NEWS

La Tesla vale più della Fiat

10 maggio 2013

La Borsa sembra impazzita per i titoli della Tesla, la casa californiana che produce auto elettriche.

La Tesla vale più della Fiat

POCHE VENDITE ELETTRICHE - Di auto elettriche non se ne vendono molte. Qualche mese c’è qualche impennata percentuale, che poi il mese successivo rientra, e poi comunque i numeri restano minimi, irrisori rispetto alla massa di auto tradizionali o anche ibride. Logica vorrebbe che in questa situazione il settore dell’auto elettrica non richiamasse troppa attenzione da parte degli investitori, specie di chi investe in azioni. Invece…  

GALLINA DALLE UOVA D’ORO - La società americana Tesla (nelle foto la recente Tesla Model S), che produce appunto auto elettriche sta vivendo una fase incredibile: nel primo trimestre dell’anno ha venduto 4.900 auto (ben poca cosa rispetto ai milioni delle grandi case) eppure il valore delle su azioni da gennaio è praticamente raddoppiato, e negli ultimi giorni le quotazioni continuano a crescere in maniera molto forte. Ieri alla Borsa di New York il titolo era quotato 70,48 dollari. 
 
PIÙ DELLA FIAT - Ne consegue che la capitalizzazione borsistica della società è molto elevata (la capitalizzazione valore di tutte le azioni in circolazione secondo la quotazione di Borsa), arrivando a superare gli 8  miliardi di dollari contro, per esempio, i 43,4 miliardi del gruppo General Motors, che pure nel primo trimestre dell’anno ha venduto 2,3 milioni di auto. E gli otto miliardi della Tesla sono anche di più di quanto capitalizzi Fiat Spa, azionista della Chrysler..  
 
 
QUESTIONE AMBIENTALE - Di fronte a questi dati c’è chi non esclude l’ipotesi di sopravvalutazione delle azioni, con imminenti rischi di crolli. Ma c’è anche chi cerca altre spiegazioni, come i vantaggi derivati alla Tesla dalla legislazione californiana, che prevede un sistema di misure che per la Tesla si traduce in un vantaggio di 35 mila dollari per ogni Tesla S venduta. E la cifra può salire ulteriormente contando altri incentivi federali
 
CREDITI REDDITIZI - E non solo: è anche importante la questione dei crediti ambientali previsti dalla legislazione americana. Si tratta in pratica di crediti concessi ai costruttori sulla base delle caratteristiche ambientali dei veicoli venduti. Tutte le case che hanno in gamma vetture non modernissime, hanno difficoltà a rispettare gli standard imposti dalla normativa vigente in California, ma con l’acquisizione di crediti ambientali dalla Tesla riescono a migliorare la situazione. E la Tesla realizza utili.

 

