NEWS

La Volkswagen si assicura la fornitura di litio

05 aprile 2019

La cinese Ganfeng fornirà a lungo termine il litio da utilizzare nelle batterie delle auto elettriche per 10 anni.

La Volkswagen si assicura la fornitura di litio

ACCORDO COI CINESI - Il Gruppo Volkswagen e la Ganfeng Lithium Co., azienda cinese leader mondiale nella produzione di composti di litio e metalli, con sede nella provincia di Jiangxi, hanno firmato un memorandum d’intesa per la fornitura a lungo termine di litio da utilizzare nelle celle delle batterie destinate alle auto elettriche. In questo accordo, valido per i prossimi 10 anni, la Ganfeng si impegna a mettere a disposizione del Gruppo Volkswagen e dei suoi fornitori il litio. Si tratta di una mossa strategicamente molto importante che consentirà al Gruppo tedesco di assicurarsi una quota significativa del proprio fabbisogno di litio per le batterie. Con la progressiva elettrificazione attuata dalle compagnie automobilistiche, si prevede infatti che la domanda mondiale di litio possa più che raddoppiare entro il 2023.

COLLABORAZIONE STRATEGICA - Questa collaborazione strategica è il risultato di un’analisi di mercato condotta dal team che si occupa delle materie prime per l’e-mobility, le cui attività si concentrano sulla costruzione di uno stretto rapporto con l’industria delle materie prime. Il gruppo Volkswagen, insieme a partner strategici selezionati, sta creando sinergie lungo la catena delle batterie ad alto voltaggio. Oltre agli accordi per la fornitura di litio, il Gruppo Volkswagen e Ganfeng hanno anche concordato di collaborare su temi del futuro come le batterie allo stato solido e il riciclo. Il gruppo tedesco nel corso dei prossimi 10 anni lancerà oltre 70 nuovi modelli puramente elettrici; questo significa che un quarto delle unità consegnate ai clienti nel 2025 sarà alimentato con energia elettrica. 



Aggiungi un commento
Ritratto di MarcoSalerno
6 aprile 2019 - 12:26
Altra presa per i fondelli.Vorrei capire quanti morti ci saranno da estrazione di Litio e come verra' poi gestito per lo smaltimento e con quali costi.
Ritratto di Clementina Milingo
7 aprile 2019 - 09:53
da quello che scrivi si deduce che non sai neppure com'è fatta una miniera di litio :-D
Ritratto di zero
7 aprile 2019 - 22:13
L'estrazione del litio grezzo no, ma quella del cobalto di morti ne fa eccome! A migliaia e soprattutto bambini, impiegati come manodopera a bassissimo costo in tutti i più imponenti giacimenti del continente africano subsahariano, giacimenti sfruttati attraverso impianti minerari precari, soggetti a continui crolli, senza alcun impianto di ventilazione e filtraggio delle polveri minerali. Se permettete, anche questo lo scriviamo a bilancio, visto e considerato il totale disinteresse di multinazionali e costruttori per il tracciamento delle materie prime indispensabili per la costruzione di tutte le batterie che ormai ci circondano.
Ritratto di Clementina Milingo
8 aprile 2019 - 07:27
vero, ed è per questo che Tesla produce le batterie per le proprie auto usando una quantità di cobalto 8 (OTTO) volte inferiore rispetto ai migliori concorrenti. Certo, "quasi un decimo" non è bello come zero assoluto di cobalto ma è un passo in quella direzione.
Ritratto di Robx58
6 aprile 2019 - 17:16
13
"Il gruppo tedesco nel corso dei prossimi 10 anni lancerà oltre 70 nuovi modelli puramente elettrici; questo significa che un quarto delle unità consegnate ai clienti nel 2025 sarà alimentato con energia elettrica." Questo è riportato nell'articolo, e sicuramente accadrà che in questi prossimi 10 anni vedremo la fine del gruppo Volkswagen, un po come fece Hitler con il "Terzo Reich". L'elettrico per l'industria automobilistica è come lo sbarco dei clandestini in Italia, un magna-magna impressionante, che se ne sbatte dei propri cittadini, e l'elettrico ugualmente se ne sbatte dell'ecologia. Hanno trovato il sistema per inficiare tutto e tutti, loro credono; ma il consumatore si documenta e sa cosa vuole, chi insisterà solo sull'elettrico, tipo Tesla, andrà fallito perchè il mercato richiederà questo tipo di alimentazione solamente in percentuali irrisorie, per cui, anche il gruppo di Wolfsburg avrà delle ripercussioni che la faranno ridimensionare.
Ritratto di Clementina Milingo
7 aprile 2019 - 09:55
poi magari tra 10 anni se vorrai un'auto potrai scegliere solo tra una Tesla bianca e una Tesla rossa perché il futuro non è mai come ce lo saremmo aspettato.
Ritratto di lucios
7 aprile 2019 - 07:28
4
E poi, accusano l'Italia di fare affari con la Cina
Ritratto di Clementina Milingo
7 aprile 2019 - 09:56
appunto! ormai cinesi e tedeschi sono indistinguibili
Ritratto di zero
7 aprile 2019 - 14:00
Immaginare 1/4 dell'immacolato VAG come elettrico nel 2025 equivale a circa 3 milioni di macchine elettriche. Solo VAG, a cui poi si dovrebbe aggiungere tutto il resto della concorrenza, che certamente non sta lì a pettinare le bambole. Insomma... Ipotecare un tale incremento di nuove immatricolazioni di vetture elettriche nel giro di soli 5-6 anni mi sembra appena appena azzardato, visto e considerato che si stima che solo nell'anno 2040 (cioè tra 21 anni) il nuovo immatricolato elettrico raggiungerà il punto di pareggio con il nuovo immatricolato termico e ibrido (termico/elettrico).
Ritratto di otttoz
7 aprile 2019 - 19:29
FCA risponderà col piombo!
Pagine