PRIMO CONTATTO

BMW Serie 1: sempre sportiva, ma un po’ più comoda

La nuova piccola della BMW punta ancora alla sportività, sia nella linea, sia nella guida; risultato raggiunto, anche per merito del brillante 1.6 turbo a benzina. In più, il comfort migliora parecchio. Ma lo spazio resta risicato. Nelle concessionarie dal 17 settembre.

16 luglio 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    € 31.150
  • Consumo medio

    16,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    137 grammi/km
  • Euro

    5
BMW Serie 1
BMW Serie 1 118i Sport 5 porte
Le somiglianze ci sono

A sette anni dal lancio della prima Serie 1, la più piccola tra le BMW, ecco il modello che, a metà settembre, la manderà in pensione. Completamente nuova, è cresciuta in lunghezza (8,5 cm) e un po’ anche in larghezza (2 cm). Ma le proporzioni rimangono quelle di prima: la carrozzeria è bassa (solo 142 cm) e slanciata, con il cofano motore lungo, l’abitacolo arretrato e la coda piuttosto verticale. Si tratta di un’impostazione originale per una berlina media a cinque porte (la tre porte arriverà, ma non a breve) che non deriva solo da un capriccio degli stilisti: il cofano così grande serve perché la trazione posteriore obbliga a montare il motore in senso longitudinale (occupando più spazio) invece che di traverso (come, invece, è su tutte le concorrenti). Al di là delle somiglianze generali, comunque, la linea è un po’ meno caratterizzata rispetto al vecchio modello, ma anche più semplice, elegante e moderna, e si apprezza di più dal vivo. Il frontale è semplice, con la mascherina a due prese d’aria affiancate tipica delle BMW e gli originali fari a trapezio a dominare la scena. Tutta la carrozzeria è mossa e snellita da profonde nervature: sul cofano motore, sulle fiancate e sulla coda. C’è da dire, poi, che la nuova BMW Serie 1 pare davvero ben piantata per terra: del resto, le carreggiate (le distanze tra le ruote di uno stesso asse) sono aumentate parecchio: 5 cm davanti e 7 dietro. 

Spazio non proprio abbondante

Sportiva fuori, e sportiva dentro questa 118i Sport. Basta mettersi al posto guida per rendersene conto: la seduta è molto bassa e allungata, e su questa Sport ci sono anche un volante dalla spessa corona rivestita in pelle con cuciture rosse e sedili decisamente avvolgenti: fin troppo, per chi è di taglia forte, che soffrirà un po’ anche a causa del tunnel centrale così largo e alto da non lasciare molta libertà di movimento. Rispetto al vecchio modello, l’aumento delle dimensioni esterne e anche del passo (cresciuto di 3 centimetri) lasciano un po’ più di agio a chi siede dietro, ma l’abitabilità rimane sotto la media: il divano molto rigonfio sui lati, l’ingombro del tunnel e lo scarso spazio per le ginocchia rendono la BMW 118i una vettura adatta a ospitare al massimo quattro persone di media statura, se non si vuole viaggiare sacrificati. Va un po’ meglio con il bagagliaio: 360 litri sono 30 più di prima, oltre che una discreta capacità in assoluto. Certo, non ci sono vani supplementari, perché sotto il piano di carico c’è la batteria a occupare ogni centimetro disponibile. Non sono male l’accessibilità (la soglia è piuttosto vicina a terra: 69 cm) e la sfruttabilità: reclinando gli schienali, non si formano scalini che rendono più difficili e faticose le fasi di carico. Per 280 euro, si ottiene lo schienale in tre parti reclinabili (invece di due): così, abbassando la stretta fetta centrale, si può viaggiare in quattro caricando degli sci o delle tavole da surf.

Grande schermo a grande prezzo

Per il resto, l’abitacolo è inconfondibilmente BMW, con la plancia ad andamento orizzontale, l’ampia consolle rivolta verso il guidatore e il cruscotto con due strumenti tondi, abbastanza ben leggibili. La nostra vettura montava il navigatore Professional, che ha uno schermo di 8,8 pollici sulla parte superiore della plancia ed è comandato (in modo abbastanza intuitivo) da un manopolone sul tunnel centrale: costa ben 2.600 euro, ma funziona bene e include una funzione che informa sullo stato del traffico sul percorso impostato, praticamente in tempo reale. Finiture e materiali sono di buon livello, ma si nota qualche piccola economia nelle zone meno in vista (come il baule).

Un motore che spinge sempre

Il motore a benzina della BMW 118i è parente stretto di quello montato sulle ultime Mini Cooper S: un 1.6 con variatore di fase degli alberi a camme, alzata delle valvole variabile, iniezione diretta del carburante, turbo con doppio condotto di alimentazione. Questo po’ po’ di roba gli consente di fornire 170 cavalli costanti da 4800 fino a 6500 giri; una potenza che, secondo la BMW, consent alla 118i di scattare da 0 a 100 km/h in 7,4 secondi, e di raggiungere i 225 km/h. Alla prova dei fatti, si rimane stupiti soprattutto per la prontezza della risposta a tutti i regimi, inclusi quelli più bassi. Il tiro è vigoroso e omogeneo, il rumore sommesso, e anche i consumi ci sembrano sotto controllo: senza andare come lumache, stimiamo di aver percorso 12-13 km/litro (la casa ne dichiara 17,2 in media); a una prossima prova su alVolante i dati precisi di prestazioni e consumi, rilevati con gli strumenti del centro prove.

