PRIMO CONTATTO

DS 3 Crossback: raffinata, comoda e… silenziosa

La piccola crossover DS3 Crossback convince anche nella versione elettrica E-Tense: è comoda, ben insonorizzata e pur con “soli” 136 CV, offre un buono spunto. Migliorabile l’accesso al baule.

Pubblicato 22 ottobre 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 40.800
  • Autonomia

    320 km
  • Tempo di ricarica

    7,5 ore
  • Capacità batteria

    50 kWh
DS 3 Crossback
DS 3 Crossback E-Tense Performance Line
Elettrica, ma non si vede

La DS3 Crossback E-Tense è la versione elettrica della piccola crossover francese. La carrozzeria non differisce da quella delle varianti con il motore termico: grande mascherina esagonale, fari lunghi e sottili, luci diurne verticali, maniglie nascoste nelle portiere (fuoriescono avvicinandosi all’auto con la chiave in tasca). Invariati anche i sottili sfoghi d’aria laterali nel paraurti posteriore, che sono finti, ma contribuiscono a dare un aspetto ancora più grintoso. I sottili fanali orizzontali uniti da un elemento cromato, impreziosiscono la parte posteriore e accentuano visivamente la larghezza della vettura. In conclusione, gli unici dettagli per distinguere questa versione a batteria sono le finiture satinate e, ovviamente il logo E-Tense. 

Comoda e ben rifinita

Lo stile ricercato della carrozzeria viene riproposto anche negli interni. Salendo a bordo della DS3 Crossback E-Tense, infatti, si entra immediatamente a contatto con quell’atmosfera raffinata che contraddistingue le vetture della marca francese. L’abitacolo è spazioso, le finiture curate e i materiali di qualità (nella parte alta, un po’ meno nella consolle e nelle porte, dove la plastica è rigida e sottile), con i rivestimenti in Alcantara, in pelle e in tessuti ricercati, ispirati al mondo della moda. Gradevoli e tecnologici, il cruscotto virtuale di 7” e lo schermo di 10,3” a centro plancia. Originali i comandi a sfioramento sotto il display, inseriti in un motivo a rombi, ricorrente negli interni: servono per selezionare alcune funzionalità, come il “clima” e la radio, che si gestiscono poi attraverso lo schermo a sfioramento del sistema multimediale (tuttavia, l’operazione è poco intuitiva e obbliga a distogliere lo sguardo dalla strada, i normali tasti fisici sono più diretti e meno dispersivi).

La posizione di guida è ben studiata e grazie alle precise regolazioni del sedile e a quella in altezza e profondità del volante consente di trovare facilmente il giusto assetto. Le poltrone della DS3 Crossback E-Tense, imbottite con schiuma poliuretanica ad alta densità, sono comode, anche dopo alcune ore di viaggio. Pure il divano è ampio e ben imbottito; peccato che i finestrini piccoli (l’originale “pinna” vicino al montante centrale è ingombrante) tolgano luce agli interni. Discreto il sistema multimediale, che ha una grafica curata, ma non molto intuitiva nell’utilizzo; Android Auto e Apple CarPlay sono di serie (si paga a parte, invece, il navigatore, 950 euro, con lo schermo tattile di 10,3”). Il cruscotto digitale (che riprende nel disegno lo schema a rombi) può mostrare, tra l’altro, le mappe del navigatore e le informazioni relative ai sistemi di assistenza alla guida. Il baule offre una buona capacità, da 350 a 1050 litri, ma ha una forma poco regolare, che ne penalizza lievemente la sfruttabilità. E la soglia di carico è alta ben 78 cm da terra.

Pronta e maneggevole

Premuto il pulsante di avviamento e cominciando ad accelerare ci si rende subito conto di essere su una vettura elettrica: ci si muove in silenzio, con una risposta dell’acceleratore immediata, specie in modalità Sport (si seleziona con un tasto nella consolle). Fin da subito si sente una bella spinta, soprattutto se si considera che si hanno a disposizione “solo” 136 CV. In modalità Comfort, invece, si perde un po’ di spunto, ma la guida resta piacevole; mentre in Eco l’auto è molto meno reattiva nella risposta, così da ridurre l’assorbimento dalla batteria. Per aumentare la capacità rigenerativa in frenata, si può inserire la funzione Brake (spostando indietro la leva del cambio): in questo modo, rilasciando il pedale dell’acceleratore, la vettura rallenta vistosamente, senza bisogno di toccare il freno. In marcia si apprezza lo sterzo piuttosto preciso della DS3 Crossback E-Tense, mentre la taratura abbastanza rigida delle sospensioni non fa coricare troppo l’auto in curva (il peso di quasi 1450 kg, 245 più della 1.5 a gasolio, comunque, si fa sentire), senza far viaggiare scomodi. 

