PRIMO CONTATTO

Hyundai Kona: tranquilla o brutale, decidi tu

La Hyundai Kona N è la versione ad alte prestazioni della crossover coreana: docile se si vuole andare piano, sa essere “cattiva” se si mette alla frusta il 2.0 turbo da 280 CV: sterzo, sospensioni, cambio e freni sono da vera sportiva. Sottotono, però, alcune plastiche degli interni.
Pubblicato 28 luglio 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 42.500
  • Consumo medio (dichiarato)

    11,8 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    194 grammi/km
  • Euro

    6d
Hyundai Kona
Hyundai Kona 2.0 T-GDI N Performance
A prova di Nürburgring

La crossover compatta Kona si aggiunge alla famiglia di Hyundai ad alte prestazioni, che già include la piccola i20 e la media i30. Questi modelli sono contraddistinti dalla lettera N, che è l’iniziale sia del centro di ricerca e sviluppo coreano di Namyang, dove nascono le Hyundai “al peperoncino”, sia del difficile circuito tedesco del Nürburgring, dove se ne effettua la messa a punto finale. Spinta dallo stesso 2.0 turbo a iniezione diretta di benzina della i30 N, la Hyundai Kona N ha la trazione anteriore e 280 CV, per prestazioni ufficiali davvero notevoli per una crossover così piccola: “0-100” in 6,4 secondi (che scendono a 5,5 sfruttando il sistema Launch Control) e velocità massima di 240 km/h.

Sportiva, e si vede

La Huyndai Kona N aggiunge all’aspetto già personale dei modelli meno potenti una serie di componenti che non lasciano dubbi sul potenziale della vettura. Il frontale è dominato dalle grandi prese d’aria e dalla mascherina nera con griglia a nido d’ape, e dai fari con un’inedita “firma” luminosa. La fiancata è caratterizzata dai parafanghi in tinta con la carrozzeria, dalle modanature rosse nelle minigonne, dai cerchi in lega forgiati di colore grigio scuro e dalle pinze dei freni rosse. Dietro, spiccano lo spoiler a doppia ala alla fine del tetto, con al centro la luce di stop triangolare tipica delle “N”, e i due enormi terminali di scarico integrati nel paraurti, sagomato come un estrattore aerodinamico. I pneumatici sono gli sportivi Pirelli PZero 235/40 con diametro di 19”. Come tutte le Kona, le luci sono suddivise in vari elementi separati, e quelli più in basso risultano esposti ai piccoli urti… attenzione nei parcheggi!

Grafica “racing” per il cruscotto digitale

L’accento sportivo si ritrova (seppure in forma un po’ meno vistosa) anche negli interni della Hyundai Kona N. I dettagli “racing” riguardano la pedaliera in metallo a vista, i sedili avvolgenti (regolabili elettricamente, riscaldabili e ventilati di serie) e il volante con i tasti azzurri sotto le razze, per selezionare le modalità di guida più sportive. Quando si inseriscono queste ultime, la grafica della strumentazione digitale di 10,25” diventa di colore rosso; uguale dimensione per lo schermo a sfioramento del sistema multimediale. Curiosa la presenza di un freno a mano tradizionale invece che elettronico, con leva rivestita di pelle traforata antiscivolo per migliorare la presa. Delle altre Kona rimangono qualche plastica un po’ “povera” e la capacità non proprio elevata del bagagliaio.

Autobloccante di serie

La Hyundai Kona N monta un quattro cilindri turbo 2.0 a iniezione diretta di benzina con 280 CV e 392 Nm di coppia motrice, associato a un cambio robotizzato a doppia frizione (a bagno d’olio) con otto rapporti. L’assetto è ribassato e irrigidito e la vettura è dotata di un differenziale autobloccante a gestione elettronica, per aiutare a trasmettere a terra tutta la potenza. Per ottenere il massimo scatto, poi, si può attivare il Launch Control, mentre le quattro modalità di guida (Eco, Normal, Sport e N, alle quali si aggiunge la Custom per variare singolarmente i diversi parametri) si selezionano con il tasto azzurro dell’N Grin Control, sulla razza sinistra del volante. Ma anche per il cambio l’elettronica di gestione gioca un ruolo importante. 

