PRIMO CONTATTO

Audi A3 Sportback: tanto divertimento in tutta sicurezza

La nuova Audi RS3 mantiene il cinque cilindri turbo a benzina da 400 cavalli, ma grazie a un sofisticato sistema di trazione integrale è al tempo stesso sicura e molto divertente tra le curve. Nonostante il prezzo elevato, la dotazione di serie va integrata.
Pubblicato 08 dicembre 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 61.700
  • Consumo medio (dichiarato)

    11,1 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    205 grammi/km
  • Euro

    6d
Audi A3 Sportback
Audi A3 Sportback RS3 TFSI quattro S tronic
La spinta è vigorosa, il suono emozionante

A due anni dal debutto dell’ultima generazione dell’Audi A3, è arrivata sul mercato la sua versione più veloce ed estrema, la RS3. Tutta nuova, sia dentro che fuori, rispetto alla passata generazione ne riprende l’impostazione meccanica di base con un potente motore a cinque cilindri, la trazione integrale e un veloce cambio robotizzato doppia frizione a sette rapporti. Anche i cavalli sono gli stessi, 400, ma le novità di questa Audi RS3 sono molte di più di quanto la scheda tecnica possa raccontare. A partire proprio dal motore, il famoso 2.5 a 5 cilindri, ancora privo di alcuna forma di elettrificazione, ma aderente alle più recenti normative antinquinamento e più “pieno” nell’erogazione: la potenza massima arriva prima (5600 giri contro 5850 giri), mentre la coppia di 500 Nm è cresciuta di 20 Nm rispetto al passato ed è disponibile tra i 2250 e i 5600 giri.

La spinta è sempre molto forte, ma questo motore dà il meglio di sé nella parte alta del contagiri quando la grande turbina tradizionale è alla massima pressione. Davvero piacevole e originale il suono, nonostante la presenza del filtro antiparticolato nell'impianto di scarico ne abbassi notevolmente il volume anche nelle modalità più sportive. Tutta questa potenza permette all'Audi RS3 di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,8 secondi e di raggiungere i 250 km/h di velocità massima, o i 290 km/h scegliendo il pacchetto opzionale RS Dynamic Plus (7.850 euro) che oltre a innalzare il limitatore di velocità, equipaggia la vettura dei dischi carboceramici anteriori da 380 mm (al posteriore rimangono dischi e pinze tradizionali) e gli ammortizzatori a controllo elettronico. 

Va molto forte e anche di traverso

I cavalli dell’ Audi RS3 sono tanti ma utilizzando la funzione di launch control l’accelerazione da fermo pare ancora più “aggressiva” di quanto il già notevole dato sullo "0-100" non dica. Merito del cambio robotizzato doppia frizione a sette rapporti, davvero rapido sia a scendere che salire di marcia in modalità manuale utilizzando le (un po’) troppo piccole palette dietro al volante e intelligente se lasciato in automatico, più o meno aggressivo nelle scalate a seconda della modalità di guida. A trasferire la potenza alle ruote ci pensa, invece, la trazione integrale Quattro, per l’occasione completamente rivista rispetto al sistema utilizzato dalle altre Audi A3 e S3.

Sulla nuova Audi RS3 il differenziale posteriore ha lasciato il posto a un nuovo elemento meccanico, denominato RS Torque Splitter e composto da due frizioni elettroidrauliche a lamelle, una per semiasse. Queste sono in grado di ripartire la coppia tra le ruote posteriori attivamente e in modo variabile a seconda delle condizioni di guida e - specialmente - nelle curve più strette il loro lavoro è davvero efficace: il sistema incrementa la spinta sulla ruota esterna alla traiettoria, cioè quella con maggiore aderenza, scongiurando l’insorgere del sottosterzo e favorendo il sovrasterzo.

