Toyota Aygo: l'auto di mister X

4 marzo 2014

La nuova Aygo ha uno stile personale, un abitacolo più tecnologico e offre diverse possibilità di personalizzazione.

Toyota Aygo: l'auto di mister X
NEL SEGNO DELLA X - Delle tre sorelle, la Toyota Aygo è quella che si è fatta attendere di più. La nuova city car giapponese, nata dall’alleanza con Peugeot e Citroën, ha infatti atteso l’apertura del Salone di Ginevra per mostrarsi nella nuova veste. Ad un primo sguardo l’impressione è che alla Toyota abbiano osato di più rispetto alle due francesi con un design ricercato e tagliente. Non a caso, la nuova Aygo è ispirata alla cultura contemporanea dei giovani giapponesi che prediligono forme audaci senza compromessi. Basta un’occhiata al frontale per capire che l’aggettivo “audace” non è per niente fuori luogo: dominato da una forma a X, racchiude le prese d’aria, i fendinebbia, i sottili fari anteriori (con luci diurne a led) fino agli specchietti retrovisori e ai cristalli laterali. Questi ultimi, nella variante di carrozzeria a 5 porte, si estendono fino a lambire i fanali posteriori a sviluppo orizzontale integrati nel portellone a forma esagonale. 
 
 
LEGGERMENTE PIÙ SPAZIOSA - Cresciuta in lunghezza di 25 mm, per un totale di 345 mm, la Toyota Aygo è più bassa di 0,5 cm e ha carreggiate anteriori e posteriori ampliate di 8 mm. Nonostante il passo sia rimasto invariato (234 cm), l’abitabilità per i passeggeri è stata incrementata di 0,9 cm mentre la capacità del bagagliaio è stata portata a 168 litri (+29). Il design degli interni si sviluppa a partire dalla consolle centrale la cui forma trapezoidale è ripresa da numerosi particolari come le bocchette d’aerazione, il rivestimento delle portiere e la cornice della leva del cambio. La strumentazione è invece formata da anelli concentrici con display multifunzione centrale. 
 
 
CONNETTIVITIÀ AL TOP - l sistema multimediale “x-touch” a centro plancia, dispone di uno schermo sensibile al tocco da 7 pollici che integra la telecamera posteriore. Il menù è composto da 5 icone per una visualizzazione immediata dei contenuti: Audio per la gestione delle sorgenti musicali, Telefono per i contatti e i messaggi, Connect per la funzione MirrorLink che replica le app dello smartphone sul display del sistema, Car Information per la visualizzazione del computer di bordo e Setup per le impostazioni. 
 
ANCHE AUTOMATICA - La Toyota Aygo sarà equipaggiata con il 1.0 VVT-i tre cilindri affinato in diversi dettagli e capace di erogare 69 CV e 95 Nm di coppia. Abbinato ad un cambio manuale o alla nuova trasmissione automatica “x-shift” (ecco che ritorna il tema della X) consente alla Aygo di percorrere, secondo quanto dichiarato, dai 23,8 km con un litro della versione automatica ai 24,3 km della variante con cambio manuale. Fa ancora meglio la versione Eco che, grazie allo start&stop, ai rapporti di quarta e quinta marcia allungati e agli pneumatici a bassa resistenza al rotolamento, è in grado di percorrere oltre 25 km con un litro di benzina. 
 
 
SMONTI E RIMONTI - La Toyota Aygo sarà disponibile in due allestimenti e due edizioni speciali che verranno rinnovate su base periodica: x-cite e x-clusiv. La prima, verniciata nella tinta Pop Orange, si distingue per i dettagli in Piano Black e per i cerchi in lega da 15 pollici in nero lucido, la seconda per la carrozzeria Midnight Black con alcuni elementi cromati. Diverse le possibilità di personalizzazione sia esterne che interne. Sarà possibile modificare, anche in aftermarket, il colore della griglia anteriore, degli inserti del paraurti posteriore, o applicare adesivi sull’intera lunghezza della vettura. Intercambiabili anche le bocchette di ventilazione, gli inserti del pannello strumenti, della consolle centrale e della leva del cambio. Di serie su tutte le versioni il sistema audio con comandi al volante, ingresso AUX e USB, le luci diurne a LED, il controllo di stabilità e l’Hill Start Assist.
VIDEO
Toyota Aygo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
50
46
29
32
38
VOTO MEDIO
3,2
3.19487
195
Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
4 marzo 2014 - 15:56
3
Davvero strana questa piccola citycar, con una linea futuristica ma non pienamente riuscita. In questa seconda serie delle "tre sorelle" il design si sta definendo meglio rispetto alla prima serie dove si vedevano distintamente i tratti comuni tra la Aygo, la C1 e la 107. Vedremo i dati di vendita.
Ritratto di lele31
5 marzo 2014 - 15:04
infatti più che gemella della C1 e della 107, lo sembra della Lancia Y
Ritratto di IloveDR
4 marzo 2014 - 16:35
4
sembra la più attraente delle tre gemelle PSA-Toyota
Ritratto di miscone
4 marzo 2014 - 16:45
1
niente male. Ma la X sul muso si puo anche non avere vero ?
Ritratto di Franck Dì
4 marzo 2014 - 17:37
penso che comprando aftermarket la x nello stesso colore della carrozzeria si copre... visto che è intercambiabile come dice nel testo..
Ritratto di MatteFonta92
4 marzo 2014 - 17:23
3
Non è male, tutto sommato... anche se dietro e di profilo ricorda molto la Nissan Leaf! Originale la "X" sul frontale, anche se per i miei gusti è un po' troppo vistosa... molto belli gli interni, semplici ma tutt'altro che banali.
Ritratto di apm
4 marzo 2014 - 17:45
A me piace tantissimo, linea aggressiva e a mio avviso molto riuscita, tra le tre gemelline questa è sicuramente la migliore. P.s. noto con piacere che hanno finalmente aggiunto al lato guida il comando dell'alzavetro lato passeggero, finalmente!
Ritratto di cris25
4 marzo 2014 - 18:01
1
devo dire che sfoggia un design di tutto rispetto per essere una seg. A! Sicuramente sembra più riuscita della "sorelle", specialmente della C1, che trovo davvero poco aggrazziata per via del frontale! Aspetterò di leggere un primo contatto e capire meglio come è fatta, ma credo che sicuramente sarà meglio di quella attuale che in fatto di qualità interna e di sicurezza non è proprio il top!
Ritratto di M93
4 marzo 2014 - 18:01
Bella, un bel passo avanti rispetto all'attuale, sopratutto internamente. Non mi convincono molto gli inserti neri lucidi sulla carrozzeria, inseriti probabilmente (a mio avviso) per alleggerire e dinamizzare ulteriormente la silhouette della vettura. Nella zona della 3/4 posteriore, complice l'inserto nero, mi ricorda molto vagamente la contemporanea Ypsilon. C'è da notare anche una maggior differenziazione tra le varie marche e modelli del trio, molto più che in passato.
Ritratto di PariTheBest93
4 marzo 2014 - 18:05
3
Da dietro sembra una Leaf, davanti la X non mi piace, okay gli interni...
Pagine