PRIMO CONTATTO

Cadillac XT4: pensa molto ai passeggeri, meno ai bagagli

Le forme decise e squadrate danno personalità alla Cadillac XT4, la nuova suv che col 2.0 diesel garantisce riprese pronte (a prezzo di un certo rumore). Il lussuoso abitacolo è ampio, lo spazio per le valigie non è un granché.
Pubblicato 11 dicembre 2020
  • Prezzo (al momento del test)

    € 46.940
  • Consumo medio (dichiarato)

    14,5 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    176 grammi/km
  • Euro

    6d
Cadillac XT4
Cadillac XT4 2.0 TDI Sport AWD
Imponente e grintosa

Tutta nuova, e realizzata su una inedita piattaforma, la Cadillac XT4 ha lo stile tipico della casa americana, con linee nette e forme squadrate. La parte anteriore è caratterizzata dal cofano alto e quasi piatto, dai sottili fari full led che si prolungano verso il basso e dalla grande mascherina che, sulla versione Sport che abbiamo guidato, è di colore nero (come le modanature attorno ai finestrini e le maniglie delle porte). Sulla Luxury, invece, questi particolari sono in alluminio satinato. I cerchi di 20 pollici sono d’effetto; si tratta di un optional, proposto a 1.230 euro (di serie, quelli di 18”). Di aspetto “solido” è pure la parte posteriore, con i grandi fanali a forma di “L” che si estendono fino quasi a lambire il vano porta targa; il lunotto inclinato (con un accenno di spoiler alla base)  e i montanti posteriori del tetto ampi non favoriscono certo la visibilità: per fortuna, pagando 1.430 euro (pacchetto Enhanced Visibility, che comprende anche il parcheggio assistito) si possono avere la telecamera con vista dall’alto a 360 gradi e la retrocamera, che danno una grossa mano.

Lo spazio non manca… bagagliaio escluso

Gli interni della Cadillac XT4 colpiscono subito per la sensazione di spazio (anche il divano è molto ampio e comodo) e per l’atmosfera gradevole. Si è circondati da materiali piacevoli alla vista e al tatto; la plancia, di impostazione tradizionale, è ben assemblata e rivestita in pelle (compresa la consolle centrale), così come i sedili, che sono accoglienti e lussuosi, vantano tante regolazioni elettriche (supporto lombare incluso) e possono essere dotati della funzione di massaggio (1.280 euro). Il display centrale (tattile, di 8”) comanda il sistema multimediale, che permette l’integrazione con gli smartphone tramite Apple CarPlay e Android Auto; il cruscotto  digitale (con schermo di 8”) è a pagamento (1490 euro, insieme al caricabatterie wireless nella consolle e allo ionizzatore dell'aria dell’abitacolo). Completano la dotazione “tecnologica” quattro prese Usb e tre a 12 volt.

Da segnalare che alcuni comandi della Cadillac XT4 sono poco pratici: il tasto delle “quattro frecce”, nella parte bassa della consolle, non si distingue a prima vista dagli altri, e quello per azionare il freno a mano elettronico, sulla sinistra della plancia, è poco visibile al guidatore, e irraggiungibile dai passeggeri. Più a portata di mano, accanto al portalattine, il pulsante “mode” con cui si gestiscono le modalità di guida (Tour, Sport e AWD, che mantiene sempre inserita la trazione integrale). Ben rifinito il bagagliaio, che ha il portellone motorizzato di serie ma la soglia di carico a ben 78 cm da terra e una capienza solo sufficiente: si va da 637 litri a divano su (il valore sembra elevato, ma va considerato che la Cadillac dichiara il valore fino al soffitto e non al tendalino, come fanno gli altri costruttori) a 1385 litri a divano giù. Sotto il piano c’è un vano abbastanza capiente, ma di forma molto irregolare e quindi poco sfruttabile, che ospita il kit gonfia e ripara.

Buona sicurezza

La Cadillac XT4 monta di serie i più importanti sistemi di aiuto elettronico alla guida, tra i quali il riconoscimento della segnaletica stradale, il mantenimento in corsia, la frenata automatica anche in presenza di pedoni, il sedile guidatore con dispositivo Safety Alert (il sedile vibra per avvisare del rischio di collisione) e l’head-up display. Optional è il cruise control adattativo (970 euro, nel Driver Assist Package, che comprende anche la frenata automatica e il segnalatore di veicoli in arrivo quando ci si deve immettere su una strada uscendo in retromarcia).

Punta sul comfort, ma sa “tirare fuori le unghie”

Il  2.0 diesel della Cadillac XT4 è stato progettato a Torino presso il Global Propulsion Systems, che fino a inizio 2020 era di proprietà della General Motors (a cui appartiene la Cadillac). Nato specificamente per il mercato europeo, eroga una coppia massima di 381 Nm, disponibile già a 1.500 giri. In effetti, già a questo regime il quattro cilindri risponde con prontezza e vivacità: l’impressione è che il tempo dichiarato nello “0-100” (10,6 secondi, piuttosto alto) si possa migliorare facilmente. Il motore è rumoroso in fase di accelerazione, ma in autostrada, a velocità codice, si sente appena (“sonnecchia” a 1850 giri); l’abitacolo è poi molto ben insonorizzato contro i fruscii e il rumore dei rotolamento delle gomme. La trazione è integrale, con due frizioni multidisco a controllo elettronico a gestire l’eventuale invio della coppia motrice alle ruote posteriori, mentre il cambio è un automatico a 9 rapporti rapido ma non brusco negli innesti, sia in progressione che in scalata (è utilizzabile anche manualmente, in modalità sequenziale, grazie alle palette dietro il volante).

