PRIMO CONTATTO

BMW Serie 6 Cabrio: muscoli in abito da sera

Dell’elegante BMW Serie 6 Cabrio (da cui deriva) mantiene la fisionomia, il comfort e la qualità. Ma quando si preme a fondo l’acceleratore, scatena tutta la grinta di una macchina da corsa: per dominare i suoi 560 cavalli senza ricorrere all’elettronica servono abilità ed esperienza.

4 giugno 2012

Listino prezzi BMW Serie 6 Cabrio non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 139.700
  • Consumo medio

    9,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    239 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
BMW Serie 6 Cabrio
BMW Serie 6 Cabrio M6
Nel segno della "M"

Con l’arrivo delle Serie 6 “griffate” Motorsport (il raffinato atelier dove vengono concepite e prodotte le vetture più potenti e sportive della BMW), ormai sono pochi i modelli della casa tedesca che non hanno ancora una versione “M”. Anche questa nuova ammiraglia “scoperta” (che abbiamo avuto modo di provare in pista), condivide la carrozzeria con la Serie 6 Cabrio, ma è stata completamente ripensata nella meccanica e nell’assetto, oltre che dotata di un look più aggressivo. Nella M6 convivono eleganza e lusso senza compromessi con prestazioni da vettura da corsa, anche se, a ben guardare, a causa della massa largamente superiore ai 2000 kg, oltre che per la lunghezza di quasi cinque metri, non la si può considerare propriamente una sportiva pura. La prima ad arrivare nelle concessionarie (al prezzo di ben 139.700 euro) è proprio la versione Cabrio, mentre per la Coupé bisogna pazientare fino all’autunno.

Anche l'occhio vuole la sua parte

Data l’incontenibile esuberanza del motore, non è un caso che la BMW abbia deciso di presentare la M6 Cabrio fra le confortanti “mura” dell’autodromo di Misano: un circuito che con le sue tecniche “esse” e i curvoni veloci da “pelo sullo stomaco” ci ha permesso di verificare in sicurezza l’equilibrio della nuova “sportiva in abito da sera” della casa bavarese. I punti di forza della BMW M6 Cabrio sono numerosi già a partire dall’estetica, elegante e armonica, con una fiancata pulitissima percorsa da evidenti nervature, un lungo cofano e un frontale penetrante, reso ancora più “cattivo” da ampie prese d’aria con griglie nere e da vistosi “baffi” aerodinamici. Non meno aggressiva la coda, dove al posto dei due terminali di scarico trapezoidali, spiccano i quattro grintosi silenziatori tondi tipici delle “M”.

Coccolati davanti, sacrificati dietro

Come per le altre Serie 6 Cabrio, la capote in tela, che isola molto bene l’abitacolo dall’esterno, si aziona elettricamente (si apre in 19 secondi e si richiude in 24) anche con la vettura in movimento fino alla velocità di 40 km/h, e rientra completamente nella parte posteriore della carrozzeria, dietro i sedili posteriori. In aggiunta, il lunotto in cristallo della BMW M6 Cabrio si può azionare indipendentemente dalla capote. L’unica limitazione dovuta alla capote riguarda i larghi montanti posteriori, che limitano parecchio la visibilità in manovra (ma i sensori di distanza sono di serie). Curato come un confettino l’abitacolo, che risulta accogliente e dotato di sedili sportivi ampi e comodi, che trattengono bene il corpo in curva, e che grazie alle ampie regolazioni elettriche permettono di trovare facilmente la posizione di guida ideale. Agli antipodi i sedili posteriori: risultano infossati e praticamente privi di spazio per le gambe (specie se, chi siede davanti, regola il sedile in posizione arretrata).

Quanti optional a pagamento!

