PRIMO CONTATTO

BMW Serie 6 Coupé: veloce e comoda, ma a che prezzo!

Silenziosa e comoda (solo davanti) quasi come una limousine, la super-coupé della BMW ha prestazioni elevatissime (al pari del suo prezzo), ma non è nata per andare in pista. Rifinita con la massima cura, richiede però di aprire ancora di più il portafogli per integrarne la dotazione.

11 ottobre 2011

Listino prezzi BMW Serie 6 Coupé non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 89.388
  • Consumo medio

    18,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    143 grammi/km
  • Euro

    5
BMW Serie 6 Coupé
BMW Serie 6 Coupé 640d Futura
Ha dei “trucchetti” che la alleggeriscono la vista

Con i suoi quasi cinque metri di lunghezza, questa elegante coupé non si può certo definire “compatta”. Eppure, grazie al lungo cofano e al parabrezza molto inclinato, la linea è filante. A ciò contribuiscono anche soluzioni come il montante centrale nascosto dietro i vetri o la cornice cromata attorno ai finestrini. Rispetto alla generazione precedente, è più elegante (specie dietro, dove si nota anche un accenno di coda), benché meno originale. Ovviamente, condivide questa maggiore eleganza con la sua “sorella” cabrio: leggi qui il primo contatto. Della versione scoperta, questa BMW conserva anche gli interni: impeccabili negli accoppiamenti e nelle finiture, non brillano certo per originalità, ma hanno anche tutti i comandi a portata di mano. Davanti, lo spazio non manca e i due occupanti stanno comodi, soprattutto scegliendo i sedili Comfort (più avvolgenti, sono entrambi a regolazione elettrica, ma costano anche la bellezza di 2269 euro). Peggio va a chi è seduto dietro: si sta in basso, quasi infossati, e due adulti riescono a prendere posto solo se chi si siede davanti concede un po’ di spazio per le gambe. Inoltre, nonostante le ampie porte, il tetto basso costringe a qualche contorsione per entrare. E il bagagliaio? Il baule della 640d, a differenza di quello della cabrio, non deve accogliere la capote quando l’auto viaggia scoperta, e quindi è capiente; per due, s’intende…

Il lusso costa e gli optional ancora di più

Con il recente “aggiustamento” dell’Iva, l’auto da noi provata parte da 89.388 euro: certo non pochi, anche se adeguati alla classe della vettura. Troppi, però, sono i dispositivi (anche legati alla sicurezza) che risultano come optional: dal sistema Active Cruise Control Stop & Go che regola la velocità in funzione del veicolo che ci precede fino ad arrestare l’auto (2.017 euro), al Night Vision, un rilevatore termico che segnala al buio la presenza di pedoni o animali prima che questi vengano illuminati dai fari (2.269 euro). E se di questi optional si può fare a meno, meno giustificabile appare la mancanza di serie dei fendinebbia (222 euro per quelli a led) o di una presa Usb per ascoltare la musica digitale (313 euro). Se non altro, nella più ricca versione Futura i sensori di parcheggio anteriori e posteriori (quasi indispensabili, data la ridotta visuale in retromarcia) e il navigatore sono di serie.

Un “muscoloso” biturbo-diesel

Appena entrata in listino, la 640d è l’unica versione nella gamma proposta con un motore a gasolio. A dispetto del nome, però, il motore ha tre litri di cilindrata, sei cilindri in linea e due turbo. Una “ricetta” che, secondo la BMW, imprime all’auto un’accelerazione fulminea (da 0 a 100 km/h in soli 5,5 secondi) e una velocità massima di 250 km/h autolimitati: praticamente le stesse prestazioni promesse dalla 640i, che monta un altro 3.0, sempre turbo e con sei cilindri in linea, ma a benzina (secondo la casa, la 640i è più rapida nello scatto di appena un decimo di secondo ma ha ben 180 Nm di coppia in meno). Inutile dire che, con quasi 1800 kg da portarsi appresso e vista la potenza in gioco, i 18,2 chilometri con un litro di gasolio promessi dalla 640d difficilmente troveranno riscontro su strada. E il peso si sente soprattutto nella guida “col coltello fra i denti”: nonostante l’Integral Active Steering (le ruote posteriori sterzano fino a un massimo di tre gradi per aiutare a curvare meglio), questa BMW rimane una grossa e potente coupé e non certo una leggera sportivetta. Perfettamente accordato alla vettura è invece il cambio automatico a otto velocità (di serie): i suoi passaggi di marcia sono delicati e senza strappi, anche nelle accelerazioni più rapide, e ciò rende la guida fluida e riposante, persino selezionando la modalità Sport (le marce vengono mantenute più a lungo) o Manuale (si seleziona il rapporto dalla leva nel tunnel o con le palette dietro il volante). Dove la 640d è un po’ in imbarazzo, è in città e nelle strade più strette, a causa della sua mole. L’autostrada, invece, è il suo “pane”: il motore è praticamente inavvertibile anche a freddo e spinge con vigore qualunque sia la marcia inserita. Grazie poi alla curata insonorizzazione, con questa vettura si possono affrontare viaggi lunghissimi e arrivare a destinazione freschi come una rosa. Elevatissimi i limiti di tenuta in curva dove, anche a velocità sostenuta, si ha sempre la sensazione di avere il controllo del mezzo, grazie anche al ridotto coricamento laterale.