Venti secondi da brivido

L’N Power Shift (NPS) si attiva nella modalità di guida N, quando l’acceleratore della Hyundai Kona N viene premuto oltre il 90%; nei passaggi alle marce superiori, invece della fluidità si privilegia la rapidità. Ogni innesto si “sente” bene nella schiena e anche il suono allo scarico cambia registro, emettendo un deciso “botto” a ogni cambiata. Quello che la casa chiama N Grin Shift, invece, è una sorta di “boost” che si attiva premendo il pulsante azzurro nella razza destra del volante, e consente di avere a disposizione la massima potenza. Dura 20 secondi, e il countdown compare nel cruscotto. Dopo che l’effetto boost è terminato, si devono attendere almeno 40 secondi per poterlo utilizzare di nuovo, per evitare un’eccessiva sollecitazione termica della meccanica. Infine, l’N Track Sense Shift (NTS) ottimizza il funzionamento del cambio per la guida in pista. I vari sensori riconoscono se l’auto è impegnata nella guida al limite in circuito e seleziona le marce per fornire le migliori prestazioni (per esempio, mantenendo i rapporti inferiori nella percorrenza delle curve, così da massimizzare l’accelerazione in uscita).

Doppia personalità

Ma veniamo alle impressioni di guida della nuova Huyndai Kona N. Pur senza andare in pista, l’alternanza di strade ricche di curve e tratti autostradali senza limiti di velocità nei pressi di Francoforte ci ha consentito di mettere alla prova l’agile crossover coreana, che si è dimostrata docile e facile da guidare a bassa e media andatura, e molto divertente nella guida sportiva. In Eco e Normal, infatti, si apprezzano la regolarità di funzionamento del 2.0 e la fluidità del cambio. Impostando la modalità di guida N, però, comincia il divertimento. Lo sterzo e le sospensioni a controllo elettronico si induriscono, il motore diventa molto più reattivo e il cambio passa da un rapporto all’altro con estrema rapidità: il 2.0 spinge forte fin dai bassi giri, ha una coppia poderosa e un notevole allungo. 

L’impianto frenante della Hyundai Kona N è potente, ben modulabile e resistente all’uso intenso. Insomma, pare proprio un’auto capace di dare il meglio tra i cordoli. Inoltre, nel display centrale è possibile visualizzare le informazioni specifiche per la guida sportiva, come i valori istantanei di coppia e potenza, la pressione del turbo e del lubrificante del motore e l’accelerazione (dati che vengono ripetuti anche in una schermata del computer di bordo nel cruscotto). Non mancano la funzione cronometro, con la memorizzazione dei tempi sul giro di pista, e la riproposizione di alcuni dati nel Performance head-up display, su cui vengono visualizzate informazioni quali i giri del motore, la velocità o l’indicatore di cambiata durante la guida in modalità Sport o N. Quanto ai consumi, in media abbiamo percorso 9,7 km/l (letti sul computer di bordo). Non male, tenuto conto dello stile di guida per nulla finalizzato al contenimento dei consumi.

In concessionaria a settembre

La nuova Huyndai Kona N sarà nei saloni a settembre, in una configurazione full optional. Di serie ci sono i fari full led, i cerchi in lega di 19”, il “clima” bizona, le sospensioni elettroniche, il differenziale a slittamento limitato e un pacchetto completo di sistemi di ausilio alla guida, tra cui la frenata automatica d’emergenza che rileva anche pedoni e ciclisti, il mantenimento in corsia, il cruise control adattativo e i sensori dell’angolo cieco. Il prezzo è di 42.500 euro, ma la Hyundai fa uno sconto di 3.300 euro (scendendo a 39.200) in caso di permuta o rottamazione, se si sceglie un finanziamento della casa.