La BMW M6 Cabrio è proposta in un unico allestimento, peraltro decisamente completo sotto il profilo della dotazione (il che è il minimo per una vettura che sfiora i 140.000 euro). Di serie, fra l’altro, gli interni in pelle Merino, i sedili sportivi M riscaldati, l’Active Cruise Control con funzione frenante, il “clima” bizona, i sensori di parcheggio, il navigatore con monitor di 8,8”, i fari bixeno e adattativi a led, e i cerchi in lega di 19”. Peccato, però, che oltre a una nutrita lista di optional sfiziosi (come il sistema Night Vision con telecamera termica che scandaglia il buio – a 2.270 euro – o l’Head Up Display che proietta le informazioni del cruscotto anche sul parabrezza, a 1.420 euro), si debbano pagare a parte accessori come l’avvisatore di cambio accidentale di corsia (710 euro), l’adattatore per smartphone (120), o l’interfaccia Bluetooth per cellulare e servizi telematici (ben 810 euro), spesso offerti di serie anche dalle utilitarie.

Motore e prestazioni da corsa

Sviluppata negli atelier della M (il reparto sportivo della BMW) e lungamente collaudata al Nürburgring, sul fronte della meccanica la  BMW M6 Cabrio  risulta decisamente esclusiva. Il suo 4.4 è sovralimentato tramite due turbocompressori twin scroll (con collettori d’ingresso dei gas di scarico sdoppiati) disposti nella V fra le due bancate di quattro cilindri ciascuna e corredato di sistema di iniezione diretta ad alta pressione (200 bar) e di distribuzione bialbero con fasatura variabile delle valvole (Valvetronic con Doppio Vanos). Un motore che definire esuberante è poco, visto che eroga ben 560 CV da 6000 a 7000 giri e che grazie alla coppia massima di 680 Nm praticamente costante nell’arco compreso fra 1750 e 5750 giri, è in grado di far spuntare alla M6 prestazioni eccezionali: un’accelerazione che incolla al sedile anche in terza marcia, e che con lunghe scodate permette di passare da 0 a 100 km/h in appena 4,3 secondi (dato dichiarato). Secondo la BMW, la velocità massima (autolimitata) è di 250 km/h, ma se si acquista il pacchetto optional M Driver’s Package può arrivare – sempre secondo il costruttore - a 305. Il V8 della BMW M6 Cabrio spinge forte da appena 2000 giri, si scatena dopo i 4000 giri e allunga come una furia fino all’intervento del limitatore, a 7250 giri, assecondato dal fulmineo cambio robotizzato a sette marce e a doppia frizione, che dispone anche del programma di gestione Drivelogic e del sistema Launch Control (garantisce spunti da Formula 1).

Si dare del lei

Non dà subito confidenza, la BMW M6 Cabrio. Ed è un bene, perché con tutti quei cavalli e la formidabile prontezza di erogazione alla minima pressione sull’acceleratore, permette di raggiungere velocità fra una curva e l’altra che possono prendere in contropiede anche i guidatori più abili. Per la verità, fino a che si tengono attivi gli efficaci (e numerosi) controlli elettronici di stabilità, non ci sono problemi, tanto che la potrebbe guidare senza correre rischi anche un neopatentato, ma quando li si disinserisce, complice la notevole massa, sfruttare la vettura a fondo diventa cosa esclusivamente da piloti esperti. A ulteriore tutela della sicurezza, vigila un impianto frenante all’altezza della situazione, potente e modulabile, anche se nell’impiego intenso in pista i dischi anteriori mostrano di soffrire lo stress (diventano rumorosi), pur senza perdere troppa efficacia.

Esce di curva "spazzolando" la strada

Anche a causa della massa e delle dimensioni abbondanti, la BMW M6 Cabrio non rappresenta la quintessenza dell’agilità, ma offre comunque una guida sincera e prevedibile. Lo sterzo è solido anche a elevata andatura, nonché pronto e diretto, e garantisce inserimenti in curva davvero progressivi e di alta precisione. Se si forza troppo l’ingresso in curva, si manifesta un certo sottosterzo che può essere facilmente compensato riducendo l’angolo del volante e agendo progressivamente sull’acceleratore: in questo modo ci si produce in gloriose scodate di potenza. Certo la guida in sovrasterzo è gratificante ma non sempre redditizia, e se si considera che coi controlli elettronici disinseriti il retrotreno può partire per la tangente anche nei curvoni da terza o quarta marcia, si capisce che è bene non esagerare con la  BMW M6 Cabrio. In compenso, l’assetto è quasi impeccabile con trasferimenti di carico sempre misurati anche quando si guida “sporchi”, e con sospensioni che si adattano al meglio alla guida e alle sollecitazioni imposte dalla morfologia del fondo stradale.

