NEWS

Ultimatum della Germania alla Volkswagen

28 settembre 2015

Il governo tedesco avrebbe dato tempo fino al 7 ottobre per trovare una soluzione, altrimenti ci saranno conseguenze.

Ultimatum della Germania alla Volkswagen
CLASS ACTION - Dopo la fase dello stupore e dello scandalo, nella vicenda delle emissioni dei diesel della Volkswagen non conformi alla normatica antinquinamento (qui per saperne di più) è iniziata quella delle richieste di danni. Secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg, negli Stati Uniti sono già un’ottantina le “class action” avviate da clienti che hanno acquistato un’auto del gruppo Volkswagen che chiedono rimborsi e indennizzi. Oltre a questo tipo di rivendicazione c’è poi quella avanzata da investitori (azionisti), sempre americani, i quali ritengono di aver acquistato azioni che erano ben quotate ma che poi sono crollate per lo scandalo.
 
PROSPETTIVE NERE - Altra grana per la casa di Wolfsburg, secondo il settimanale tedesco Bild, sarebbe la decisione del governo tedesco di ordinare il blocco delle auto con il software incriminato se entro il 7 ottobre la Volkswagen non avrà trovato una soluzione al problema del il software incriminato. L’iniziativa ha aperto una prospettiva drammatica per la Volkswagen, perché per mettere tutto in regola in tempi brevi (e quelli richiesti dal governo sono tempi brevissimi) al momento ci sono solo un paio di modi. 
 
LE ALTERNATIVE SUL TAPPETO - Si potrebbe intervenire sul software in modo che non cambi più le regolazioni della centralina elettronica dell’alimentazione, oppure adottare il sistema con cui le emissioni di ossido di azoto (il gas al centro delle emissioni taroccate) vengono tenute sotto controllo grazie all’impiego di uno specifico catalizzatore. Nel primo caso le auto del gruppo Volkswagen con il motore 2.0 TDI serie EA 189 pre Euro 6 potrebbero essere “svuotate” di potenza e coppia. Nella seconda ipotesi l’intervento sarebbe molto costoso.
 
LE AUDI COINVOLTE - Si è intanto delineata la dimensione del coinvolgimento del marchio di prestigio Audi: sempre secondo quanto afferma l'agenzia Bloomberg, la casa ha precisato che le auto dei quattro anelli con il motore sotto accusa sono 2,1 milioni. 1,2 milioni sono invece le Skoda. 1,42 milioni sono le Audi interessate nell’Europa Occidentale (di cui 577 mila in Germania). Caso tutto particolare è sorto poi ieri per le Seat vendute alla Polizia italiana: sono tutte Euro 5, con il motore 2.0 TDI. 
 
WINTERKORN SOTTO INCHIESTA - Sul fronte degli aspetti giudiziari, dalla Germania è arrivata la notizia che la magistratura del land della Bassa Sassonia starebbe indagando su Martin Winterkorn, amministratore del gruppo sino a pochi giorni fa e dimessosi in seguito allo scandalo. Infine, secondo l'agenzia Reuters, tre top manager del gruppo (nel settore della ricerca e sviluppo) sono in procinto di essere sospesi: si tratterebbe di Ulrich Hackenberg, ex responsabile della ricerca e sviluppo del gruppo VW ora all'Audi, Heinz-Jakob Neusser attuale capo dell' R&D del Gruppo e Wolfgang Hatz, responsabile tecnico della Porsche.


