PRIMO CONTATTO

Audi A7 Sportback: la sportività c’è, la ricchezza si paga

Ha un pratico portellone e un buon bagagliaio, ma per il resto questa grande berlina è soprattutto sportiva. Ha una linea grintosa, solo quattro posti (e neppure larghissimi), un motore “cattivo” e una tenuta di strada senza pecche. Notevoli le finiture, ma a furia di optional il conto sale…

10 settembre 2010
  • Prezzo (al momento del test)

    € 62.300
  • Consumo medio

    12,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    190 grammi/km
  • Euro

    5
Audi A7 Sportback
Audi A7 Sportback 3.0 V6 TFSI S tronic quattro
Non è un “peso piuma”

L’Audi A7 Sportback sfiora I cinque metri di lunghezza. In compenso, è bassa: 142 cm, più o meno come una coupé. Ne deriva, per questa “strana” berlina di lusso con quattro porte più il portellone, un aspetto particolarmente filante, che la fa sembrare “attaccata” al suolo. Tra i particolari più interessanti, lo spoiler posteriore che sbuca dal portellone oltre i 130 orari (o attivandolo con un tasto sulla plancia) e i fari anteriori: di serie sono a led solo le luci diurne che ne seguono il contorno, ma per 2.130 euro si possono avere con questo tipo di illuminazione anche gli anabbaglianti e gli abbaglianti (invece che allo xeno). La scocca dell’Audi A7 Sportback è nuova e verrà utilizzata anche per la prossima A6 (berlina a quattro porte e famigliare) prevista per metà 2011. Porte, cofani, parafanghi e duomi delle sospensioni anteriori sono in lega d’alluminio per ridurre il peso; obiettivo riuscito solo in parte, perché 1785 kg non sono pochi.

Per cominciare, 14.000 euro di optional

All’interno dell’Audi A7 Sportback si notano subito la qualità dei materiali e la precisione degli accoppiamenti; nell’auto che stiamo per guidare, la sensazione di lusso è evidente. C’è da dire, però, che l’ambiente sarebbe ben più dimesso se non ci fossero optional in quantità: come i sedili in pelle, che costano 2.285 euro (di serie sono in tessuto), il volante a tre razze con le “palette” per cambiare marcia (per 310 euro prende il posto di un brutto “quattro razze”) e il navigatore che si può connettere a internet per usare le immagini “vere” (e non le cartine) di Google Earth (altri 3.325 euro, più 1.030 per il Bluetooth). Che dire, poi, dell’hi-fi Bang&Olufsen? Ha 1200 watt e 15 altoparlanti, con quelli sulle porte coperti da raffinate mascherine in alluminio e i due tweeter per i toni acuti che spuntano sopra la plancia quando si avvia il motore. Fenomenale. Anche nel prezzo, però: 7.095 euro.

Coupé a quattro porte, col vantaggio del portellone

Messo da parte l’elenco degli accessori ci guardiamo meglio intorno, scoprendo che l’altezza ridotta della carrozzeria influisce parecchio sulla forma e sulla vivibilità dell’abitacolo: le sedute vicine al pavimento e i finestrini sottili danno l’impressione di trovarsi in una sportiva, più che in una “berlinona”. Davanti non ci sono problemi di spazio, neppure in larghezza, malgrado l’ampio tunnel centrale; dietro, però, i posti sono solo due e chi supera il metro e ottanta rasenta il soffitto con la testa. La plancia dell’Audi A7 Sportback è piuttosto elaborata e prominente, ma non manca di eleganza; piuttosto, sono criticabili i comandi subito dietro la leva del cambio, che comandano la radio, il navigatore e l’impostazione più o meno “sportiva” di sospensioni (se ad aria: 2.310 euro), sterzo, cambio e motore. Sono complicati da usare e obbligano a guardare in basso; durante la guida, è pericoloso. Passando poi al baule, l’ampio portellone a comando elettrico consente di accedere facilmente a un baule molto lungo, di forma regolare e ben rifinito; gli schienali si possono reclinare, e c’è la botola passante per gli sci.

Va forte e non “molla” la traiettoria

Avviato il motore (il tasto lo si trova dopo un po’, perché non si penserebbe certo di cercarlo a destra della leva del cambio) partiamo con un minimo di circospezione: gli ingombri sono notevoli e la visibilità solo discreta. Apprezziamo molto la presenza dei sensori di parcheggio davanti e dietro, che (ormai è un ritornello) non sono gratis: altri 925 euro. Una volta usciti dal parcheggio, però, ci dimentichiamo rapidamente delle misure e del peso da “barcone” dell’Audi A7 Sportback. Da un lato, ci stupisce la sportività del 3.0 V6 con compressore volumetrico, abbinato al rapido cambio a doppia frizione e sette marce: risponde fulmineo alle accelerate e prende i giri con cattiveria (fin quasi a 7000) e un bel “ringhio”. Dall’altro, in curva registriamo un rollio praticamente nullo e una tenuta di strada “senza se e senza ma”: con la trazione integrale che, in condizioni di buona aderenza, invia il 60% della potenza alle ruote posteriori, il comportamento è “neutro” (cioè non allargano né la coda né il muso) anche in piena accelerazione o in rilascio, per lo meno fino a velocità che non siano proprio “criminali”. Anche qui, comunque, un “aiuto” viene da un accessorio a pagamento: i cerchi di 20”, che per 2.250 euro prendono il posto di quelli di 18” di serie. Probabilmente, però, questi ultimi assorbirebbero meglio le asperità: anche con le sospensioni nella modalità “comfort”, buche e tombini si sentono bene nell’abitacolo.

