PRIMO CONTATTO

Hyundai Santa Fe: più spazio anche alla sicurezza

Utili i nuovi sistemi di ausilio alla guida della Hyundai Santa Fe, il cui 2.2 a gasolio guadagna tre cavalli. L’abitacolo è ampio, ma la cura per i dettagli non è il massimo.

6 giugno 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 48.350
  • Consumo medio

    15,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    174 grammi/km
  • Euro

    6
Hyundai Santa Fe
Hyundai Santa Fe 2.2 CRDi Xpossible 4WD Automatica
Fuori, nessuna rivoluzione

Da qualche settimana la grande suv Hyundai Santa Fe è disponibile nella versione aggiornata. Dal punto di vista estetico le modifiche sono lievi: riguardano la mascherina, con listelli più sottili, e il paraurti anteriore, in particolare nella zona dei fendinebbia (contornati da un inserto a “C” color alluminio) e delle luci diurne a led. Dietro invece, spicca il doppio terminale di scarico a forma quadrata. 

Nuovo impianto multimediale

L’abitacolo molto spazioso (dietro si sta bene anche in tre e il divano scorre di 25 cm) e con la gradevole plancia sinuosa resta quello della precedente Hyundai Santa Fe. A cambiare è l’impianto multimediale col navigatore (di serie, tranne per la Classic): ora ha la radio digitale e uno schermo nella consolle di 8 pollici anziché di 7”. Nel caso della Xpossible del nostro test, i sedili sono in pelle e riscaldabili (di serie, insieme alle regolazioni elettriche per quello di guida): fanno un figurone e sono comodi. Gli assemblaggi e le finiture sono apprezzabili ma, considerato il prezzo della vettura, alcuni dettagli sono sottotono. Per esempio, le plastiche per la zona inferiore dell’abitacolo hanno un aspetto economico, le tasche nelle porte sono prive di rivestimento, come pure il cassetto di fronte al passeggero anteriore (il cui sportello, aprendosi, non ha la discesa frenata e “cade” sulle ginocchia). Grande anche il baule, completo di vano sotto il fondo (con l’alloggiamento per riporre il tendalino quando non serve), ma con le pareti rivestite di plastica dura e facile a rigarsi.

È più tecnologica

Per la Hyundai Santa Fe le novità più consistenti sono in termini di sicurezza, col debutto dei più recenti sistemi di assistenza alla guida. Si tratta dell’avviso per l’uscita involontaria di corsia (di serie per la Style e per il nuovo e ricco allestimento Xpossible) e di quelli nel pacchetto Safety (di serie per la Style, 2.000 euro per la Xpossible). Quest’ultimo include la segnalazione di un veicolo nell’angolo cieco nei retrovisori e l’allarme anti-tamponamento con frenata automatica d’emergenza, oltre al cruise control adattativo e al sistema di telecamere tutto intorno all’auto, che rende più agevoli le manovre. Altra novità, il 2.2 turbodiesel passa da 197 a 200 CV ed è abbinato esclusivamente al cambio automatico e alla trazione integrale. In alternativa, è confermato il 2.0 a gasolio (150 CV) col cambio manuale per le Hyundai Santa Fe a due o a quattro ruote motrici. I prezzi della Hyundai Santa Fe includono una ricca dotazione: vanno da 37.350 euro per la 2.0 CRDi 2WD Classic da 150 CV (di serie, i cerchi in lega di 17”, il climatizzatore bizona, il cruise control e la radio col Bluetooth) a 52.350 euro per la 2.2 CRDi Style 4WD (200 CV) col cambio automatico e i cerchi di 19”, oltre all’apertura elettrica per il portellone. 

Come va sull’asfalto

Nonostante il peso prossimo alle due tonnellate e le imponenti dimensioni della carrozzeria, la Hyundai Santa Fe 2.2 CRDi Xpossible Automatica 4WD non è impegnativa da guidare. Ha reazioni sincere ed è stabile (merito anche dei larghi pneumatici di 18”, di serie per la Xpossible). I 200 cavalli del “2200” spingono con vigore e regolarità, mentre la risposta dello sterzo infonde sicurezza e il cambio automatico a sei rapporti è morbido nei passaggi di marcia. Ma, non chiedete a questa suv di essere anche sportiva: il rollio è accentuato mentre la trasmissione automatica non è così rapida (neppure nell’impostazione più sportiva, una delle tre opzioni da selezionare premendo il tasto a sinistra del volante). Scomoda, inoltre, la modalità manuale: si può utilizzare solo la leva nel tunnel, mentre sarebbero più pratiche delle levette dietro il volante (non sono previste neppure come optional). Altro dettaglio da migliorare, l’assorbimento da parte delle sospensioni delle sconnessioni più “secche”. Va detto, però, che questo è l’unico aspetto che riduce un comfort, nel complesso, più che soddisfacente (l’abitacolo è ben insonorizzato). 