Tanti ausili per divertirsi in sicurezza

Insomma, con questa  BMW M6 Cabrio  si vola fra una curva e l’altra, contando su un equilibrio sorprendente, su un telaio che fa sempre capire al pilota quello che succede sotto le ruote e su una confortante prontezza nel recepire le correzioni. Oltre che su un autotelaio raffinato e su sospensioni elettroniche (M Dynamic Damper Control) di alto livello, l’ultima BMW può contare sul differenziale autobloccante attivo M (variabile dallo 0 al 100%), sul controllo elettronico della stabilità DSC con M Dynamic Mode, sullo sterzo M Servotronic, e sulla possibilità di regolare su tre livelli la risposta di acceleratore, sospensioni, sterzo, cambio e controllo dinamico della stabilità, memorizzandoli in due setup predefiniti richiamabili con due pulsanti nel volante.

Secondo noi

 PREGI 
> Sospensioni. Offrono sempre una risposta adeguata all’andatura e alle condizioni del fondo.
> Cambio. Le sette marce entrano rapide e nette come fucilate, sia in accelerazione sia in scalata. 
> Motore. Ha una forza inesauribile e spinge con veemenza da 2000 fino a 7200 giri. 

DIFETTI 
> Rumorosità freni. Nell’impiego in pista al limite i dischi anteriori manifestano un certo stress diventando rumorosi. 
> Visibilità. Nel “tre quarti posteriore” è limitata dai larghi montanti della capote.
> Dotazione. Alcuni accessori (che spesso sono di serie in alcune utilitarie) dovrebbero essere inclusi nel prezzo.

> I prezzi aggiornati della BMW Serie 6 Cabrio

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 4.395
No cilindri e disposizione 8
Potenza massima kW (CV)/giri 412 (560)/6000
Coppia max Nm/giri 680/1500-5750
Emissione di CO2 grammi/km 239
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizzato a doppia frizione) + retromarcia
Trazione Posteriore
Freni anteriori  
Freni posteriori  
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 489/190/137
Passo cm 286
Peso in ordine di marcia kg 2055
Capacità bagagliaio litri 300/350
Pneumatici (di serie)  -
 