Spendere per la sicurezza

Per completare il discorso sugli accessori dell’Audi A7 Sportback, ne citiamo un paio decisamente interessanti per quanto riguarda la sicurezza. C’è l’ormai diffuso regolatore di velocità che mantiene automaticamente la distanza dal veicolo che precede (in pratica, si può guidare senza toccare l’acceleratore): costa 2.045 euro. La telecamera a raggi infrarossi che “vede” anche oltre il campo di illuminazione dei fari e riconosce i pedoni, segnalandolo in anticipo al conducente, costa invece 2.365 euro: utilissima per chi viaggia molto di notte.

Secondo noi

PREGI
Finiture. La precisione degli assemblaggi e la cura dei particolari sono notevoli, anche tenendo conto del prezzo.
Prestazioni. L’accoppiata tra il “nervoso” 3.0 TFSI e il rapido cambio a doppia frizione consentono scatti rabbiosi: c’è di che soddisfare i guidatori sportivi.
Tenuta di strada. Davvero elevata: l’A7 mantiene la traiettoria prescelta senza sbavature.

DIFETTI
Abitabilità. L’A7 Sportback ha solo quattro posti, e (dietro) gli spilungoni toccano il soffitto con la testa.
Comandi. Quelli dietro la leva del cambio richiedono un lungo “apprendistato” e sono macchinosi da utilizzare.
Dotazione. Va completata (sborsando parecchi soldi) per renderla adeguata al rango della vettura.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2995
No cilindri e disposizione 6 a V
Potenza massima kW (CV)/giri 220 (300)/5250
Coppia max Nm/giri 440/2900
Emissione di CO2 grammi/km 190
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (aut.-seq.) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 497/191/142
Passo cm 291
Peso in ordine di marcia kg 1860
Capacità bagagliaio litri 535/1390
Pneumatici (di serie) 255/45 R 18
Da fine ottobre saranno disponibili le 3.0 TFSI quattro S tronic e 3.0 TDI quattro S tronic da 245 CV; da gennaio 2011, le 2.8 FSI quattro S tronic e 3.0 TDI multitronic da 204 CV. Infine, a maggio, la 2.8 FSI multitronic. Le S Tronic hanno il doppia frizione a sette marce e la trazione integrale, le multitronic il cambio a variazione continua a otto marce e la trazione anteriore
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
2.8 FSI multitronic n.d. B n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
2.8 FSI quattro S tronic n.d. B n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
3.0 TFSI quattro S tronic 62.300 B 2995 300/220 250 5,6 12,2 190 1860
3.0 TDI multitronic n.d. D n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
3.0 TDI quattro S tronic 60.900 D 2967 245/180 250 6,5 16,7 158 1860
VIDEO
Audi A7 Sportback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
108
68
49
36
57
VOTO MEDIO
3,4
3.421385
318
Aggiungi un commento
Ritratto di bubu
10 settembre 2010 - 13:10
eh...! è logico che si paga! chi compra quest'auto ha i soldi per pagarla... però che auto... mi piace davvero moltissimo! ha una linea aggressiva,moderna,sportiva un pò elegante... bellissima!!
Ritratto di volvo96
10 settembre 2010 - 23:38
però la telecamera dei pedoni 2300 euro allora in rapporto è meglio il pacchetto driver support di volvo da 2200 euro ma è mooolto più ricco no??
Ritratto di bubu
13 settembre 2010 - 09:35
bè si... dipende qual'è il pacchetto che conviene di più per le tue esigenze...
Ritratto di davitonin
10 settembre 2010 - 14:35
1
il frontale può avere linee comuni con gli altri modelli della casa, ma il posteriore è molto originale e personale, è un'auto all'altezza della mole, con interni raffinati, meccanica eccellente, insomma, valle quanto pesa. Ah, dimenticavo, il tergilunotto, non è previsto?
Ritratto di bugatti veyron
10 settembre 2010 - 14:34
il posteriore è veramente bello è il frontale che lascia a desiderare
Ritratto di bubu
10 settembre 2010 - 17:47
perchè lascia a desiderare.. anzi è molto grintoso,moderno, accattivante..
Ritratto di bugatti veyron
10 settembre 2010 - 19:53
perchè a mio mosesto parere non è così originale come il posteriore..solo per questo di certo non dico che sia brutto
Ritratto di bubu
10 settembre 2010 - 19:54
ok ok.. era solo una curiosità...
Ritratto di Triky
10 settembre 2010 - 16:11
Sinceramente è molto piu' bella la nuova CLS!!
Ritratto di P206xs
10 settembre 2010 - 18:31
Il frontale è il solito audi (molto bello e cattivo), gli interni sono molto curati e si vede, ma posteriormente e di lato la trovo sformata e veramente malriuscita....tipo Panamera o serie 5 GT!!
Pagine