Tesla Model S
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
203
54
24
6
19
VOTO MEDIO
4,4
4.359475
306
Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
10 maggio 2013 - 15:22
La Tesla è l'unica impegnata a fare elettriche serie, e la model S è la prova. Ha una linea stupenda, prestazioni ottime, un'autonomia decente e nonostante sia ben fatta e lussuosa costa anche poco. Bene così, non vedo l'ora che allarghino la gamma.
Ritratto di kerium
10 maggio 2013 - 15:34
Un'auto non soltanto pensata per l'ambiente, ma anche bella
Ritratto di NITRO75
10 maggio 2013 - 16:04
però quel tablet (o tv color?) buttato li in mezzo alla plancia proprio non si può vedere. Non era possibile inserirlo meglio? In fondo non è che proprio te la regalino.......
Ritratto di Rey
13 maggio 2013 - 12:16
2
che sembra un tablet appoggiato sulla plancia tenuto su da 2 viti
Ritratto di Chromeo
10 maggio 2013 - 16:14
La Tesla è una delle poche belle e veloci auto ecologiche in circolazione (Sopratutto la Roadster), quasi quasi compro qualche azione visto che non posso permettermi la Roadster (oltretutto è uscita anche fuori produzione)
Ritratto di fabri99
10 maggio 2013 - 16:19
4
Beh, è un risultato davvero notevole e anche parecchio sorprendente... Mi sono sempre piaciute le Tesla, soprattutto la vecchia cara Roadster, ma non hanno mai fatto troppo sul serio, finora... Mi riferisco alla Tesla Roadster. E' una bella roadster su base Elise, molto simile all'Elise, con grande potenza e ottime prestazioni... E' molto più veloce e potente di un'Elise su un rettilineo, ma quando passiamo alle curve... Il peso extra della Roadster si sente, anche se è stata ulteriormente alleggerita, tutto il peso rimane nel mezzo e l'auto in curva non si comporta un granchè bene(anche se poi credo sia stata migliorata), l'Elise e millenni avanti. E poi, il prezzo è altissimo(90.000$ è il doppio dell'Elise), l'autonomia ridicola, i tempi di ricarica ti fan piangere e l'affidabilità lascia decisamente a desiderare... Basti sapere che durante il test di Top Gear, i freni e le sospensioni si sono rotti mentre l'auto era in carica, per capire di che si trattava... Ora invece Tesla sembra essere maturata, sia con la bella(anche se identica alla Jaguar XF) e promettente Model S e al prototipo Model X... Il secondo è un prototipo di SUV, mentre la prima è già realtà: una berlina davvero promettente, con ottime prestazioni e prezzi nemmeno altissimi considerando anche gli incentivi... La cosa che preferisco di quest'auto comunque, non è la sua tecnica avanzata, ma la sua normalità... Non sembra un'auto elettrica, invece lo è... Non so come sia l'autonomia e i tempi di ricarica, che rimangono, con il prezzo e le scarse infrastrutture, i grandi problemi dell'elettrico... Però promette bene... Saluti!
Ritratto di SaverioS
15 maggio 2013 - 17:39
Dicono.... che l'autonomia sia di 500 km ( ma anche se fosse di 400 km e già un surclassamento rispetto alle carrette elettriche degli altri costruttori ) e i tempi di ricarica di 45 minuti ( ma anche se fosse di un'ora o un'ora e mezza e ampliamente sostenibile rispetto alle carrette elettriche degli altri costruttori che con uno sforzo sovrumano dicono di averle portate a tempistiche di 4 ore !!!... ). La velocità massima di 200 km/h e ampiamente sufficiente.... nel territorio Europeo, sopratutto in Italia dove la vedo molto dura complice gli spazi ristretti,i crateri nelle strade,i tutor autovelox e compagnia bella e le file dietro gli "storditi" di turno, riuscire a portare l'auto ad una velocità di 80/90 km orari.....con tutto guadagno comunque dell'autonomia.
Ritratto di romeo64
10 maggio 2013 - 16:50
Certamente è il più compatibile con l'uso quotidiano di un'elettrica..... Ma la Folle capitalizzazione di una società che fino a tutto il 2012 ha generato perdite notevoli, mi sembra esagerato.. quando gli incentivi in america si ridurranno con la stessa velocità si sgonfierà il suo valore in borsa.... a mercè ancora una volta degli speculatori......
Ritratto di Fr4ncesco
10 maggio 2013 - 18:37
E' normale che inizialmente abbia avuto delle perdite, visto che nel settore dell'auto non c'è concorrenza perfetta. E dovendo ancora farsi conoscere il costo degli investimenti è stato più elevato degli utili. Però la Model S è riuscitissima e sta ricevendo parecchi ordini e la Tesla già ha in lista altri 2-3 modelli di cui uno già quasi completato e a completare l'affidabilità della Casa c'è anche il fatto che abbia rilevato un ex stabilimento GM-Toyota destinato altrimenti alla chiusura, e la collaborazione in termini di vetture elettriche con quest'ultima.
Ritratto di juvefc87
10 maggio 2013 - 17:01
interni spettacolari!!
Pagine