PRIMO CONTATTO

Audi A6 Avant: prestazioni “pesanti”, sterzo (troppo) leggero

L’Audi A6 station wagon rinnovata si conferma una confortevole e ben rifinita “stradista”. Il 3.0 biturbodiesel da 320 CV le consente prestazioni notevoli, ma il volante non trasmette sensazioni di guida adeguate.

23 ottobre 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 69.200
  • Consumo medio

    16,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    164 grammi/km
  • Euro

    6
Audi A6 Avant
Audi A6 Avant
L’hanno migliorata
 
Già in vendita, la versione aggiornata dell’Audi A6 e Audi A6 Avant si riconosce dal frontale, in cui spiccano la mascherina più spigolosa e i diversi paraurti. Cambiano anche alcuni dettagli dell’interno (rinnovato il cruscotto); per contenere il peso dell’auto, la scocca e la carrozzeria fanno un più esteso uso dell’alluminio, mentre la versione a gasolio da 190 CV monta innovative molle di vetroresina (ciascuna più leggera di 1,1 kg di quelle in acciaio). La novità più importante sono i motori, ampiamente rivisti e omologati Euro 6. Quelli a benzina sono il 1.8 da 190 CV, il 2.0 con 252, il 3.0 V6 forte di 333 cavalli e il poderoso 4.0 V8 con 450 o 560 CV (rispettivamente per la S6 e la RS6, in vendita da dicembre 2014). Per le unità a gasolio, la scelta include i 2.0 con 150 o 190 cavalli e i 3.0 da 218, 272 e 320 CV (quest’ultimo equipaggiava l’auto del test). I prezzi di questa grande vettura di lusso (sfiora i cinque metri di lunghezza) sono elevati: vanno dai 44.400 euro della A6 berlina 1.8 TFSI (190 CV), ai 69.200 della A6 Avant 3.0 TDI quattro Tiptronic S Business plus da 320 CV (la versione provata). Per tutte le Audi A6 sono di serie i cerchi in lega, il climatizzatore automatico, i fari bixeno e, per la versione crossover Allroad, le sospensioni pneumatiche. Corposa, come da tradizione, la lista degli optional, che comprende molti sistemi di aiuto alla guida e fa lievitare parecchio i prezzi. Tra gli altri, i fari completamente a led (2.730 euro), l’Adaptive Cruise Control con funzione Stop&Go (nel pacchetto Assistenza, da 3.025 euro) per mantenere costante la distanza impostata dal veicolo che precede, e il visore notturno a infrarossi (Night Vision Assistant, 2.415 euro), che proietta nello schermo del cruscotto eventuali ostacoli (pedoni compresi).
 
Un salotto comodo (solo) per quattro
 
Rifinito di tutto punto e accogliente, l’abitacolo dell’Audi A6 Avant resta sostanzialmente invariato. Le poche modifiche riguardano lo schermo più ampio, al centro del cruscotto, e l’impianto multimediale perfezionato e facilmente comandabile con la manopola e i tasti fra i sedili. Con il navigatore MMI Plus (di serie per l’allestimento Business plus) si dispone anche del raffinato schermo di 8” (fuoriesce dal centro della plancia) ad alta definizione che, fra l’altro, permette (attraverso la connessione internet, 605 euro) di utilizzare le mappe di Google Earth per la navigazione. Pur bassa, la posizione di guida è confortevole e dotata di molte regolazioni. Ok pure la disposizione dei comandi, anche se quelli del climatizzatore, alla base della consolle, non sono a portata di mano. La disponibilità di spazio non delude, tuttavia il divano è conformato per ospitare bene solo due persone; chi siede nel mezzo ha anche il tunnel di trasmissione fra i piedi. Infine, sia per l’Audi A6 berlina sia per la wagon, la capacità del baule (facilmente accessibile e ad apertura automatica) non è male.
 
Si fa sentire solo se si “pesta”
 
Il poderoso sei cilindri biturbodiesel dell’Audi A6 Avant 3.0 quattro tiptronic sviluppa 320 cavalli, sufficienti ad imprimere accelerazioni fulminee a questa wagon pesante 1900 kg, accompagnate da un piacevole rombo sportivo. La sonorità di questo motore ha poco da spartire con le comuni unità a gasolio: ad andature tranquille, è silenzioso. Del resto, nell’abitacolo filtrano pochi rumori e anche le sconnessioni della strada vengono assorbite senza scossoni per i passeggeri. Tornando alla guida, nonostante quest’Audi sia un “macchinone”, l’agilità è di buon livello. Non sono da meno la stabilità e il grip in uscita dalle curve, favoriti dalla trazione integrale, che varia la ripartizione della coppia fra i due assali a seconda delle necessità  (normalmente è per il 40% all’avantreno e per il 60% al retrotreno). Il cambio automatico a otto rapporti è puntuale nei passaggi di marcia (sempre dolci) mentre lo sterzo, leggero anche nella modalità di guida più sportiva (la Dynamic) tra le quattro disponibili (variano al risposta di acceleratore, sterzo, sistemi elettronici e cambio automatico), non piacerà a tutti: manca di un po’ di precisione. I consumi calcolati dal computer di bordo nel corso del test (condotto alternando tratti affrontati con brio, ad altri ad andature rilassate) non sono bassi: 9 km/l di media.
 