Riallineandosi verso il prossimo rettilineo si può quindi aprire il gas prima e l'Audi RS3 si comporta quasi come un’auto a trazione posteriore. Questo in particolare avviene nella modalità Dynamic con tutti i controlli attivi o in RS Torque Rear dove, a controllo di stabilità spento e in spazi chiusi alla circolazione, ci si può addirittura esibire in grandi sovrasterzi di potenza. Chi ama invece la guida “pulita” trova nella modalità RS Performance un bilanciamento più neutro della distribuzione della coppia a favore, per esempio in pista, del tempo sul giro e di un’ancora maggiore facilità di guida. 

Non “spacca” la schiena

La nuova Audi RS3 non è quindi solo più veloce della precedente ma è anche più coinvolgente da portare al limite, pur mantenendo quella sicurezza e quella adattabilità a tutte le condizioni climatiche e di asfalto per cui è sempre stata famosa. A proposito di asfalto e delle sue irregolarità, le sospensioni a controllo elettronico optional si fanno apprezzare fin dai primi minuti di guida. L’assetto è tendenzialmente rigido come ci si aspetta da una sportiva, ma filtra la gran parte delle asperità della strada senza trasferirle all’abitacolo e - quando la guida si fa più “impegnata” - continua a garantire un appoggio costante e sicuro di tutte e quattro le ruote, anche quando sono presenti notevoli avvallamenti. Preciso lo sterzo, anche se non molto comunicativo, e potente la frenata garantita dai dischi anteriori in carbocercamica (5.980 euro o di serie scegliendo il già menzionata pacchetto RS Dynamic Plus): costano tanto, sì, ma se si vogliono sfruttare appieno le prestazioni di cui la Audi RS3 è capace, sono un optional a cui è davvero difficile resistere. 

Aggressiva dentro e fuori

Dal punto di vista estetico l’Audi RS3 è molto più aggressiva dell’auto da cui deriva e fortemente ispirata alla “sorella maggiore” RS6 con paraurti sportivi, la mascherina “single frame” con griglia a nido d’ape, le vistose prese d’aria e i due grandi terminali di scarico ovali al posteriore. Rappresentano una novità estetica le feritoie per il deflusso d’aria presenti alle spalle dei passaruota anteriori, mentre le minigonne e tutte le altre modanature hanno di serie una finitura di colore nero lucido.

Anche all’interno l’Audi RS3 si distingue con comodi sedili avvolgenti, il volante sportivo con palette del cambio in alluminio e corona “tagliata” nella parte bassa e schermate specifiche per il cruscotto digitale configurabile e il sistema multimediale. Come per le altre Audi A3, quest’ultimo è brillante e reattivo al tocco e dispone di parecchie funzioni, fra cui la consultazione delle notizie online e del prezzo dei carburanti nelle stazioni di servizio nelle vicinanze. Inoltre, al pari degli altri comandi per i servizi di bordo, il sistema è intuitivo nella gestione.

Al capitolo abitabilità, la RS3 offre estese regolazioni per il sedile di guida e passeggero e spazio a sufficienza per chi siede ai lati del divano. Più scomoda la seduta al centro per via dell'ingombro del tunnel centrale e del mobiletto dotato di bocchette per il "clima". Regolare ma decisamente più piccolo di altre versioni della A3 il baule: sono 280 i litri di capacità disponibile a divano in uso, 100 in meno. 

La dotazione va integrata

La nuova Audi RS3 parte da 61.700 euro per la Sportback a due volumi o 64.000 euro per la Sedan a tre volumi. Un prezzo adeguato alle prestazioni che questa sportiva è capace di offrire, pur mantenendo quasi la stessa usabilità delle altre Audi A3, ma che non comprende molti dei più importanti assistenti alla guida. Dispositivi come il cruise control adattativo (340 euro), il sensore dell’angolo cieco (640 euro), la retrocamera (500 euro) e gli airbag laterali posteriori (300 euro) si pagano a parte, così come la connessione agli smartphone via Apple CarPlay e Android Auto (340 euro).