A misura di città

Il meglio, però, a nostro parere, la DS3 Crossback E-Tense lo offre in città, dove si mostra estremamente maneggevole e poco affaticante: senza scosse e vibrazioni, ci si muove in silenzio nel traffico urbano, con un bello spunto al semaforo, poco sforzo al volante e una buona visibilità anteriore (dietro, invece, si vede poco). Non male pure il comfort su pavé e rotaie. Per questa elettrica, la casa dichiara un’autonomia di 320 chilometri, garantiti dalle batterie agli ioni di litio da 50 kWh, disposte sotto il panale. Per la ricarica, la DS dice che da una colonnina rapida da 100 kW basta mezz’ora per rigenerare le pile all’80%, mentre da una wall box da 7,4 kW, ne servono sette e mezza per rigenerarle al 100%. Durante il nostro test su strade urbane ed extraurbane abbiamo percorso 170 km, consumando 2/3 di carica. Ma con una guida molto più accorta avremmo potuto fare meglio.

“Vede” i segnali stradali

In vendita in tre allestimenti (So Chic, Business e Performance Line), la DS3 Crossback E-Tense è offerta a partire da 39.600 euro. Il prezzo non è leggero, tuttavia, fin dalla versione base la dotazione è completa, con i cerchi in lega di 17”, la chiave elettronica, il “clima” automatico, la frenata automatica d’emergenza, i sensori di parcheggio posteriori, il sistema di mantenimento in corsia e quello che riconosce i segnali stradali e li ripropone nel cruscotto. Tra gli optional, ci sono l’head-up display (400 euro), il parcheggio semiautomatico (Park Pilot, 500 euro), i fari a matrice di led (1.400 euro) e il pacchetto Drive Assist (da 600 euro), con il cruise control adattativo e altri sistemi di ausilio alla guida.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità.  Per un’auto lunga poco più di 4 metri, gli interni sono accoglienti: quattro adulti viaggiano comodi.
> Motore. È pronto e sufficientemente brioso, nonostante il peso che deve muovere.
> Personalità. La linea è originale e gli interni hanno parecchi dettagli.

DIFETTI
> Accesso al baule. La soglia alta da terra e il tasto di sblocco del portellone basso sono scomodi.
> Comandi. Quelli secondari riuniti nello schermo a sfioramento nella consolle, sono poco immediati nell’utilizzo. 
> Pinna laterale. Dà un tocco di originalità alla fiancata, ma riduce le dimensioni del finestrino posteriore e toglie luce all’interno.