Aggiungi un commento
Ritratto di Bear Boss
28 settembre 2015 - 18:47
Penso che la scelta migliore circa il richiamo sarebbe quella molto più costosa ovvero il montaggio di un nuovo e più efficiente catalizzatore.
Ritratto di Babbalaa
28 settembre 2015 - 20:39
E' più costosa, ma se applicano l'altra tutti quelli che si ritrovano il motore depotenziato certamente mettono una bella croce sul marchio (quelli che non l'hanno già fatto, ma la seconda scelta potrebbe magari recuperarne qualcuno..)
Ritratto di Liverpool77
28 settembre 2015 - 20:52
se mi ritrovo un motore depotenziato prima chiedo i danni poi ci metto una croce sopra. Opzione commercialmente impraticabile.L'altra è molto più ragionevole, bisogna vedere se è praticabile in termini di tempi e soldi
Ritratto di Racing75
28 settembre 2015 - 21:11
La prossima volta compra italiano e lascia perdere queste truffe "tedesche"! Poi dicono che siamo noi italiani a essere truffaldini, loro forse no? Oltre che un popolo che ne ha combinate di cotte e di crude a mezzo mondo, dobbiamo pure renderli grabdi comprando i loro bruttissimi prodotti? Ma io nn lo so, abbiamo la Giuletta, la 500, la Panda...la Maserati, la FERRARI, ma che bisogno abbiamo di comprare questa robaccia inquinante, fatta male e per di più volutamente truccata! VW non é mai stata una marca al top, i più furbi l'han capito da sempre e non hanno mai seguito le mode del momento, dettate più dal marketing che dalla realtá dei fatti. Sempre avuto auto Fiat, sempre trovato benissimo: costano meno della concorrenza perché hanno le rete in Italia, i pezzi di ricambio li trovi dappertutto a basso costo e in più fanno prodotti molto valido e robistissimi. E allora che bisogno abbiamo di comprare una Passat o una Up? Che se le compri la Merkel quelle buffonate, noi italiani meritiamo di meglio, soprattutto di non essere presi in giro! PS: il governo SAPEVA dal 2005 di questa faccenda e adesso fa finta di niente, BUGIARDI! Non cerchino capri espiatori, hanno truffato milioni di persone per riempirsi le tasche e rubarci il mercato, ora é giusto che paghino, e spero vivamente che VW chiuda i battenti una volta per tutte, tanto dei suoi catorci non ce ne facciano nulla!
Ritratto di golfista97
28 settembre 2015 - 23:41
I più furbi comprano sempre fiat infatti, meno male che ce ne sono pochi in Italia. Ma si la 500, che bella, una vera auto italiana, peccato che la fanno in Polonia. Citami un'avversaria della Passat prodotta dalla fiat...ehm la 500L? La VW non fallirà, non la faranno mai fallire, perchè porterebbe con sè tutto il settore automotive europea, e con esso la nostra economia
Ritratto di jonny holiday
28 settembre 2015 - 23:56
Si, va beh, moriremo tutti.. Ma ancora parlate? Voi vaggari siete tutto FUMO e niente arrosto! LoL
Ritratto di Racing75
29 settembre 2015 - 10:11
Quando ti ritroverai la tua fiammante Golf depotenziata per rientrare nei parametri emissivi, rimpiangerai di non aver preso una bellissima Giulietta. C'è niente da fare, anche di fronte all'imbroglio più evidente, qualche impavido "italiota" continua a servire umilmente i tedeschi. Incredibile... solo da noi può succedere!
Ritratto di fabio1968
29 settembre 2015 - 01:32
meglio una 500 polacca che una teutonica golf cruccata
Ritratto di Davelosthighway
29 settembre 2015 - 04:21
Non fare confusione. La VW ormai i margini e i profitti su auto commercialmente illegali li trovava spingendo produzioni a basso costo in Cina, premium o non. Se alla fine la VW non paga ciò che gli spetta per motivi politici e conflitti di interesse é un altro discorso.Starà a noi consumatori la valutazione etica-morale del gruppo. Ti auguro una serena valutazione.
Ritratto di Claus90
29 settembre 2015 - 09:46
andatevi a compare le audi prodotte in Ungheria e truccate da 30.000 euro all'avanguardia della tecnica clean diesel le volkswagen prodotte in slovacchia e in messico auguri e figli maschi.
Pagine