PRIMO CONTATTO

Hyundai i20: look più fresco e tanto brio

Il restyling ha dato alla Hyundai i20 un aspetto più moderno, mentre il 1.0 turbo da 120 CV abbinato al nuovo cambio a doppia frizione DCT la rendono vispa. Alta la soglia di carico.

5 giugno 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 22.000*
  • Consumo medio

    15,6**
  • Emissioni di CO2

    146** grammi/km
  • Euro

    6
Hyundai i20
Hyundai i20 1.0 T-GDI Xpossible DCT

*indicativo; **valori in base al nuovo ciclo di omologazione WLTP

Qualche tocco di belletto

Puntuale, a tre anni dal lancio, la Hyundai i20 cambia leggermente fisionomia per apparire più moderna, ma anche per arricchirsi di contenuti tecnologici. Esternamente la rinfrescata riguarda la parte bassa del paraurti, le sedi dei fendinebbia e la mascherina anteriore, con gli angoli superiori della griglia più aperti verso le estremità. Qualche modifica è stata fatta anche nella parte posteriore, con la targa che è stata spostata più in alto, nel portellone, i fanali dalla forma inedita e il paraurti con nuovo profilo. Inoltre, il tetto si può avere nero, a contrasto con il resto della carrozzeria, che propone una rinnovata gamma di colori.

Ricca di tecnologia

Le novità della Hyundai i20 riguardano anche gli interni (sempre ben rifiniti e spaziosi), con nuove possibilità di personalizzazione ma, soprattutto, con l’inedito sistema multimediale, che ha lo schermo di 7” a centro plancia (5” nelle versioni meno accessoriate), il navigatore e, per la prima volta, la possibilità di integrare gli smartphone attraverso Apple CarPlay e Android Auto: una funzionalità diventata ormai irrinunciabile. Non cambia il baule (326/1042 litri di capacità), che conserva, purtroppo, anche la notevole altezza da terra della soglia (75 cm). Notevole il miglioramento a livello di sicurezza, con sistemi di ausilio alla guida prima assenti, tra cui la frenata automatica di emergenza che, sfruttando la telecamera anteriore, si attiva in tre fasi. Inizialmente, rilevando un pericolo di collisione frontale, avvisa il guidatore con un segnale visivo e acustico, successivamente effettua una frenata leggera, e quindi applica la massima forza possibile per arrestare la vettura. Ma sulla Hyundai i20 c’è anche il rilevamento della stanchezza del conducente che, analizzando alcuni parametri dell’auto (tra cui l’angolazione del volante, l’intensità della sterzata, la posizione del veicolo rispetto alla carreggiata e la durata del viaggio), valuta se il guidatore sia in grado di continuare il viaggio. Se vengono rilevate delle anomalie rispetto al comportamento standard, il sistema emette un allarme acustico e, allo stesso tempo, compare un messaggio sul quadro strumenti che avverte il guidatore suggerendo una pausa dalla guida. Inediti pure il Lane departure warning (con il sistema di mantenimento in corsia) e l’High beam assist (gli abbaglianti automatici, che evitano di “accecare” gli automobilisti che arrivano in senso contrario).

Agile e sicura

Fa il suo debutto sulla Hyundai i20 anche il cambio robotizzato a doppia frizione a sette marce DCT, abbinato al 1.0 turbo. Appena avviato il motore, nella versione da 120 CV dell’auto del test, si notano le ridotte vibrazioni del tre cilindri e la rumorosità piuttosto contenuta; poi, andando a velocità moderata si apprezza soprattutto il comfort offerto dalla Hyundai i20 1.0 T-GDI, che assorbe bene le sconnessioni della strada e le buche meno profonde, e non si comporta male neppure su rotaie e pavé. In città la maneggevolezza della vettura facilita le manovre nel traffico, il motore fluido sopra i 2000 giri (in basso il cambio DCT lo rende a volte un po’ brusco) e lo sterzo leggero mettono subito a proprio agio (nelle manovre in retromarcia, però, si soffre un po’ per via della scarsa visibilità offerta dal piccolo lunotto). Sulle strade extraurbane si apprezzano la facilità di guida e il brio del motore della Hyundai i20 che, assieme al cambio DCT in modalità Sport, permette un’andatura brillante; elevata la sensazione di sicurezza alla guida, grazie all’efficienza dell’impianto frenante e delle sospensioni che, sebbene con una taratura finalizzata al comfort, non fanno coricare troppo l’auto di lato in curva. Abbastanza diretto lo sterzo, leggero a bassa andatura, ma poco consistente in velocità. Quanto ai consumi, per la casa l’auto è in grado di percorrere 15,6 km/l in media (secondo il nuovo ciclo di omologazione WLTP): nel nostro test, in gran parte su fuori città e in autostrada, nel computer di bordo abbiamo letto 14,5 km/l.

Appuntamento in concessionaria a luglio

La Hyundai i20, sarà nei saloni a partire da luglio, da poco più di 14.000 euro per la 1.2 da 75 CV. Gli altri motori, tutti a benzina, oltre al 1.0 T-GDI da 100 e 120 CV, sono il 1.2 da 84 CV e il 1.4 da 100. Di serie, per l’intera gamma, il sistema Stop&Start ISG.

