di climatizzazione. La piattaforma SGP ha fatto il suo esordio sulla recente Subaru Impreza (la quinta generazione) la cui versione XV sarà presentata al Salone di Ginevra e arriverà nelle concessionarie a dicembre 2017.

PIÙ RIGIDA E  VERSATILE - Tra i motivi che hanno spinto la Subaru a puntare su questa nuova piattaforma, c’è ovviamente anche quello industriale-economico. Grazie all’SGP, infatti, la casa giapponese ridurrà i tempi e gli investimenti necessari per la realizzazione delle nuove automobili. La SGP è, infatti, una struttura modulare che può essere utilizzata come base per costruire modelli diversi, sia per dimensioni che per tipologia con (relativamente) poche modifiche. Rispetto alle strutture precedenti, la SGP consente di abbassare il baricentro dell’auto di 5 mm, di potenziare la rigidità torsionale del 70%, di aumentare del 40% l’assorbimento di energia negli impatti frontali. Allo stesso modo, si può incrementare la forza frenante e diminuire, fino al 50%, sia le vibrazioni che il rollio in curva. Tutto questo grazie al nuovo design dei longheroni, al collegamento più rigido tra montanti anteriori e duomi delle sospensioni e alla maggior robustezza di avantreno e retrotreno. Quest’ultimo, in particolare, prevede il fissaggio della barra stabilizzatrice sui longheroni e non più sul telaio di supporto dei bracci, che a sua volta è supportato da boccole di gomma. Il tutto rende l’auto più stabile e limita il rollio. 

PRONTA ALL'IBRIDO - La Subaru Global Platform è stata progettata per accogliere i vari tipi di motori della casa giapponese ma, soprattutto, è predisposta per la propulsione ibrida che accoppia il classico motore elettrico con uno o più motori elettrici e le relative batterie. Questo richiede spazio e una struttura di base che ne tenga conto sin dall'inizio.

Subaru XV
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
34
20
7
6
0
VOTO MEDIO
4,2
4.22388
67
Aggiungi un commento
Ritratto di caronte
27 febbraio 2017 - 21:08
Non la trovo una notizia particolarmente rilevante perché oggi tutte le case usano piattaforme modulari di nuova concezione.