Secondo noi

PREGI
> Guida. Questa crossover entusiasma fra le curve: lo sterzo, le sospensioni, il cambio e i freni sono da sportiva.
> Motore. Il 2.0 turbo è regolare nella guida tranquilla, ma sa essere molto grintoso se si selezionano le modalità di guida sportive.
> Sicurezza. L’auto è dotata dei più recenti sistemi elettronici di ausilio alla guida, che intervengono con efficacia, ha una tenuta di strada sicura e una frenata molto potente.

DIFETTI
> Baule. Non è dei più capienti, anche se il vano ha una forma piuttosto regolare che lo rende ben sfruttabile.
> Dettagli. Alcune plastiche delle porte e della plancia hanno un aspetto economico.
> Luci. Sono disposte su vari piani, e quelle più in basso sono esposte alle classiche “toccatine” da parcheggio.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 1998
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 206 (280)/5500-6000 giri
Coppia max Nm/giri 392/2100-4700
Emissione di CO2 grammi/km 194
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 240
Accelerazione 0-100 km/h (s) 5,5
Consumo medio (km/l) 11,8
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 422/180/157
Passo cm 260
Peso in ordine di marcia kg 1435
Capacità bagagliaio litri 361/1143
Pneumatici (di serie) 235/40 R19
Hyundai Kona
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
159
120
76
56
93
VOTO MEDIO
3,4
3.38889
504


Aggiungi un commento
Ritratto di OB2016
28 luglio 2021 - 00:47
1
Una bomba in tutti i sensi: potenza e bruttezza! La Kona normale mi piace di più, questa è troppo verniciata.
Ritratto di Cancello92
28 luglio 2021 - 09:04
Concordo ma poi l'hanno abbassata, sembra un'utilitaria normale ma più alta praticamente è una monovolume
Ritratto di bangalora
30 luglio 2021 - 18:11
Secondo me svernicia molte auto
Ritratto di Cilindrata
28 luglio 2021 - 07:05
Il brand Hyundai è molto cheap e popolare, nonostante le ultime buone realizzazioni. Però fanno bene a far uscire proposte come questa.
Ritratto di alex_rm
28 luglio 2021 - 08:48
Forse per l’italiano medio il brand Hyundai potrà essere cheap e popolare ma a livello mondiale vende tantissimo ed anche modelli più costosi(oltre alle genesis) di quelli venduti nel piccolo e povero mercato italiano. Sono vendute tantissimo soprattutto negli usa,Asia,Africa ed ecc ecc. Per le vendite é diventato il quarto produttore al mondo
Ritratto di - ELAN -
28 luglio 2021 - 09:23
1
Concordo con alex_m ma il fatto che venda non significa che sia un brand "da battaglia" come rapporto qualità-prezzo. Qualità non è solo gommina bella, cromaturina... ma anche affidabilità e robustezza. P.S. da noantri credo sia ben più popolare una A 180d Renault o una BMW 3 cilindri di una qualsivoglia Hyundai N.
Ritratto di kirikiri
28 luglio 2021 - 21:01
Da noiantri sono ben più popolari auto come Golf GTI, Audi S3/RS3 e MB A35/A45 AMG di questo sgorbio di auto. Certo che sei poi si vive sotto Treviglio non si può vedere tutto questo granché...
Ritratto di - ELAN -
29 luglio 2021 - 09:39
1
Ah, mazdasuzuki buongiorno.
Ritratto di Cilindrata
28 luglio 2021 - 17:03
Vende tantissimo prodotti molto popolari. Fatti un giro in Cina, nel sudest asiatico, in Sudamerica.. ma anche negli US. Al netto delle ammiraglie Genesis.
Ritratto di - ELAN -
28 luglio 2021 - 18:08
1
Certamente, l'affidabilità all'estero rende i prodotti popolari. Qualcuno da noi sta cominciando a capirlo, però è dura contro alcuni sottoprodotti premium che dalla loro hanno il brand popolare.
Pagine