Secondo noi

PREGI

> Comfort. L’auto è ben insonorizzata, l’abitacolo è accogliente e spazioso, con poltrone larghe. Efficaci le sospensioni.
> Finiture. Le plastiche, anche se rigide, sono gradevoli al tatto e si nota pure un’attenzione per i dettagli che non è così scontata per un’utilitaria (come le cinture di sicurezza regolabili in altezza). 
> Motore. Il 1.0 turbo a iniezione diretta di benzina è brioso e non è mai troppo rumoroso.

DIFETTI
 
> Regolazione schienale. A scatti, tramite una leva, è scomoda e poco precisa.
> Sterzo. Aumentando un po’ il ritmo si mostra impreciso e poco comunicativo (fa sentire poco quello che fanno le ruote anteriori).
> Visibilità posteriore. Il lunotto piccolo impedisce di percepire al meglio gli ingombri della carrozzeria nelle manovre in retromarcia. 

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 998
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 88 (120)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 172/1500-4000
Emissione di CO2 grammi/km 146
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizzato doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 190
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,5
Consumo medio (km/l) 15,6
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 404/173/147
Passo cm 257
Peso in ordine di marcia kg 1110
Capacità bagagliaio litri 326/1042
Pneumatici (di serie) 185/55 R16
Hyundai i20 1.0 T-GDI Xpossible DCT
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
4
3
12
5
2
VOTO MEDIO
3,1
3.076925
26
Aggiungi un commento
Ritratto di gjgg
5 giugno 2018 - 16:59
1
Bella accoppiata motore-cambio automatico come proposta in questo segmento (anche se, se non erro, il 120HP in tal caso non risulterebbe tanto più performante del 100HP, e tant'è che 10,5sec nello 0-100 non è proprio da stracciarsi le vesti). Però ultimamente il made in Corea inizia ad avere prezzi non tanto più da made in Corea, cioè 22.000 seppur indicativi e da scontare, penso che a sto punto andrei non dico, troppo facile, di Mito 140HP TCT (circa stesso prezzo di listino ma presumibilmente ben altra scontistica, oltre che ben altre prestazioni), ma anche semplicemente di Ibiza 115HP DSG (la Fiesta mi sa che l'automatico lo dà solo sulla 100HP mentre sulla 125HP no, altrimenti era un'altra candidata)
Ritratto di carletto86
6 giugno 2018 - 11:58
Concordo! 10,5s per una seg.b con 120cv sono una miseria! la mia vecchia Ibiza 1.2tsi con soli 105cv ferma il cronometro a 9,3s
Ritratto di Mattia Bertero
5 giugno 2018 - 17:10
3
I20. Questo motore c'è l'ho montato sulla mia Kia Stonic però con il cambio manuale a 6 marce. E' un ottimo propulsore, brioso quando serve e molto versatile quando si deve andare tranquilli, ha coppia fin dai 1500 giri e si riprende bene a marce alte con bassi giri. Io di media consumi riesco a fargli anche i 17 Km/l. Tornando alla macchina, la i20 mi è sempre piaciuta, questo restyling davanti è riuscito, dietro un po' meno. Il sistema multimediale è ottimo, anch'essi c'è l'ho montato sulla mia. Forse un pelo cara, però rimane un'ottima utilitaria.
Ritratto di MirtilloHSD
5 giugno 2018 - 17:39
4
Spero che ci siano forti sconti, perchè 22000 euro mi sembrano un po' troppi. La Yaris Hybrid Style costa (da scontare) più o meno questa cifre, ma almeno è ibrida. Un saluto, Mirtillo
Ritratto di nospi2008
28 giugno 2018 - 23:00
Hanno preso in'esame l'allestimento xPossible però (il più ricco)! La Yaris Hybrid, stando ad alVolante, offre per esempio come optional i cerchi in lega, l'antifurto, il cruise control, i sensori post. di parcheggio tutti accessori che su questa i20 sono neanche a dirsi di serie (visto il prezzo)! Senza parlare dei 4 sistemi di sicurezza attiva, elencati in questo articolo al punto "Ricca di tecnologia", che potrebbe averceli anche tutti (non presenti sulla Yaris).
Ritratto di bubu
5 giugno 2018 - 17:40
la trovo appesantita rispetto al modello precedente, che nemmeno eccelleva!
Ritratto di RS
5 giugno 2018 - 17:52
Molto bella e valida, però che prezzi per un segmento B, a benzina 1.0 - 3 cilindri.
Ritratto di morino
5 giugno 2018 - 17:59
Prezzo assurdo per un 1.0 di cilindrata….
Ritratto di manuel1975
5 giugno 2018 - 18:40
a mio avviso beve molto
Ritratto di Giuliopedrali
5 giugno 2018 - 19:03
Niente da dire, però almeno in sto paese, le code le vediamo ai concessionari (le vedremo, prendo auto in procinto di essere prodotte per assurdo) delle Audi Q8 e E-tron, Jaguar I-Pace o della Hyundai per la Tucson.
Pagine