NEWS

Trofei Seat: ad Adria il gran finale

Pubblicato 27 novembre 2015

La Seat ha organizzato per il 28 e 29 novembre ad Adria una massacrante 24 ore con le Seat Ibiza Cup. Scenderemo in pista anche noi di alVolante.

Trofei Seat: ad Adria il gran finale
UNA MAGIA LUNGA 24 ORE - Per chiudere in bellezza la stagione sportiva che si è appena conclusa, la Seat darà vita il prossimo weekend a una 24 Ore sul circuito internazionale di Adria (in provincia di Rovigo) in cui si sfideranno un centinaio di piloti: sono infatti una ventina gli equipaggi (ciascuno composto da un minimo di sei driver fino a un massimo di dieci) che si daranno battaglia a bordo delle Seat Ibiza Cup. Al loro volante ci saranno nomi illustri, del calibro dell’ex pilota di Formula 1 Giancarlo Fisichella o del due volte campione del mondo FIA GT Thomas Biagi, ai quali si aggiungerà il vincitore del titolo italiano Gran Turismo, Raffaele Giammaria. E non mancheranno i piloti che nella stagione appena conclusa si sono distinti proprio alla guida di vetture Seat: Valentina Albanese, che con la sua Seat Leon TCR ha dominato la classifica assoluta del Campionato Italiano Turismo Endurance, e Alberto Bassi, vincitore proprio del campionato italiano Ibiza Cup, condivideranno ad Adria una Seat Ibiza Cup insieme a Carlotta Fedeli (che nel trofeo con le Ibiza è giunta quinta assoluta, ma prima tra le donne e tra gli juniores). Il loro equipaggio sarà completatto da tre giornalisti, tra i quali noi di alVolante.
 
LE PREMIAZIONI - Il campionato con le Seat Ibiza Cup, giunto ormai alla quinta edizione, nel 2015 è stato affiancato da un altro monomarca Seat, quello con le più potenti Leon (circa 300 cavalli contro 200) che hanno dato spettacolo negli stessi autodromi: da Monza a Imola, da Pergusa a Vallelunga, da Misano al Mugello. Il titolo è andato a Jonathan Giacon, che ovviamente non mancherà alla 24 Ore di Adria con la Ibiza. Proprio in quella occasione verranno premiati lui e gli altri i piloti che si sono distinti nelle gare a bordo delle vetture del marchio spagnolo.
 
LA VETTURA - La Ibiza sviluppata per le gare da Seat Motorsport Italia e Seat Sport non conta solo su un quattro cilindri davvero pepato (come accennato, il 1.4 turbo è capace di 200 CV, otto in più del 1.8 della Seat Ibiza Cupra di serie). Nell’arco di 24 ore metteremo alla prova anche le prestazioni e l’affidabilità del cambio a doppia frizione a sette marce. Non mancano, ovviamente, il differenziale meccanico autobloccante e un telaio adattato (con roll-bar a norme FIA). Le gomme, omologate anche per l’uso stradale ma molto sportive, sono le Yokohama ADVAN Neova AD08R nella misura 215/45 R 17. Appuntamento quindi ad Adria alle 13 di sabato 28 novembre…


Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
27 novembre 2015 - 12:42
4
in bocca al lupo al team AlVolante e Forza Seat
Ritratto di SINISTRO
1 dicembre 2015 - 17:34
3
In privato fatti dare i numeri di telfono dei 2 piloti...
Ritratto di gaswagen
27 novembre 2015 - 13:41
Mi devo armare di maschere antigas oppure ci vogliono anche le bombole di ossigeno?
Ritratto di marian123
27 novembre 2015 - 15:00
Dovresti armarti di un po' di cervello ma quello sfortunatamente per te non puoi comprarlo.
Ritratto di gaswagen
27 novembre 2015 - 20:35
Sono loro che non hanno cervello, e pensavano di comprare il cervello di milioni di automobilisti. E quasi ci erano riusciti. Gli è andata male. Io il cervello l'ho bello grosso e sviluppato, non rattristarti. Così va il mondo, c'è chi c'è e chi no. Io c'è.
Ritratto di Porsche 959
27 novembre 2015 - 22:49
L'importante è sfottere sempre il gruppo VW, vero ? Se poi però qualcuno osa parlare male del gruppo FCA, apriti cielo.
Ritratto di gaswagen
27 novembre 2015 - 23:04
Chi ha truffato?
Ritratto di Porsche 959
27 novembre 2015 - 23:08
Loro hanno truffato. Però non è che a ogni articolo bisogna fare sempre battute facendo diventare le altre case automobilistiche delle verginelle. Non aspettavate altro che succedesse, vero ?
Ritratto di marian123
28 novembre 2015 - 15:49
Teoricamente hanno comprato anche il tuo visto che sostieni di aver avuto una disastrosa audi. Storia però poco convincente dato che difficilmente uno passa da un'audi ad una croma, al massimo si orienta su auto dello stesso segmento cambiando marchio..