Secondo noi

PREGI
> Design. I numerosi dettagli estetici dedicati regalano all'auto un aspetto davvero sportivo e distintivo, senza comprometterne l'usabilità quotidiana.
> Motore. Ben coadiuvato dal cambio robotizzato a sette marce, il cinque cilindri ha un suono inconfondibile e offre tantissima spinta.
> Trazione integrale. Il raffinato sistema di trazione integrale ha reso la RS3 al tempo stesso più sicura e molto più divertente da guidare.

DIFETTI
> Bagagliaio. 280 litri di capacità a divano in uso, sono un po' pochi per un'auto di questo segmento.
> Equipaggiamento. Il prezzo, adeguato alle prestazioni di cui l'auto è capace, non comprende, però, molti dei più importanti assistenti alla guida e accessori comuni come le connessioni agli smartphone via Apple CarPlay e Android Auto.
> Quinto posto. Il mobiletto fra i sedili e il tunnel nel pavimento sottraggono spazio ai piedi di chi siede al centro del divano.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 2480
No cilindri e disposizione 5 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 294 (400)/5600-7000 giri
Coppia max Nm/giri 500/2250-5600
Emissione di CO2 grammi/km 205
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 250
Accelerazione 0-100 km/h (s) 3,8
Consumo medio (km/l) 11,1
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 439/185/144
Passo cm 263
Peso in ordine di marcia kg 1645
Capacità bagagliaio litri 282/1104
Pneumatici (di serie) 265/30 R 19 ant. 245/35 R 19 post.

VIDEO

Audi A3 Sportback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
76
63
55
25
73
VOTO MEDIO
3,2
3.150685
292


Aggiungi un commento
Ritratto di Volpe bianca
8 dicembre 2021 - 10:58
.....e finalmente torniamo a parlare di auto. Compatta, potente, aggressiva, che spettacolo.... Rimango comunque sempre dell'idea che un manuale a sei marce sarebbe la soluzione migliore e più "divertente". Difetti? Bagagliaio piccolo e inserti verdi su volante e plancia migliorabili.
Ritratto di Truman200
8 dicembre 2021 - 11:09
60000 x forza deve essere appagante ma mai come un elettrica
Ritratto di Porsche_Panamera
8 dicembre 2021 - 12:13
Ma che vuol dire "come un elettrica"? Fra una Rimac e una Dacia elettrica c'è di mezzo il mondo.
Ritratto di giulio 2021
8 dicembre 2021 - 12:21
Cioè nel senso che ormai forse ste versioni RS riescono ad essere quasi appaganti come un'elettrica, considerando appunto che tolta Dacia e poco altro, le elettriche sono tutte quasi supercar.
Ritratto di maomar61
10 dicembre 2021 - 23:30
@giulio 2021 sono quasi supercar per qualche secondo e per pochi km. Poi diventano lentissime perché la batteria raggiunge livelli bassi di carica e quindi l'elettronica castra e prestazioni.
Ritratto di yumak
13 dicembre 2021 - 10:33
1
Fino ad ora mai visto una Tesla andare forte sulla autostrada o tangenziale di Milano, vanno sulle seconda o terza corsia dietro la Panda!
Ritratto di yumak
13 dicembre 2021 - 10:58
1
Cosa vuol dire questo disegnino di macchina e1 sul giallo?
Ritratto di Flavio8484
8 dicembre 2021 - 11:27
Daccordo con te caro volpe, ma trovo una "pacchianata" terrificante il sistema che ti fa fare i traversi...una volta se eri capace bene, seno era una magra figura!
Ritratto di Volpe bianca
8 dicembre 2021 - 11:44
@Flavio8484 d'accordissimo, ho evitato di parlarne per non offrire un assist ai detrattori... :)) già qualcuno (il solito) l'ha paragonata alla model 3....
Ritratto di Porsche_Panamera
8 dicembre 2021 - 12:14
Ma perchè scrivere finalmente torniamo a parlare di auto ed elogiare la splendida RS3 se poi dopo averne parlato finisci comunque per guidare una Suzuki? Se ti piace la RS3 non hai altro da fare che comprarne una ;)
Pagine