E sullo sterrato…

Normalmente la trazione è solo sulle ruote anteriori ma, se una di queste slitta, una frizione multidisco controllata elettronicamente la trasmette anche a quelle posteriori. Il guidatore della Hyundai Santa Fe può anche bloccare la distribuzione della coppia al 50% davanti e al 50% dietro, premendo un tasto a sinistra del volante. La discreta distanza fra il fondo dell’auto e il suolo (19 cm), oltre al sistema che mantiene costante la velocità nelle discese (non fa superare all’auto i 10 km/h), favoriscono il disimpegno su percorsi accidentati ma, per il fuori strada impegnativo, servirebbero le marce ridotte, che non sono previste. Quanto ai consumi, da un’auto del genere non si possono pretendere miracoli e, secondo i computer di bordo, nel nostro test su strade extraurbane e nel fuori strada “leggero”, abbiamo tenuto una media di circa 11 km/l.

Secondo noi

Pregi
> Facilità di guida. Anche se è un “macchinone”, si lascia condurre con un dito.
> Motore. Ha una bella verve e spinge con regolarità.
> Spazio. Ce n’è in abbondanza, sia per le persone sia per i bagagli.

Difetti
> Cambio automatico. Non è dei più lesti nel selezionare le marce e mancano le palette al volante.
> Dettagli. Alcuni particolari, come le tasche nelle porte, non sono all’altezza del prezzo della vettura.
> Sospensioni. Non sempre filtrano bene le buche.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2199
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 174 (200)/3800 giri
Coppia max Nm/giri 440/1750-2750
Emissione di CO2 grammi/km 174
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 203
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,6
Consumo medio (km/l) 15,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 470/188/168
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1965
Capacità bagagliaio litri 585/1680
Pneumatici (di serie) 235/60 R18
Hyundai Santa Fe
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
71
73
43
20
26
VOTO MEDIO
3,6
3.613735
233
Aggiungi un commento
Ritratto di Vespa Primavera
6 giugno 2016 - 13:37
Non è proprio il mio genere di auto, ma con soli 15€ e 174km/l di consumo medio, ci farei un pensierino...
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
6 giugno 2016 - 14:07
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
6 giugno 2016 - 14:32
Proprio poco fa mi sono posto una strana ma lecita domanda: Che immagine ha oggi Hyundai in Italia? È percepita come una Toyota? Ha più immagine la Tucson o il RAV4?
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
6 giugno 2016 - 14:34
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di marcoveneto
6 giugno 2016 - 15:32
Molto piu bello il RAV 4 esternamente... come interni invece x me nessuna delle due eccelle e x quanto riguarda i motori Toyota offre l'ibrida; mentre il Tucson offre anche diesel "prestanti" (con 184 cv) se non sbaglio, e il Rav no...
Ritratto di AMG
6 giugno 2016 - 16:58
Ovviamente la Toyota secondo me ha una se non due marce in più. Ovvio che anche per quanto riguarda i motori, la proposta è piuttosto diversa e in Toyota forse anche un po' ristretta. La Hyundai recentemente ha fatto notevoli passi avanti, forse un po' più in apparenza che in sostanza, cosa che risulta quasi il contrario per Toyota. Certo tra le due io direi comunque Toyota, senza pensarci troppo. Tra Tucson e Rav4 sceglierei Rav4, anche se ultimamente i prezzi per entrambi sono saliti un po' troppo, almeno sull'ibrido Toyota hai un "perché" al prezzo, e comunque un modello e un marchio con molta più storia e reputazione, poi l'ultimo Rav ha perfezionato il frontale e i alcuni dettagli e adesso mi aggrada assai di più
Ritratto di slvrkt
6 giugno 2016 - 14:47
3
La Tiguan la paragoni alla Tucson, non alla Santa Fe, e la Tucson e' molto piu' bella della triste Tiguan, anche se la qualita' e' mediocre e la guida deprimente (non che la VW sia auto da entusiasti). Sante Fe invece e' mediocre in tutto. Ma sia Hyunda che VW sono ben lontani dall'essere marchi di pregio.
Ritratto di Magnificus
6 giugno 2016 - 14:15
Fa strano leggere che come difetto non filtra bene le buche....dovrebbe essere il suo pane.comunque gradevole in linea generale con un motore diesel 2.2 da 200 cavalli .piu di un altro blasonato 2.2.;-)
Ritratto di marcoveneto
6 giugno 2016 - 14:21
Carina e x niente male, il muso è molto simile al tucson... Credo che preferirei le cugine Sorento e Sportage... in attesa della nuova Skoda
6 giugno 2016 - 14:38
"Sotto il cielo di Krodaaa, s' è inchiodata la Skodaaa..." (Cit.Gemelli Ruggeri").
Pagine