NEWS

Tavares, PSA: il Governo francese boccia l’aumento di stipendio

30 marzo 2016

Il ceo avrebbe guadagnato nel 2015 quasi il doppio, ma pare che lo Stato, azionista della Peugeot Citroën, abbia votato contro.

Tavares, PSA: il Governo francese boccia l’aumento di stipendio
STRATEGIA DI BASSO PROFILO - Il Governo francese si è opposto all’aumento di stipendio deliberato a favore di Carlos Tavares, amministratore delegato della PSA Peugeot Citroën, società tornata all’utile nel 2015 dopo quattro anni consecutivi di bilanci in rosso. La notizia è riportata dal quotidiano d’oltralpe Les Echos, secondo cui i due rappresentanti del Governo inseriti nel consiglio di amministrazione hanno votato contro l’aumento di stipendio, fissando come limite la cifra di 3,7 milioni. Lo stato francese detiene il 14% della quota azionaria della PSA Peugeot Citroën e promuove da tempo una strategia volta a diminuire gli emolumenti dei manager nelle società partecipate, anche in misura molto significativa: alle aziende è stato chiesto di tagliare i salari anche del 30%. L’aumento di stipendio è stato criticato anche dai sindacati.
 
PARLANO I RISULTATI - Tavares avrebbe dovuto percepire uno stipendio di 5,24 milioni di euro, con una parte fissa (1,3 milioni), una parte variabile (1,93 milioni) e di una parte legata alla riscossione di stock option (2 milioni), ovvero azioni della società che un manager può riscuotere in determinate circostanze. Il salario del 2015 risulta quasi doppio rispetto alla paga del 2014, che invece ammontava a 2,75 milioni di euro. Il dirigente 57enne ha assunto la carica di amministratore delegato della PSA Peugeot Citroën nel 2014 ed ha promosso un’aggressiva politica volta alla riduzione dei costi, destinando maggiori risorse al ricco mercato cinese. La sua visione è stata premiata dal mercato ed ha fornito risultati di spessore anche in termini di bilancio, tornato in attivo dopo anni bui. Martedì 5 aprile l’azienda presenterà il suo nuovo piano di sviluppo, che fornirà indicazioni sulla strategia in vigore nei prossimi anni.
Aggiungi un commento
Ritratto di LUCCYROB
30 marzo 2016 - 14:03
lo trovo giusto
Ritratto di otttoz
30 marzo 2016 - 21:29
una vergogna che in tutto il mondo questi mangianer percepiscano uno sproposito...
Ritratto di caronte
5 aprile 2016 - 09:52
Sono contrastato perché se da una parte lo trovo giusto che anche i manager attuino sacrifici non solo gli operai lo trovo anche ingiusto non ricompensare adeguatamente chi merita.