NEWS

Tata Nexton EV: anche l’India avrà la sua elettrica

Pubblicato 07 ottobre 2019

Uscita prevista nel 2020 per la Tata Nexton EV, basata sulla nuova piattaforma Ziptron.

Tata Nexton EV: anche l’India avrà la sua elettrica

NUOVA PIATTAFORMA - Il primo modello totalmente elettrico della Tata, realizzato per il mercato indiano, è la Nexton EV, il cui lancio è atteso nel trimestre del 2020. La Nexton EV, che è una suv compatta, utilizzerà la piattaforma Ziptron, destinata ad essere utilizzata su tutte le auto elettriche del costruttore a partire dal prossimo anno. Questa piattaforma prevede un motore a magneti permanenti associato a un sistema di frenata rigenerativa intelligente, che è alimentato da un pacco batterie, il quale, grazie alla conformità allo standard IP67, è in grado di resistere alla polvere e all’acqua. La piattaforma Ziptron è stata già testata per oltre un milione di chilometri.

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE - La Tata Nexton EV è accreditata di un’autonomia di 300 km e viene venduta con una garanzia di otto anni sul pacco batteria e sul motore elettrico. Il prezzo in India sarà l’equivalente di circa 20.000 euro. Per pubblicizzare l’auto e sensibilizzare l’opinione pubblica verso i veicoli elettrici, la Tata ha lanciato una campagna denominata #TheUltimateElectricDrive, nella quale due celebrità locali (nella foto più in alto) utilizzeranno la Nexton EV per spostarsi da Manali alla città di Leh attraversando alcuni dei terreni più impervi dell'India, compresi i passi himalayani di alta quota contraddistinti da strade sterrate e ripide pendenze. Per accompagnare al meglio la transizione verso l’elettrico il colosso indiano sta lavorando con le autorità locali al fine di poter installare le colonnine di ricarica.





Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
7 ottobre 2019 - 19:16
La Nexon è un utilitaria carina distante dall'idea di auto indiane che abbiamo qui, la Harrier SUV medio è stupenda, a livello di Geely o GAC o Chery cinesi o anche di parecchie europee, il risveglio sarà brusco.
Ritratto di Road Runner Superbird
8 ottobre 2019 - 00:03
Un'auto elettrica può farla "chiunque", tanto è semplice il sistema, a differenza dell'alta ingegneria che ci vuole a fare un motore a combustione. Pensate alle supercar che adottano motori prodotti da altri, o la condivisione di motori tra grandi produttori. In un possibile futuro elettrico, la differenza la farà quindi il telaio e in quest'ambito i produttori tradizionali hanno un bagaglio intellettuale ben più avanzato, dato da anni di continuo sviluppo, tanto quanto quello dei motori endotermici.