SCHEDA TECNICA
Motore elettrico
Potenza massima kW (CV)/giri 100 (136)/n.d.
Coppia max Nm/giri 260/n.d.
Tipo batteria ioni di litio
Tensione - capacità 400 V - 50 kWh
Potenza max di ricarica dalle colonnine  
In corrente alternata 100 kW
In corrente continua 7,4 kW
Tempo di ricarica 7,5 ore (a 7,4 kW); 30' (a 100 kW)
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 150 (autolimitata)
Accelerazione 0-100 km/h (s) 8,7
Autonomia (km) 320 (ciclo WLTP)
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 412/179/153
Passo cm 256
Peso in ordine di marcia kg 1450
Capacità bagagliaio litri 350/1050
Pneumatici (di serie) 215/60 R17
VIDEO
DS 3 Crossback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
56
23
26
20
52
VOTO MEDIO
3,1
3.062145
177
Aggiungi un commento
Ritratto di v8sound
22 ottobre 2019 - 13:23
Ne vedremo tante... si con gli adesivi del concessionario appesi alle portiere! Prestazioni modeste in particolare riguardo l'accelerazione 0/100 addirittura maggiore rispetto alle analoghe endotermiche, consumi e relativa autonomia non certo eccezionali, tempi di ricarica lunghi anche a 7,4 kW che stimo sulle 25 h con wall-box da parete a 2,2 kW... ma si, questa però sposta l'inquinamento! "Avanti con l'elettrico" scriveva qualcuno...
Ritratto di v8sound
22 ottobre 2019 - 13:28
Visti i risultati, ribadisco che dal mio personalissimo punto di vista, FCA si dimostra la più avanguardistica nel settore EV puro... standosene alla larga!
Ritratto di v8sound
22 ottobre 2019 - 18:39
1) Chi ti ha detto che ho il C-HR? 2) Se sapessi comprendere, oltre che (forse) leggere, il discorso 0/100 non era riguardo al tempo in sè, solo un confronto tra 2 alimentazioni dello stesso modello 3) A casa mia ci sono 11 kW di fornitura + 9,3 kW di fotovoltaico, tanto per 4) Stalla sarà casa tua, anzi una squallida grigia topaia da periferia di città
Ritratto di v8sound
22 ottobre 2019 - 19:31
Ebbene si, ribadisco che sono un felice possessore di C-HR, poi vabbè, se per te è un gabinetto me ne farò una ragione... è un successo commerciale e i numeri di vendita sono lì a confermarlo e miglior acquisto non potevo fare, senza pretese di chissà che prestazioni, visto che possiedo pure una Corvette C5 che in tal senso svolge egregiamente il proprio compito. Tranquillo che comunque non la cambierei mai con la tua alternativa "alle solite berline tedesche" che nessuno vuole, ma presumo l'avrai presa usata, di un paio d'anni al 20% del costo da nuova. Detto ciò continui a non capire il discorso accelerazione e nemmeno quello relativo ai tempi di ricarica, visto che la stragrande maggioranza delle abitazioni ha i 3 kW... ma sono concetti, seppur molto semplici in sè, che tu non puoi capire. Considerando la tua "qualità intellettuale" invece, come scriveva Oscar Wilde: "mai discutere con un idi0ta, ti porta al suo livello e ti batte con l'esperienza"... Per cui, saluti ratto da tastiera.
Ritratto di v8sound
22 ottobre 2019 - 20:11
Rispondo non all'imbec1lle qui sopra che tanto non ci arriva, ma giusto per precisare che: A) Col CH-R percorro mediamente 100 km/giorno, la Corvette si e nò arrivo a 150 in una settimana, Corvette che peraltro mediamente è sui 8,5 - 9 km/l. La Corvette è del 2001, avendo più di 15 anni il superbollo è ridotto al 15% del superbollo e siamo sui 200 euro/anno + il bollo ovviamente; pagata si 20k euro ma è un modello che oramai tiene il prezzo, a differenza di certe alternative "alle solite berline tedesche" che di listino vengono 60, le compri usate a 20 e poi non riesci più a rivenderle. Dei citati "capolavori" non me ne può fregar di meno, mi tengo i miei cari cilindri a V e relativa melodia allo scarico.
Ritratto di v8sound
22 ottobre 2019 - 20:15
Boss-600 conosce le ricariche domestiche nei paesi dell'est perchè li si reca a caricare bovini.
Ritratto di v8sound
22 ottobre 2019 - 23:16
Per come siamo messi? Perchè tu di dove sei? Nel mio comune del nord-est Italia la raccolta differenziata funziona benissimo da 20 anni e arriva al 75%. Poi non tutta la penisola è così, purtroppo.
Ritratto di Paolo-Brugherio
23 ottobre 2019 - 17:15
6
Scusa Boss-600 se mi intrometto nella vostra diatriba con v8sound, ma volevo farti presente che talvolta le prestazioni non sono poi così importanti e decisive per la scelta di un modello. Se uno vuole accelerazioni fulminanti, si può togliere lo sfizio con una 500 Abarth. Se uno vuole un auto appagante per le sue esigenze e per il suo modo di guidare, una C-HR è una signora automobile. Tieni presente che c'è chi gira quotidianamente con Y10, Matiz, Punto, Meriva di 10 ~ 15 anni fa e che non pensa a quanto la propria auto impiega a fare il km da fermo!
Ritratto di v8sound
23 ottobre 2019 - 19:08
Ma allora proprio non c'arrivi... faccio un un ultimo tentativo, ma so già invano! Per prima cosa, ripeto ancora, ho pure un C5 che da 0/100 impiega 5,2 sec. (è automatica) per gli spostamenti di tutti i giorni 8 o 11 sec. sullo 0/100 interessano poco. Un 8,7 per un'EV da 100 e passa cv non è granchè di risultato in sè e addirittura peggiore della corrispondente ednotermica che ha supergiù la stessa cavalleria. Anche una F1 se impegasse 5 sec da 0/100 sarebbe una miseria, che poi a me e al 99% degli utenti basti ed avanzi anche il doppio è un altro discorso. 100 km al giorno sono una media, quella volta al mese che faccio 7500 km o più in un giorno che si fà? Mi fermo 4 ore a ricaricare? La Taycan tranquillo te la puoi tenere, manco fosse una Ferrari o una Lambo col monumentale V10 aspirato...
Ritratto di v8sound
23 ottobre 2019 - 19:09
* 750 km
Pagine