Gli sportivi si leccheranno i baffi, i passeggeri non soffriranno

Per quanto riguarda la guida, occorre precisare che la BMW 118i Sport che abbiamo guidato montava i cerchi di 18 pollici (1.700 euro), lo sterzo a rapporto variabile (costa 450 euro e fa girare più in fretta nelle curve strette) e l’assetto sportivo M (350 euro; l’auto è più bassa di un centimetro e molle e ammortizzatori sono più duri). Ebbene, c’è di che divertirsi: le variazioni di traiettoria sono progressive ma anche molto rapide, tanto che all’inizio occorre farci un po’ la mano; inoltre, la vettura è ben bilanciata e, anche affrontando le curve alla garibaldina, allarga poco con il muso; la coda può scappare verso l’esterno solo nelle curve molto strette, se si accelera a fondo dopo aver escluso il controllo della stabilità. Quello che, però, si nota di più, è la capacità di assorbire senza grossi scossoni le irregolarità dell’asfalto: non ce lo saremmo aspettati, date le gomme e l’assetto mirati alle prestazioni. Abbiamo poi guidato anche una vettura senza l’assetto M: ha un po’ più di rollio in curva ed è meno fulminea nelle reazioni, ma il comfort migliora ancora, e in misura sensibile. È un bel passo avanti rispetto alla vecchia Serie 1, che era decisamente dura di sospensioni. Chiudiamo segnalando la notevole potenza dei freni e la buona manovrabilità del cambio a sei marce.

Una dotazione da integrare

Sappiamo bene di non essere originali, ma, quando si parla di prezzo e di dotazione delle BMW, è impossibile dire qualcosa di diverso: anche se la macchina costa parecchio, la dotazione ha delle mancanze. Non pretendiamo che siano di serie l’ottimo cambio automatico a otto marce (2.200 euro) o, per quanto siano utili, il sistema che avvisa se si cambia di corsia inavvertitamente (520 euro) e quello che riporta sul cruscotto i limiti di velocità o i segnali di pericolo (330 euro). Non dovrebbero mancare, però, accessori ormai diffusi su auto che costano la metà, come i comandi della radio riportati al volante (190 euro), il Bluetooth e la presa Usb (310 euro) e i sensori di parcheggio posteriori (460 euro); questi ultimi davvero consigliabili, perchè dietro (ma anche di tre quarti anteriore, per colpa dello specchietto esterno) la visibilità è scarsa.

Secondo noi

PREGI
> Guida. La 118i è agile, precisa, bilanciata: ha cinque porte, ma è davvero sportiva. E senza rinunciare troppo al comfort.
> Freni. Sono molto potenti e non hanno ceduto minimamente neppure dopo qualche giro di pista.
> Motore. È potente, ma soprattutto omogeneo e sempre disponibile a riprendere, oltre che silenzioso.

DIFETTI
> Dotazione. Mancano degli accessori che, dato il prezzo, dovrebbero essere di serie.
> Spazio. È migliorato, ma la sostanza non cambia: soprattutto dietro, è meno ospitale delle concorrenti.
> Visibilità. Il lunotto è una fessura, e, nelle curve strette a sinistra, il retrovisore esterno blocca parte della visuale.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 125 (170)/4800
Coppia max Nm/giri 250/1500-4500
Emissione di CO2 grammi/km 137
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione Posteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 4324/1765/1421
Passo cm 2690
Peso in ordine di marcia kg 1370
Capacità bagagliaio litri 360/1200
Pneumatici (di serie) 195/55 R 16
BMW Serie 1
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
165
130
101
75
134
VOTO MEDIO
3,2
3.19339
605
Aggiungi un commento
Ritratto di gig
16 luglio 2011 - 16:47
...avete fatto due errori di seguito nella sezione "pregi e difetti" scrivendo "dotazione" senza evidenziarla come avete fatto con tutti gli altri punti chiave e poi avete scritto: "Spazio. è migliorata...". Intendevate migliorato, spero!!!
Ritratto di GL91
16 luglio 2011 - 17:03
Credo sia "l' auto" che è migliorata, nello spazio.
Ritratto di Maximuss
17 luglio 2011 - 11:33
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di Davide Parente
17 luglio 2011 - 19:06
carissimo Maximuss, innanzitutto salve, volevo dirle che sarebbe più corretto nei confronti degli altri utenti, inserire commenti inerenti al tema del dibattito. in questo articolo si parla di BMW e non di Lexus, quindi non trovo l'utilità del suo commento. inoltre sarebbe gradita anche un po' più di competenza e coerenza, dato che l'auto che si trova nel video, almeno all'inizio, è la Lexus IS, che appartiene ad un altro segmento, ovvero a quello di cui fanno parte le varie Classe C, A4, Serie 3 et cetera. quando si discute di auto si parla di tecnica, meccanica e tecnologia. se magari porgi qualche domanda oppure fai qualche affermazione a livello tecnico sulle Lexus, e magari ti fai valere, avresti un atteggiamento più costruttivo rispetto a quello che hai ora, che altro non è che tifo da stadio immotivato. dimostra che le Lexus sono migliori e allora avrai fatto qualcosa, non questo. distinti saluti.
Ritratto di DaveK1982
18 luglio 2011 - 10:56
7
fa solo dello spam, non vogliono dire nulla i suoi video.
Ritratto di gig
18 luglio 2011 - 21:11
Guarda sopra!!!
Ritratto di akabuster
16 luglio 2011 - 18:59
http://youtu.be/w4A6GU_kqYU
Ritratto di IchLiebeCorsa84
16 luglio 2011 - 20:05
http://www.youtube.com/watch?v=MDwFWSweLFU
Ritratto di marcoVB
18 luglio 2011 - 01:11
è migliorata l'auto, e "auto" è femminile. Non facciamo i professori per favore
Ritratto di lollo76
18 luglio 2011 - 19:35
1
TRA DISOCCUPATI E CASSA INTEGRATI MI SPIEGATE CHI SE LA PUO' PERMETTERE!?!?!?
Pagine