Secondo noi

PREGI
> Cambio. Dolce, rapido e con i comandi al volante di serie. È abbinato al sistema Start/Stop, che spegne il motore al semaforo e lo riavvia al rilascio del freno.
> Comandi. Sono tutti sottomano e la grafica è intuitive.
> Interni. Raffinati e funzionali: con la 640d è un bel viaggiare...

DIFETTI
> Abitabilità posteriore. Il padiglione basso impone qualche sacrificio per entrare, lo spazio per le gambe è risicato e si viaggia pure un po’ infossati.
> Dotazione. Troppi gli accessori che si pagano a parte, e alcuni li hanno di serie anche le utilitarie.
> Visibilità. Le retromarce si effettuano “alla cieca”: nella Futura i sensori di parcheggio sono di serie, altrimenti c’è da sborsare più di 800 euro.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2993
No cilindri e disposizione 6 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 230 (313)/4400
Coppia max Nm/giri 630/1500-2500
Emissione di CO2 grammi/km 143
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (aut.-seq.) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 489/189/137
Passo cm 286
Peso in ordine di marcia kg 1715
Capacità bagagliaio litri 460/n.d.
Pneumatici (di serie) ant. 245/45 R18
Pneumatici (di serie) post. 275/40 R18
La nuova BMW Serie 6 Coupé è disponibile con tre motori sovralimentati: a benzina, sono il 3.0 a sei cilindri in linea da 320 CV della 640i e il 4.4 V8 da 408 CV. L'unico diesel disponibile, invece, è il 3.0 a sei cilindri in linea da 313 CV della 640d. Tutti i motori sono abbinati alla trazione posteriore e al cambio automatico a otto rapporti. Per la sola 650i si può avere anche la trazione integrale.
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
640i 78.448 B 2979 320/235 250 5,4 13,2 177 1660
640i Futura 85.153 B 2979 320/235 250 5,4 13,2 177 1660
650i 93.825 B 4395 408/300 250 4,9 9,5 245 1770
650i Futura 98.463 B 4395 408/300 250 4,9 9,5 245 1770
650i xDrive 97..253 B 4395 408/300 250 4,8 8,8 262 1920
650i xDrive Futura 100.077 B 4395 408/300 250 4,8 8,8 262 1920
640d 82.683 D 2993 313/230 250 5,5 18,2 143 1715
640d Futura 89.388 D 2993 313/230 250 5,5 18,2 143 1715
BMW Serie 6 Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
59
39
14
4
11
VOTO MEDIO
4,0
4.031495
127
Aggiungi un commento
Ritratto di Giuse90
11 ottobre 2011 - 11:32
Che bella macchina!!
Ritratto di Mister Grr
11 ottobre 2011 - 12:19
comunque è una gran bella macchina.
Ritratto di osmica
11 ottobre 2011 - 12:51
Se spendi 89.388€, spendi altri 222€. Hai fatto 30, fai 31. P.s. E' una scelta per chi vuole risparmiare un po' sull'acquisto di questa vettura (e' pure diesel, 18,2 km/l!!!). ( e francamente, i fendi non servono a nulla se non ad abbagliare gli altri)
Ritratto di Mister Grr
11 ottobre 2011 - 13:43
non è la prima parola che mi viene in mente. I fendinebbia personalmente li ritengo indispensabili (da me c'è spesso la nebbia in autunno-inverno)! 18,2 km/l...ah già! ahahah
Ritratto di osmica
11 ottobre 2011 - 13:50
Era ironico... :) Fendinebbia: li ho usato, solo in nebbia fitta (per fortuna da me poche volte), e i benefici erano minimi. I fastdi invece, quando c'e' una leggera pioggerellina o una "nebbia" appena accenata, da parte degli "altri" sono molti. Spesso questi fari sono storti (basta un piccolo urto con il marciapiede), e sono indirizzati in tutte le parti tranne dove dovrebbero essere puntati. Penso che e' molto meglio dei fari meglio progettati. Del resto alcune Case (come la Volvo) hanno abbandonato i fendi, si risparmia di piu' progettando dei fari migliori che producendo i fendi inferiori.
Ritratto di gig
11 ottobre 2011 - 13:53
... sai perchè la mia i10 ha i fari che si dirigono un pò verso destra? Grazie.
Ritratto di Mister Grr
11 ottobre 2011 - 14:00
comunque sì, anche io ho avuto gran beneficio quando la nebbia non era spaventosa...ma, ahimè, qualcuno usa i fendinebbia come se fossero degli abbaglianti!
Ritratto di Mister Grr
11 ottobre 2011 - 14:02
a destra? O_O
Ritratto di volvo96
14 ottobre 2011 - 19:46
volvo ha abbandonato i fendinebbia perchè i fari fanno anche da fendinebbia
Ritratto di gig
11 ottobre 2011 - 14:02
qUESTO è vero.
Pagine