NEWS

Totem GT Electric: la Giulia GTA da 500 CV va a batterie

di Marco Pascali
Pubblicato 13 ottobre 2020

Ecco la prima creazione della Totem Automobili. Carbonio, batterie e soluzioni all’avanguardia si fondono con le tradizionali forme della coupè Alfa Romeo per antonomasia. Per un restomod unico.

Totem GT Electric: la Giulia GTA da 500 CV va a batterie

RESTOMOD A BATTERIE - La Totem Automobili è un’idea di Riccardo Quaggio. Stiamo parlando di una realtà minuscola in senso assoluto, ma iperattiva se si considera che è nata nel 2018 e che il suo promo prodotto è già in fase di delibera finale. Si chiama Totem GT Electric e, come lascia intendere il nome, si tratta di una Giulia GT rivoluzionata nell’anima e nello spirito grazie a un restomod senza precedenti. S’ispira alle mitiche Alfa Romeo GTA e a spingerla c’è una unità elettrica (in posizione posteriore-centrale) che promette una potenza di oltre 500 cv. È alimentato da una batteria abbastanza grande da premettere 400 km di autonomia. Lo sviluppo di quest'ultima è stato curato internamente dalla Totem Automobili e utilizza uno speciale liquido militare per mantenere una temperatura costante all’interno della ‘pila’, che non supera mai i 38 gradi di temperatura. Soluzione che promette una maggiore efficienza e nessuna perdita improvvisa di autonomia a seconda delle temperature esterne o dell’utilizzo della vettura.

ELEGANTE E MOLTO AGGRESSIVA - La trasformazione in EV di un'auto storica è un'operazione sempre più comune grazie a specifiche liberalizzazioni legislative che permettono di sostituire il vecchio motore termico con uno elettrico senza iter burocratici infiniti per la riomologazione. Il cuore del lavoro si trova nei dettagli che hanno trasformato e reso unica la Totem GT Electric. A partire dalla carrozzeria quasi interamente realizzata in carbonio con carreggiate allargate di 18 cm, davanti e dietro. I nuovi fari a led (due + due supplementari ispirati alle luci delle auto da rally Anni 60) insieme ai fanali, passati da rettangolari a rotondi; tutto questo dona alla GT Electric una maggiore modernità nelle forme, mentre i cerchi da 17” forgiati suggeriscono le intenzioni sportive di questa Giulia GT elettrica, anche una volta portata al limite.

LE SOSPENSIONI SONO MODERNE - Anche sotto ai leggeri pannelli in materiale composito non mancano novità tecniche: per sostenere una potenza oltre quattro volte superiore all’originale è stata rinforzata la scocca con un rollbar ispirato a quelli impiegati sulle Giulia da corsa degli anni ‘60, mentre il contenitore della batteria in acciaio funge da elemento portante del telaio. Nuovo pure lo schema sospensivo: la Totem GT Electric utilizza il multilink al posteriore e MacPherson davanti con braccetti in alluminio e ammortizzatori Bilstein a regolazione manuale o elettronica (optional). Per scaricare tutta la potenza sulle ruote dietro è stato infine aggiunto un differenziale autobloccante a slittamento limitato.

SIMULA UN MOTORE TERMICO - L’abitacolo è curato tanto quanto l’esterno con nuovi sedili a guscio in carbonio e lussuosi rivestimenti in pelle per la plancia e i pannelli porta. Al centro tra i sedili di trova poi un elemento “curioso” per un’auto elettrica, la leva del cambio. Per garantire un maggiore piacere di guida la Totem GT Electric è dotato di un meccanismo che simula una trasmissione sequenziale con 'veri e propri' cambi di marcia. Questo sistema elettronico denominato “McFly” emula le prestazioni, il suono e le vibrazioni di un motore termico e della sua trasmissione su un motopropulsore elettrico; a seconda della modalità di guida selezionata il pilota potrà così cambiare la curva di coppia del motore, la potenza, ma anche la rapportatura del cambio e il numero di marce per un’esperienza di guida più coinvolgente.

QUANTO COSTA - La Totem GT Electric sarà prodotta in una tiratura limitata di venti esemplari a un prezzo di partenza di 430.000 euro. La consegna delle prime vetture di serie è attesa nel 2022.





Aggiungi un commento
Ritratto di Sprint105
13 ottobre 2020 - 15:19
è talmente bella che le perdono di essere elettrica
Ritratto di Kranio71
13 ottobre 2020 - 15:28
Segnalata come Pornografia
Ritratto di Townsend
13 ottobre 2020 - 15:29
Ovviamente il peso di questa orribile eresia non viene nemmeno menzionato, cercando online pare abbia 350kg solo di batterie, inutile dire che avrà l'agilità di un Hummer H2.
Ritratto di Co-Bra
14 ottobre 2020 - 10:00
A Dicembre 2019, data di presentazione del progetto, dati non ufficiali parlavano di 1'350kg (https://insideevs.it/news/389290/alfa-romeo-giulia-gt-elettrica-goodwood-totem/). ovvero 300 o 400kg più dell'originale, ma leggera per gli standard odierni, se confermato
Ritratto di Townsend
13 ottobre 2020 - 15:37
Per quelli che dicono che è bella: è bella perchè lo è il modello di partenza, ma appena si apre il cofano il bello finisce, al posto di quell'opera dell'ingegneria meccanica di motore termico originario ci si ritrova con delle pile da telecomando, wow che belle le pile!
Ritratto di 82BOB
13 ottobre 2020 - 15:48
Veramente affascinante!
Ritratto di NITRO75
13 ottobre 2020 - 15:53
Mi associo ai commenti legati alla bellezza della linea, che è quella classica del modello originale, però voi avete idea che razza di supercar, anzi quasi hypercar, ci comprate con quella cifra? Giocattolo da riccone viziato ed annoiato......
Ritratto di ziobell0
13 ottobre 2020 - 16:19
carbonio & batterie. La coppia perfetta. Mi sembra come quei ciclisti alti cm. 170 x 90 kg con la bici leggerissima in carbonio da 10K
Ritratto di Dr.Torque
13 ottobre 2020 - 17:26
Se state salvando 20 Giulia GTA dalla distruzione ben venga questa operazione. Se invece sacrificate 20 motori Alfa per compiere questa trasformazione allora per voi si apriranno le porte dell'inferno, nel girone dei blasfemi in cui alberi a camme pioveranno sulle vostre teste per l'eternità.
Ritratto di flavio84
13 ottobre 2020 - 17:29
Linea bellissima(grazie, era bellissima pure all epoca), ma motore(se cosi si può chiamare una duracell con gli steroidi), bocciatissimo: ci sono auto che devono restare come sono, restaurate, se possibile migliorate, ma non snaturate! Ps: fa ridere che in quest auto, lasciano cmq la sensazione del cambio, e delle marce....sembra quasi un voler chiedere scusa!
Pagine