La Cadillac XT4 non è certo un’auto sportiva ma se la cava bene anche quando si desidera aumentare un po’ il passo: selezionando la modalità Sport  la guida diventa più dinamica, e senza penalizzare troppo il comfort. Lo sterzo diventa più pesante, l’acceleratore più reattivo alle sollecitazioni e le sospensioni più rigide (se è presente l’Active Sport Suspension, a 970 euro: si tratta del controllo elettronico dello smorzamento, che sfrutta sensori elettronici che monitorano ogni 2 millisecondi le condizioni della strada). Tuttavia, complice il peso elevato, con la guida sportiva è facile far salire parecchio i consumi di gasolio; se non si esagera con l’acceleratore, invece, i 14,5 km/l di omologazione, in percorsi misti, sono “a portata di piede”, stando alle indicazioni del computer. Sempre notevole la sensazione di sicurezza che comunica la vettura, grazie anche al retrotreno realizzato nella raffinata architettura multilink, e che segue fedelmente l’avantreno senza mai mettere in difficoltà. Potente la frenata, con pedale dalla corsa molto corta (da notare che la XT4 è anche la prima Cadillac ad introdurre la frenata elettro-idraulica).

Secondo noi

PREGI
Abitabilità. C’è spazio per far viaggiare comodamente cinque adulti.
Comfort. Sospensioni valide e sedili molto accoglienti: i chilometri passano senza affaticare.
Finiture. I materiali sono raffinati e assemblati con cura.

 DIFETTI
Bagagliaio. La capacità è limitata e la soglia di carico è troppo alta da terra.
Comandi. Poco pratici quelli del freno a mano elettronico e delle “quattro frecce”.
Visibilità posteriore. Lunotto inclinato e ampi montanti posteriori del tetto limitano molto il campo visivo: la telecamera a 360 gradi dà una mano, ma è a pagamento.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 128 (174)/3500 giri
Coppia max Nm/giri 381/1500-2750
Emissione di CO2 grammi/km 176
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 9 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 200
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,6
Consumo medio (km/l) 14,5
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 459/188/161
Passo cm 278
Peso in ordine di marcia kg 1768
Capacità bagagliaio litri 637/1385
Pneumatici (di serie) 235/55 R18
Cadillac XT4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
32
32
20
24
39
VOTO MEDIO
3,0
2.959185
147


Aggiungi un commento
Ritratto di RubenC
11 dicembre 2020 - 13:08
1
Preferisco la linea delle concorrenti tedesche...
Ritratto di marcoveneto
11 dicembre 2020 - 16:55
Anche io...
Ritratto di v8sound
11 dicembre 2020 - 22:02
Mi associo...
Ritratto di Miti
15 dicembre 2020 - 00:37
1
Un auto completamente inutile.
Ritratto di ELAN
15 dicembre 2020 - 11:35
1
Monopattino?
Ritratto di Carlover91
30 gennaio 2021 - 15:41
Meglio scegliere direttamente un'altra categoria di auto, i SUV, ormai, sono ovunque...
Ritratto di Oxygenerator
11 dicembre 2020 - 13:58
Bruttarella forte.
Ritratto di AndyCapitan
16 dicembre 2020 - 22:13
1
ma perche???...a me pare meglio delle tedesche...sia come linee che come interni...ha finiture pazzesche e parecchi optionals gia' dal modello base.....cose che le tedesche non danno proprio come lo specchietto retrovisore telecamera e regolatore tre velocita' apertura portellone posteriore elettrico, ma anche molto altro!....andate a vederla bene nei video o dal vivo...merita davvero!....il motore diesel e' progettato a torino e costruito in germania..... ma pare sia un po troppo rumoroso....meglio aspettare il 2.0 a benza che dovrebbe esordire a gennaio....magari si potrebbe girare a GPL.....
Ritratto di 82BOB
11 dicembre 2020 - 14:02
Per carità, ci sono tante vetture peggiori, non mi sento di criticarla senza averla mai vista, ma dalle foto sembra un'auto venuta dal passato... la parte telaistica, immagino, sia di livello come tutta la produzione GM "de sgaggio", e la dotazione risulta di tutto rispetto, ma il "vestito" (fari piagnucolanti a parte), gli interni e, soprattutto, i motori fanno pensare a una vettura di 10÷20 anni fa... non ci sono alternative gasate o elettrificate e presumo che questo 2.0 a nafta progettato in quel di Torino sia figlio dei multijet FIAT-Opel... Per me è valida ma poco affascinante e, soprattutto, con motorizzazioni inadeguate: se tireranno fuori dal cilindro una versione ibrida, facendo attenzione a non ridurre ulteriormente il bagagliaio, il fascino esotico e il blasone del marchio potrebbero far breccia su una clientela più tradizionalista.
Ritratto di Giuliopedrali
11 dicembre 2020 - 17:49
Ricordiamoci anche solo della super fortunata Cadillac BLS fatta solo per l'Europa perfino 1.9 jtd Fiat e pure SW fatta in Svezia negli stabilimenti SAAB GM, forse il più grande insuccesso della storia...
Pagine