NEWS

Toyota: presto la prima elettrica

Pubblicato 15 marzo 2021

Sarà una crossover basata sulla piattaforma e-TNGA e debutterà ad aprile 2021 al prossimo Salone dell’auto di Shanghai.

Toyota: presto la prima elettrica

MANCA POCO - La crossover elettrica della Toyota ingegnerizzata sulla piattaforma modulare e-TNGA, acronimo di Electric Toyota New Global Architecture, verrà svelata al prossimo salone dell’auto di Shanghai, in programma dal 21 al 28 aprile 2021. Di lei si sa ancora molto poco, ma dovrebbe avere delle dimensioni simili alla RAV4 ed è stata progettata per i gusti degli automobilisti europei.


> Il nuovo modello annunciato oggi potrebbe essere uno di quelli nella foto qui sopra, che risale al 2019, quando la Toyota annunciò i suoi programmi per l'auto elettrica (qui la news).

UNA PIATTAFORMA, TANTI MODELLI - La piattaforma e-TNGA della Toyota, annunciata nel giugno del 2019, è stata progettata per garantire la massima flessibilità e può essere utilizzata per modelli a trazione anteriore e posteriore, con i motori, rispettivamente, sull'asse anteriore e posteriore, o a trazione integrale con due motori. Come per le altre piattaforme modulari ideate per le elettriche, le batterie saranno montate sotto il pavimento. Sulla piattaforma e-TNGA verranno ingegnerizzate sei modelli di auto elettriche.

Toyota Rav4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
77
76
49
51
78
VOTO MEDIO
3,1
3.069485
331




Aggiungi un commento
Ritratto di v8sound
15 marzo 2021 - 22:38
Spero si tratti del secondo modello della foto, promette bene.
Ritratto di Volpe bianca
16 marzo 2021 - 07:11
Essendo una crossover con dimensioni simili alla Rav4, mi sa che è o la prima o la seconda. La terza sembra una berlina e la quarta un'altra crossover ma corta.
Ritratto di homura
16 marzo 2021 - 13:31
Tutte le Toyota sono pessime auto. Soprattutto la tua chr v8suond
Ritratto di otttoz
16 marzo 2021 - 07:22
sono in ritardo...avevano già la tecnologia elettrica avrebbero potuto fare concorrenza a Tesla...
Ritratto di FlavioD
16 marzo 2021 - 07:29
Non ci credevano fino a qualche annetto fa senza neanche nasconderlo..
Ritratto di zioesse
16 marzo 2021 - 07:56
Toyota e le altre giapponesi che queste ultime qui sono soarite ma nelle classifiche vmondiali poi magicamente hanno modelli cge stanno in cima. le vendite non le fanno in paesini come nirvegia o olanda elletro-trend ma occupano interi continenti come l'asiatico o l'africano o tanto del mercato usa. spesso mercati che firse l'elettrico lo inizieranno a valutare fra 30 anni. semberebbe la corsa sfrenata all'elettrico se l'è imposta di fatto solo l'europa. e un po inizialmente la cina ma credo quesra più per una scommessa a provare cambiare le gerarchie nel mondo auto agevolando la crescita di aziende cinesi col fatto degli incentivi anche se poi a espnandersi non ci sono riusciti lo stesso e soffrono anche oramai nel loro interno a partire dalla concorrenza tesla
Ritratto di Giocatore1
16 marzo 2021 - 09:27
1
@zioesse esattamente. Poi toyota giustamente non si può permettere di non presidiare tutti i settori del mercato, quindi deve stare anche in quello elettrico, ma a differenza di vag ad esempio non esclude alternative. Su chi dice che è in ritardo, rispetto a tesla è vero ma lo sono tutti, ma in generale rispetto al mercato non credo proprio, la quota è ancora minima. Poi i fornitori sono sempre quelli, non c'è molta tecnologia che sviluppano le case in proprio.
Ritratto di zioesse
16 marzo 2021 - 09:59
Mi sento d’accordo sul fatto componenti comuni :) e che qundi anche arrivando in un secondo momento chi già fa e sa fare auto non avrà particolati ritardi quando il mercato ingranasse. anche per freni o cambio o airbag ci saranno i soliti fornitori che li danno a tutti mica se li fanno ogni marchio automobilistico da se. inoltre tutto cambia molto più velocemente che miai e un’elettrica che 5 anni fa sembrava di un decennnio dopo sulla concorrenza se oggi non ha telecamerea a 360° o head display a realtà aumentata come le ultime arrivare sembra invece già di un decennio dietro
Ritratto di Mbutu
16 marzo 2021 - 10:44
Mi sento di dissentiree in parte. Quello che affermate (chi sa fare auto non soffrirà riatardi) è solo parzialemnte vero. Oggi sembra così perchè per il grande pubblico le elettriche vengono tutte accomunate sotto la generica definizione del loro motore. Ma così non è. Come dimostra poco sotto RubenC (che invece delle elettriche si interessa) non sono tutte uguali. E più il pubblico si informerà più si renderà conto delle differenze; del fatto che ci sono marchi e modelli migliori di altri. Quindi partire in ritardo significa sviluppare meno conoscenze ed esperienza. Questo almeno in generale. Poi è chiaro che un marchio come Toyota non soffrirà troppo rispetto ad altri il fatto di essere partito dopo.
Ritratto di zioesse
16 marzo 2021 - 11:00
A guardare la stessa fiat a parte avere una gamma grande o piccola di elettriche. la e-500 che è il primo impegno serio di fiat e fatto per affari suoi prima di entrare in stellantsis non sembra prorprio come parte elettrica un progetto di secondo ordine rispetto alle attuali peugeot o renalut elettriche. nonostante con c-zero twizy e zoe i francesi è da tanto che sono nel campo. non mi sembra una regola tanto automatica
Pagine