NEWS

La Volkswagen accusata di “pressioni pubblicitarie”

13 ottobre 2015

Della vicenda parla il settimanale francese Canard Enchainé, ma i diretti interessati negano ogni addebito.

La Volkswagen accusata di “pressioni pubblicitarie”
PUBBLICITÀ COME BAVAGLIO? - Mancava il fronte dei media nella vicenda “dieselgate” della Volkswagen. Ma evidentemente sotto la cenere del grande scandalo non manca neanche l’aspetto dei rapporti tra case automobilistiche e giornali. Lo si arguisce dalle polemiche nate in Francia in seguito alla pubblicazione di un articolo del settimanale satirico Canard Enchaîné. Il 30 settembre la testata nota per il suo humour al vetriolo e per le campagne scandalistiche, ha pubblicato un articolo che riferiva di pressioni fatta dalla Volkswagen France sulla stampa per mettere la sordina alla pubblicazione di notizie sullo scandalo degli scarichi non a norma delle vetture con motore TDI Euro 5 EA 189 del gruppo tedesco. 
 
RICATTO PER EMAIL? - La cosa si sarebbe concretizzata in una email che l’agenzia in questione - la MediaCom - avrebbe inviato ai direttori dei giornali per far sapere che se continuavano a uscire articoli sulla vicenda delle emissioni manipolate, le uscite pubblicitarie previste nei giorni 6-8 e 10 ottobre erano da considerarsi annullate. L’articolo del “Canard” ha avuto subito smentite sia dalla Volkswagen Franche che dall’agenzia MediaCom, mentre non si registrano prese di posizioni di giornali che affermino di aver effettivamente subito le pressioni, oppure che dicano chiaramente di non essere stati contattati in tal senso. 
 
IMPEGNO A INVESTIRE - Attraverso un comunicato dell’agenzia MediaCom, la Volkswagen France ha voluto far sapere “di non aver dato alcun ordine di annullamento delle sue campagne pubblicitarie nei media francesi. Al contrario, Volkswagen France mantiene i sui investimenti previsti”. Ma l’articolo del Canard Enchaîné non parlava di indiscrezioni o di fonti riservate: l’accusa alla Volkswagen France era basato sul documento inviato dalla MediaCom ai direttori dei giornali; una email di cui il “Canard” è entrato in possesso e che l’ha portato a decidere di pubblicare la notizia. E nella la email in questione si legge che: “…se il 6, 8 e 10 ottobre prossimi non ci sarà alcun articolo relativo alla crisi VW, noi manterremo gli investimenti”. 
 
DOCUMENTI - Dunque l’accusa aveva una “pezza” concreta che lì per lì era parsa chiara, ma che secondo MediaCom è stata male interpretata. Secondo l’agenzia, il mantenimento delle pagine di pubblicità a fronte dell’assenza di articoli sulla vicenda “dieselgate” non era una forma di condizionamento ma solo una preoccupazione di non fare uscire della pubblicità in un contesto non favorevole, che avrebbe annullato lo scopo pubblicitario dell’inserzione. In pratica la nota via email sarebbe stata solo un preavviso di rinvio delle uscite pubblicitarie a un periodo più favorevole. A conferma di questa tesi, MediaCom ha anche affermato che la Volkswagen France si era anche detta disponibile a pagare comunque le pagine pubblicitarie “saltate” nel caso che le testate non fossero riuscite a trovare a venderle ad altri inserzionisti. La questione probabilmente è lungi dall’essersi esaurita, e non stupirebbero nuove prese di posizione sull’argomento da parte dei diversi soggetti coinvolti.


Aggiungi un commento
Ritratto di VEIIDS
13 ottobre 2015 - 18:07
Questi "esseri" sono vergognosi... stanno rasentando i comportamenti mafiosi!
Ritratto di Trekk
13 ottobre 2015 - 18:29
Una sola parola :giustizia! Fate giustizia a tutti i livelli anche per salvaguardare le case serie che investono nella ricerca e rispettano le normative senza trucchi. Il gruppo wv-audi merita una mega multa anche in Europa. Inoltre dovrebbe essere condannata a risarcire tutti i suoi clienti truffati. Infine, chi pensa ora si danni causati all'ambiente e alle persone?
Ritratto di lucatom74
14 ottobre 2015 - 16:12
Perché non ci pensi tu!!
Ritratto di gaswagen
13 ottobre 2015 - 18:33
Io me ne sto zitto, comunque la verità... (viva Caterina Caselli).
Ritratto di Ipermonkey
13 ottobre 2015 - 18:43
C'è qualcosa di cui non viene accusata Volkswagen? Fra un po' saranno i responsabili delle guerre e della fame nel mondo.
Ritratto di autolog
13 ottobre 2015 - 20:47
C'è qualcosa che stia facendo la VW per evitare di essere presa a bastonate da tutti? Non pare, francamente. Che poi i suoi supporter provino anche a fare le vittime, questo no è davvero troppo. Mutzu e a testa bassi, sfigatelli da Wesker in giù!!!
Ritratto di napolmen4
14 ottobre 2015 - 10:34
se conosci la loro storia e d adove sn partiti....forse non e' una battuta in cio' che dici!! col gas ci sanno fare
Ritratto di Porsche
14 ottobre 2015 - 22:11
cosa vai farneticando ? Sei fai una associazione del genere significa che di auto non sai nulla.
Ritratto di wesker8719
13 ottobre 2015 - 18:57
sono sicuro che ora vag verrà accusata di aver prodotto il virus Ebola e di finanziare l'ISIS , dai su cosa non fa un giornale per avere visibilità....
Ritratto di impala
13 ottobre 2015 - 19:34
.... che ti piace o no, i tuoi amici della Vw si comportanno comé dei ladri mafiosi, allora che questo sia denunciato e tutto che normale. Pensa che questo sarebbe successo alla Fiat, cosa avrebbe detto i tuoi amici tedeschi ??? io penso che tu conosci bene la risposta. Grazie a Alvolante per la notizia.
Pagine