Secondo noi
 
Pregi
> Finiture. Assemblaggi e materiali sono di prima categoria.
> Motore. Spinge bene e ha una bella “voce”.
> Sistema multimediale. Quello della versione del test è raffinato e funzionale.
 
Difetti
> Prezzo. Va bene che è un’auto di lusso, ma resta cara e con gli optional il conto vola.
> Quinto posto. Sacrificato e poco fruibile.
> Sterzo. Così leggero e non molto sportivo, lascerà un po’ d’amaro in bocca agli sportivi.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2967
No cilindri e disposizione 6 a V
Potenza massima kW (CV)/giri 235 (320)/3900-4600 giri
Coppia max Nm/giri 650/1400-2800
Emissione di CO2 grammi/km 164
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 automatico + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 250
Accelerazione 0-100 km/h (s) 5,2
Consumo medio (km/l) 16,1
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 494/187/146
Passo cm 291
Peso in ordine di marcia kg 1900
Capacità bagagliaio litri 565/1680
Pneumatici (di serie) 225/55 R17

 

Audi A6 Avant
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
111
85
49
30
60
VOTO MEDIO
3,5
3.468655
335
Aggiungi un commento
Ritratto di piccoloanto
23 ottobre 2014 - 12:27
finiture di lusso e qualita alla grande ma questo prezzo vado su un usato di 2 3 anni per non parlare dell motore prestante ma di rca Auto salato
Ritratto di Ivan92
23 ottobre 2014 - 12:30
6
Comoda e ben fatta, il motore è una vera opera d'arte, velocissimo e parco nei consumi quando si rispettano i limiti. Preferisco la berlina però, nera con i vetri neri, un pacchetto S-line e dei cerchi da 20'' sarebbe proprio perfetta, e comprando una versione a km 0 in esposizione si ottiene anche un buon risparmio con un buon equipaggiamento che altrimenti si pagherebbe salatamente. A pari merito con la 535d Xdrive non temono nessuna rivale per quanto riguarda le diesel ad alte prestazioni (tralasciando la M550d decisamente troppo costosa e la A8 4.2 TDI decisamente al di sopra di una berlina)
Ritratto di Flavio Pancione
23 ottobre 2014 - 13:28
7
condivido. Ma stranamente è una delle poche , anzi l'unica che secondo me è più bella Wagon. Comunque io preferisco la Serie 5, stavolta berlina con trazione posteriore e fatto più importante uno sterzo migliore, secondo me dettaglio non da poco. Il difetto dello sterzo secondo me se lo porta un pò dalla vecchia versione qeusta A6, ne guido spesso una del 2010 che non è mia e mi ritrovo nella redazione.. l'unica che non riesco a digerire è la Classe E e mi dispiace..
Ritratto di mattias93
23 ottobre 2014 - 13:06
Mi compro una casa in montagna totalmente ristrutturata e con quello che ci avanza ci pago le spese fino alla morte. Ah, la casa male che va acquista valore, non la rivendo tra 10 anni a 1500€. Per queste cifre lexus o infinity se mi costringono a spenderli. Di certo mai audi...
Ritratto di Dani80
23 ottobre 2014 - 20:50
carissimo, tu come altri non avete ancora capito evidentemente che chi si può permettere una macchina del genere no ha problemi a pagare il bollo , e neppure a fare il pieno".............. E sopratutto con ogni probabilità ha anche la casa in montagna!!!!! Certi commenti li facciamo solo noi comuni mortali che macchine del genere al massimo c'è le fanno provare in concessionaria se facciamo finta di essere propensi all'acquisto
Ritratto di mattias93
23 ottobre 2014 - 22:27
Dani, in un paese normale il tuo ragionamento non fa una piega. Ma qui in italia di sicuro ci saranno molti individui che si prenderanno il finanziamento "cappiocollo" e ci andrano in giro convinti di far bella figura. Tristemente, mattias.
Ritratto di lucio 85
24 ottobre 2014 - 06:40
6
Qui in Italia ( e non solo ) esistono persone del genere, ma fidati che per spendere o finanziarti 70.000€ un operaio o una persona normale ( che è quello che intendeva Dani ) non se la può permettere lo stesso. Perchè se per finanziarti 23.000€ ti chiedono 350€ al mese per 6 anni, 70.000€ te ne chiedono minimo 800€ per 10, e con uno stipendio normale nessuna banca ne finanziaria ti presterà mai quei soldi, perchè non hai la % di fabbisogno mensile per vivere. Quindi Mattias, senza offesa, non diciamo baggianate per favore, come dice Dani chi può permettersi di spendere dai 50.000€ a salire per un automobile, non ha problemi di soldi.
Ritratto di ilpongo
23 ottobre 2014 - 13:29
5
Tanto di cappello per prestazioni, tecnologia e motori. Ma sembra la familiare per gli occupanti del Mulino Bianco: padre impeccabile, madre modella e figli ambosessi con i denti definitivi a 6 anni! 70mial euro e 5° posto sacrificato!!!!!!!
Ritratto di Porsche
23 ottobre 2014 - 16:10
ahahhaahahahah si hai perfettamente ragione. la famiglia del mulino bianco !!! ahahahahahhh vero vero
Ritratto di Alibaba e i 40 ladroni
23 ottobre 2014 - 19:59
invece che sia la degna erede della classe E versione "sutera mort", traduzione : "carro funebre"
Pagine