NEWS

Suzuki S-Cross: gli accessori dedicati

29 novembre 2013

La casa giapponese propone un catalogo si accessori aftermarket per “cucirsi addosso” secondo i propri gusti la Suzuki S-Cross.

Suzuki S-Cross: gli accessori dedicati
SEMPRE PIÙ A BOCCA DESIDERA - Il concetto di personalizzazione sta entrando anche nella logica dei costruttori. A crederci con convinzione è la Suzuki che per la sua Suzuki S-Cross ha predisposto un ricco catalogo di accessori studiati per adattare la vettura ai gusti e alle preferenze del cliente. Ciò anche se il modello è proposto con una dotazione di tutto rispetto.
 
 
SU MISURA DENTRO E FUORI - Infatti, chi vuole avere la sua Suzuki S-Cross con un look ad personam, o con particolari specifici di proprio gradimento, non deve rivolgersi al mercato dell’accessoristica ma trova un’ampia possibilità di scelta in ambito Suzuki, sia per l’esterno che per l’abitacolo. 
 
MAQUILLAGE DI DETTAGLI - Si può scegliere tra diversi tipi di cerchi in lega (da 130 a 167 euro l’uno) così come sono disponibili cornici cromate per i fari fendinebbia (315 euro), e le coprimaniglie (167 euro) anch’essi cromati. Analogamente una scelta extra-serie è possibile per lo spoilerino, che si può avere in tinta con la carrozzeria (167 euro). Per l’interno della Suzuki S-Cross ci sono diverse offerte per la pelle dei rivestimenti di volante (203 euro) e pomello del cambio (due tipi: 108 o 113 euro), mentre la pedaliera la si può avere in alluminio, dal look tipicamente sportivo (82 euro per il cambio manuale, 72 euro per l’automatico). Ma si tratta soltanto di esempi, perché il catalogo è ampio.
 
 
AUTORADIO E NAVIGATORE - Non mancano accessori da installare in retrofit neanche nell’ambito dei sistemi di assistenza alla guida, come i sensori di parcheggio (220 euro quelli anteriori e 190 euro quelli posteriori). Così come ampia è la scelta in tema di radio: 6 modelli. E nell’elenco degli accessori c’è anche il navigatore Pioneer AVIC- F950BT (1.045 euro).Quanto allo spazio dei bagagli l’allestimento personalizzato può contare su due reticelle divisorie (220 euro e 192 euro).
Suzuki S-Cross
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
70
82
58
45
54
VOTO MEDIO
3,2
3.2233
309
Aggiungi un commento
Ritratto di miscone
29 novembre 2013 - 17:14
1
mi piace tantissimo. Credo che venderà bene. Sul sito c'è un configuratore niente male ma non parla di prezzi. Peccato.
Ritratto di bluset
30 novembre 2013 - 16:03
Unico neo sono quei brutti triangolini vetrati, presenti sia agli sportelli anteriori che a quelli posteriori, che creano un disordine di linee nel prifilo laterale. Ovviamente sono brutti su tutte le auto che li hanno.
Ritratto di cris25
29 novembre 2013 - 17:27
1
mi piace quest'idea della suzuki, trovo la S-Cross molto bella!
Ritratto di PariTheBest93
29 novembre 2013 - 17:45
3
Molto riuscita questa Suzuki! Per tradizione le auto giapponesi hanno una corta lista degli opzional, visto che quasi sempre tutto è di serie... Però hanno fatto bene a "nutrire" l'elenco degli accessori "ufficiali" per chi vuole qualche sfizio in più...
Ritratto di Bounty Killer
29 novembre 2013 - 18:21
Finalmente i giapponesi comprendono che le "sole" dotazioni di serie, per quanto ricche, non sono sufficienti per consentire a ciascuno di personalizzarsi, secondo i gusti, l'auto. Ok a dotazioni di serie molto complete, ma ok pure a lunghe liste di optional a richiesta. E poi quest'auto merita di esser personalizzata a dovere, in quanto piacevole e ben fatta.
Ritratto di PariTheBest93
29 novembre 2013 - 21:05
3
Una rondine non fa primavera potrebbe essere un caso isolato ma spero non sia così... Alle già ricche dotazioni delle jap andrebbero affiancate anche un'adeguata lista di opzional, mentre di solito sono pochi e disponibili in pacchetti... Infatti trovo strano che la gt86 non possa avere i sensori di parcheggio, una piccola lacuna che potrebbe facilmente essere colmata!
Ritratto di M93
30 novembre 2013 - 14:53
Quello che dici è vero in parte. Oggettivamente le auto giapponesi (come anche alcune coreane) offrono pochi optional tra cui scegliere, ma questa prassi è tipica del mercato italiano. All'estero, infatti, le opzioni disponibili sono molto più numerose che in da noi, molto spesso con optional e accessori molto variegati. Qualche hanno fa poi, questa differenza era ancora più evidente. Basta andare in Svizzera o Germania per vedere le differenze.
Ritratto di PariTheBest93
30 novembre 2013 - 17:49
3
Mi sembra strano che offrono più opzional negli altri paesi, mi chiedo cosa costerebbe metterli disponibili anche in Italia...
Ritratto di M93
30 novembre 2013 - 18:06
Può sembrare strano ma è così, la maggior parte delle volte è così. Per esempio l'attuale Kia Rio è disponibile all'estero con tetto apribile, motore di 1.4 litri a benzina e possibilità di cambio automatico sullo stesso. Optional che in Italia non sono contemplati. Fino al 2003, la prima generazione di Daewoo Nubira, all'estero aveva la possibilità di montare climatizzatore automatico e interni in pelle a richiesta. In Italia non vengono proposte o per ragioni di marketing o per la scarsa richiesta da parte del pubblico. Ti assicuro che di esempi come quelli che ti ho fatto ne esistono a bizzeffe.
Ritratto di PariTheBest93
30 novembre 2013 - 18:26
3
Per sbaglio ero entrato nel sito di seat svizzera qualche tempo fa e la toledo praticamente era disponibile con tutti i motori della gemella rapid in italia che ha una gamma abbastanza ridotta...
Pagine