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
640i 87.750 benzina 2.979 320/235 250 5,7 12,7 185 0
640i Futura 94.500 benzina 2.979 320/235 250 5,7 12,7 185 0
650i 103.100 benzina 4.395 408/300 250 5,0 9,3 249 0
650i xDrive 106.550 benzina 4.395 408/300 250 4,9 8,8 266 0
650i Futura 107.750 benzina 4.395 408/300 250 5,0 9,3 249 0
650i xDrive Futura 109.400 benzina 4.395 408/300 250 4,9 8,8 266 0
M6 139.700 benzina 4.395 560/412 250 4,8 9,7 239 0
640d 92.000 gasolio 2.993 313/230 250 5,6 17,9 147 0
640d xDrive 95.500 gasolio 2.993 313/230 250 5,4 16,9 154 0
640d Futura 98.750 gasolio 2.993 313/230 250 5,6 17,9 147 0
640d xDrive Futura 100.450 gasolio 2.993 313/230 250 5,4 16,9 154 0
BMW Serie 6 Cabrio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
29
22
12
4
12
VOTO MEDIO
3,7
3.65823
79
Aggiungi un commento
Ritratto di Rossi Tommaso
4 giugno 2012 - 18:03
bella l'auto ma nn il colore......ora nn c'entra niente ma l'altro giorno ho visto una fiat 500l su strada avorio con tetto nero...era veramente carina...solo che nn sono riuscito a fotografarla la velocità k andava...SOB!!
Ritratto di Motorsport
4 giugno 2012 - 22:10
un vero missile... però preferisco la M6 coupè.... la gente che parla della ''scarsa'' qualità degli interni BMW qua puo solo stare zitta.... la nuova serie 6 gran coupè e molto più superiore come qualità degli interni rispetto alla cls, A7!!! vedere per credere....
Ritratto di Bmw Xdrive
5 giugno 2012 - 16:31
comunque concordo al 100% con te!!!!!!!!! anche se ce da dire che la cls non puo essere paragonata ala grancoupè perchè costa molto di meno.
Ritratto di follypharma
4 giugno 2012 - 18:19
2
a quel prezzo non la comprerei mai.... Dieci volte piu' bella una Maserati gran cabrio ...qualche cv in meno, ma molti chili in meno (200 se non erro e non son pochi) e una classe e stile di un altro pianeta, con un prezzo simile anzi forse meno... Per nonparlare del fatto che questa macchina usata di un anno vale la meta' (il che non e' un cambiamento di poco conto su 140 000 euro iniziali) mai, non la comprerei mai..
Ritratto di onlyroma
4 giugno 2012 - 19:52
Se ragionassimo con il cervello,questa bmw a questi prezzi rimanebbe in fabbrica invenduta.
Ritratto di studiolp
5 giugno 2012 - 09:52
se ragionassimo con il cervello tutte le auto di questo livello rimarrebbero invendute...e comunque questa è davvero una gran bella macchina e con (finalmente) ottimi interni
Ritratto di Carlo Recla
5 giugno 2012 - 12:28
Certo, un'auto bellissima e curatissima... ma la cifra richiesta mi sembra assolutamente esagerata. E se è vero che al cuore non si comanda, può darsi che altri marchi, come per esempio Maserati non a torto citato, forse emozionano di più. Ma chi parcheggiasse la sua fiammante Flavia cabrio accanto a questa BMW, certo onestamente riconoscerebbe di avere un'auto non altrettanto valida, ma nemmeno così tanto diversa (e con oltre centomila euro risparmiati)!
Ritratto di Motorsport
5 giugno 2012 - 16:52
e che ca..o è maserati gran cabrio..... se ci mettiamo a confrontare la M6 con una povera maserati.... allora non capite niente di auto... la maserati e inferiore in TUTTO alla M6.... e quando dico in tutto e tutto...... non c'è trippa per gatti... la maserati non ha la meccanica e la tecnologia per compettere con un missile del genere... anche come qualità al interno la M6 e MOLTO superiore... per 140mila euro una macchina alla sua altezza io non lo trovo.... chi sale su una serie 6 coupè o cabrio rimane senza parole... FANTASTICA... vedere per credere
Ritratto di viva fiat
5 giugno 2012 - 21:11
Ne ho una nel mio studio di design a Mirafiori. E' grande ma non paragonabile con Gran Cabrio che pesa di meno, è artigianale e più veloce e vistosa. Comunque ineccepibile, anche se la Cls ha interni migliori
Ritratto di follypharma
6 giugno 2012 - 09:51
2
per non parlare del fatto che la serie 6 a parte il super motore monta telaio scocca e sospensioni di grande serie derivati dalla serie 5 e in parte serie 7 ( e che ne causano il grande peso) mentre la Maserati monta sospensioni e telaio di un auto da pista ... Ora non per fare un commento ai giornalisti, ma quando parlano della gran cabrio sottolineano che e' un po pesante ( e pesa 1800 kg), mentre della m6 che SUPERA le 2 tonnellate invece.... Il motore non fa da solo un auto, freni telaio e sospensioni sono altrettanto importanti .. Se poi parliamo di estetica, beh quella e' soggettiva, idem per gli interni. Voglio vedere a rivendere una m6 di due anni o una gran cabrio di due anni ... quale delle due si e' svalutata meno.. no no ... nessun paragone, la m6 non la prenderei MAI a 140000 euro
Pagine